All the good things come to an end

 

logo_grande

Quando iniziammo l’avventura de Il Ballo Del Cervello volevamo offrire agli internauti la possibilità di sorridere, informarsi e leggere punti di vista diversi dal solito, con la sfidante mission di essere i paladini dello small talk. Son passati quasi 3 anni, abbiamo pubblicato più di 400 post, ospitato una 50 di autori in altrettante rubriche diverse, condotto per 2 anni un programma in radio e se tra questi numeri qualcuno di voi è stato raggiunto dalle nostre cazzate e dai nostri momenti semiseri, possiamo dirci soddisfatti. Come avrete capito, Il Ballo Del Cervello da oggi chiude ufficialmente. Chiude nella sua forma di blog autonomo, per motivi diversi che non ha senso elencare e che soprattutto esulano dagli scopi per cui il blog stesso è nato. Chiudiamo con il cuore pesante, ma consci che abbiamo fatto tanto partendo da niente, orgogliosi del seminato e felici di quello che siamo stati. Ma come ci insegna qualcuno “Nulla si crea e niente si distrugge, tutto si trasforma” e proprio per questo uno sprizzo de Il Ballo Del Cervello continuerà a vivere in un blog che sicuramente molti di voi avranno già letto, ovvero SignorPonza, dove cercheremo di portare qualcosa di noi in quella grande famiglia allargata che nemmeno i Forrester si sognano.

Come direbbe la Rowling, questo grazie è per voi “if you have stuck with Harry us until the very end.”

Commenti via Facebook

solodallamente

Nella prossima vita voglio rinascere in grado di scrivere biografie accattivanti, per il momento mi limito a confermarvi che sono troppo intelligente per essere anche bello e che nella vita quello che conta davvero è la pizza. Il mio animale guida è Taylor Swift, con la quale condivido la dote di essere odiato da tutti (a ragione).
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: