Tutti (o quasi) gli album che escono il 16 giugno

Album del 16 giugno 2017
Gli album del 16 giugno 2017, starring uno dei dischi più attesi dell’anno (o, meglio, degli ultimi quattro anni). 👇

— La gestazione di Melodrama di Lorde non è stata delle più facili: le aspettative dopo il successo del primo strepitoso album, la rottura con lo storico fidanzato, le session inconcludenti con Joel Little il musicista con cui aveva scritto Pure Heroine, la foto in mezzo a Nicola Piovani e Raphael Gualazzi.

Poi le cose sono migliorate: Lorde ha incontrato Jack Antonoff, l’alchimia tra i due ha dato il via ai lavori per questo secondo disco e lei ha finalmente trovato il coraggio per:

«Non è un breakup album” ha dichiarato lei al New York Times «è un disco sullo stare da soli. Gli aspetti positivi e quelli negativi». Capito Fabio? Vuole stare da sola.

— Ormai Marco Mengoni è talmente spudorato che non solo si è ispirato pesantemente a Waves per il suo nuovo remix, ma l’ha fatto pure per una canzone intitolata Onde: a Paolo Fox / Adriana Volpe mess. Ne parliamo perché oggi esce l’EP che racchiude cinque diverse versioni di Onde e che, in mancanza di nuova vera musica, sarà la release del 2017 di Marco Mengoni.

— Dopo le tante attività che ha svolto negli ultimi anni (scrittrice, modella, attivista LGBTQ, Pokémon mutante, fashion designer) Beth Ditto torna al mondo della musica: lo fa senza i The Gossip, sciolti definitivamente l’anno scorso, ma con il sorprendente disco solista Fake Sugar.

— Nati come risposta femminile ai 5 Seconds of Summer, gli Hey Violet si sono velocemente allontanati dal rock verso sonorità più pop. L’evoluzione ha portato alla hit Guys My Age (da non confondere con l’altrettanto pazzesca Girls Your Age) e all’attesissimo disco di debutto From The Outside.

— Mentre tutti ci interrogavamo sull’identità di Liberato neanche fosse Max di Sarabanda, i numeri veri nel pop napoletano li stavano macinando I desideri. I 40 milioni di visualizzazioni (di cui però più di 20 fatte grazie a Clementino) hanno convinto con un paio di anni di ritardo la Sony ha investire su di loro e pubblicare #Uagliù.

— A tre anni di distanza dal trionfo del loro primo disco (#1 nel Regno Unito, disco di platino, nomination al Mercury) i Royal Blood tornano con How Did We Get So Dark?.

Commenti via Facebook

Maxxeo

Mi chiamo Matteo (ma vorrei mi chiamaste Carlo) e non vivo a Milano. Ho dieci anni più di quanti ne aveva Anna Tatangelo quando vinse Sanremo e qualche taglia in più di Monica Leofreddi. Scrivo per il Signor Ponza fondamentalmente perché come logopedista di Tea Falco ho fallito.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: