15 cose che chi ha paura del dentista capirà

La sola idea di dover andare dal dentista mi fa aumentare la sudorazione. È una paura che mi accompagna da quando sono piccolo, da quando ho pensato bene di spaccarmi, cadendo, i quattro denti incisivi. So però che è una paura che accompagna molti di voi.

Non importa se poco praticanti o clienti affezionati del dentista, uguale se veterani dell’apparecchio o portatori sani di sorrisi smaglianti. Dal dentista prima o poi dovete andarci. E molti di voi si sentiranno allo stesso modo.

Perché fondamentalmente tutti odiano il dentista. Per una serie di motivazioni oggettive: fa male, fa male, è fastidioso, fa male, e oltretutto devi anche pagare (tanto) per farti fare male. E poi ci sono tutta una serie di situazioni che chi ha paura del dentista capirà molto bene.

Calcolare il momento giusto per prendere appuntamento

Qualsiasi piccolo avvenimento esterno potrebbe compromettere il tuo equilibrio psicologico e quindi la riuscita della visita dal dentista – bisogna scegliere il momento adatto. Devi sentirtela. Possono volerci anche mesi.

Quando mancano pochi giorni alla visita

Gli ultimi ripensamenti prima di entrare nello studio

Devo proprio? Lo sto facendo davvero?

L’odore che ti assale e con esso il terrore

L’interminabile attesa

Perché sì, i dentisti sono sempre in ritardo. Oppure le segretarie non sono in grado di incastrare gli appuntamenti. Fatto sta che devi sempre aspettare minuti interminabili con, in sottofondo, i rumori di tortura.

Quando “finalmente” è il tuo turno

Please Lord, please!

Quando il dentista prova a sdrammatizzare per metterti a tuo agio

Come lo vedi nella tua testa:

“Apri grande!”

Tra l’altro non ho mai capito se è italiano…

Le domande mentre hai di tutto in bocca

Hai circa 200 strumenti in bocca + le mani del dentista + la disperazione dentro e lui continua a farti domande e vorrebbe che tu, con una salivazione al 2%, gli risponda.

dentista

La disinvoltura con cui il dentista estrae gli attrezzi per la tortura

Mi sono sempre chiesto perché le visite dal dentista non siano in anestesia totale.

Quando l’anestesia inizia a fare effetto

Non è poi così tanto vero che la droga fa male

Il momento di pagare il conto

Con o senza fattura?

E dopo anche dalla Guardia di Finanza

La sensazione in bocca dopo la pulizia dei denti

Perché almeno una cosa buona deve pur esserci. Quella sensazione da sorriso total white che dura fino al prossimo caffè.

La promessa di non tornarci per i prossimi 10 anni

Perché ok, alla fine non è stato così terribile. Ma perché rischiare di nuovo?

L’unica consolazione è che non siamo soli. E ricordatevi di passare il filo interdentale!

Commenti via Facebook

clippermark

Ho 26 anni e sono nato in Abruzzo anche se negli ultimi anni ho iniziato a cambiare città come le mutande. Vado spesso in Germania per cercare di capire come mai mettano l’ananas sulla pizza ma voglio viverci da quando ho scoperto che mi piace. Da ormai 4 anni scrivo ricette sul mio blog "Una cucina per Chiama" ma tutto è iniziato quando da piccolo ho visto in TV Antonella Clerici: io però ho imparato a cucinare.
Dicono di me: "stai sempre in giro", dico di loro: "fatevi i cazzi vostri".
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: