RIP carne rossa: a cosa dovremmo dire addio?

Mai avrei pensato che tra i tanti coccodrilli chiusi nel cassetto avrei dovuto tirar fuori proprio questo. E io che pensavo che il prossimo sarebbe stato Vasco Rossi. Ogni mattina, in Italia, una gazzella si sveglia e sa che deve urlare al “GOMPLOTTO!!!11!1”, stavolta però non sanno che stanno giocando con i sentimenti di tanti. Soprattutto con i miei.

giphy1
Proprio ieri sera mentre affettavo il salame nostrano comprato ai mercatini alpini mi chiedevo come facesse la gente a privarsi di certe cose, nel frattempo al TG dicevano proprio che ora la carne rossa non si può più mangiare perché, insieme agli insaccati, fa male quanto le sigarette e non so che altro. Ora non voglio stare qui a dare addosso all’Organizzazione Mondiale della Sanità ma avendo pubblicato uno studio sul consumo di carne rossa e carni lavorate probabilmente cancerogene ha praticamente scritto un RIP enorme su alcuni degli ingredienti nostri prefe in assoluto: quindi quel Cheesebacon Burger che abbiamo mangiato sabato scorso potrebbe averci portato dritti dritti sul letto di ospedale.

Vi spiego brevemente cosa è successo: dei medici hanno detto che praticamente mangiare bacon, carne rossa e salsicce faccia venire il cancro.

E POI COSA? VOLETE TOGLIERMI L’ARIA CHE RESPIRO? Oltre a dire che “di qualcosa dobbiamo pur morire” e che morire avvolto in fette di bacon non mi dispiacerebbe affatto, mi sento di doverci difendere da queste follie della lobby vegetariana e posare un fiore sul feretro della ciccia buona.

Bacon+Roses.+And+they+say+romance+is+dead_b307f7_4550320

Popolo di complottisti e dietrologi che vi state scatenando su Facebook a furia di link autorevoli dal ilgiomale.it o ilcorrieredellasega.com, fate però attenzione! Sono alimenti probabilmente cancerogeni e a questo punto anche guidare in autostrada è probabilmente mortale. Quindi ora non è che dovete buttare dalla finestra il Patanegra che avete comprato il mese scorso in vacanza a Madrid per far posto esclusivamente a verze e carote, piuttosto regalatemelo che io lo mangio volentieri. Vi ricordo anche, come direbbe Michele Mirabella chiudendo una puntata di Elisir, che ogni cosa se ne abusate è dannosa: tant’è che Una cucina per Chiama consiglia sempre un’alimentazione equilibrata ma fatta di alimenti TOP e ricette sempre varie e pazzesche! Certo, fossi in voi che mangiate le salsicce Dakota e i Teneroni di prosciutto, il cancro sarebbe l’ultima cosa di cui mi preoccuperei.

giphy

Nell’attesa che tutti elaborino questo lutto, vi aiuteremo a capire quale sarà l’ingrediente che vi mancherà di più. Pronti a piangere?

[playbuzz-item url=”https://www.playbuzz.com/marcop10/scopri-quale-carne-rossa-ti-mancher-di-pi” comments=”false”]

Commenti via Facebook

clippermark

Ho 26 anni e sono nato in Abruzzo anche se negli ultimi anni ho iniziato a cambiare città come le mutande. Vado spesso in Germania per cercare di capire come mai mettano l’ananas sulla pizza ma voglio viverci da quando ho scoperto che mi piace. Da ormai 4 anni scrivo ricette sul mio blog "Una cucina per Chiama" ma tutto è iniziato quando da piccolo ho visto in TV Antonella Clerici: io però ho imparato a cucinare.
Dicono di me: "stai sempre in giro", dico di loro: "fatevi i cazzi vostri".
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: