L’idea regalo perfetta per le mamme a Natale

Dobbiamo parlare di un problema molto grave: i genitori che si dotano dei mezzi più avanzati della tecnologia (computer e smartphone) e che si iscrivono ai social network e iniziano a usare i sistemi di messaggistica moderni. Quanto sono cambiate le nostre vite con l’arrivo dei papà e (soprattutto) delle mamme su Facebook e su Whatsapp?

Sicuramente sono cambiati i risvegli, con BUONGIORNISSIMI e KAFFEEEEEEÈ a volontà, ma è stato ridefinito anche il concetto stesso di imbarazzo, grazie ai momenti in cui si viene taggati a tradimento in foto imbarazzanti con i parenti o delle nostra infanzia.

Per non parlare della quantità illegale di catene di Sant’Antonio che vengono inviate ai figli, facendo arrivare notifiche che illudono i malcapitati di aver ricevuto un messaggio dalla persona amata e invece si tratta dell’ennesimo testo in cui si invita a inoltrare a 100 persone, altrimenti non ci si sposa più.

Sono tutti problemi che però sono facilmente risolvibili, come ci spiegano i The Jackal e ActionAid.

ActionAid è da sempre impegnata nel sociale e questa campagna sull’adozione a distanza ci ricorda che basta davvero un piccolissimo gesto per offrire un futuro migliore ai bambini nati in comunità meno fortunate rispetto alle nostre, sconfiggendo la povertà e le ingiustizie.

Quando parliamo di “piccolo gesto”, non scherziamo: sono sufficienti 82 centesimi al giorno, meno di 25 euro al mese affinché si possa garantire ai bambini l’opportunità di frequentare la scuola, essere curati, e avere diritto al cibo. Senza dimenticare che questi soldi potranno servire anche per fornire supporto in caso di emergenze e calamità naturali.

Per capire meglio di che cosa si tratta è possibile andare sul seguente link: http://l12.eu/actionaid-1168-au/MBRCO4LNXIJAYQ4CPB29.

L’adozione a distanza, in realtà, avvicina più di quanto si possa pensare: chi decide di donare, infatti, potrà ricevere foto del bambino e informazioni per conoscere la sua storia e quella del suo Paese, scrivere messaggi, ricevere suoi aggiornamenti, fino ad avere la possibilità di andarlo a trovare.

Ma soprattutto non dimenticate: niente più catene di Sant’Antonio su WhatsApp!

Buzzoole

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: