13 cose su “13 Reasons Why”

Avete visto “13 Reasons Why”? No? Bene, fatelo. Se lo avete fatto invece continuate a leggere, perché oggi sono qui a dirvi 13 cose a caso su “13 Reasons Why”, quindi sedetevi e… welcome to your tape.
1) Permalosi mai.
La prima cosa che vorrei dire ad Hannah Baker è che sicuramente lei è meno permalosa di me. Io altro che nastri, avrei mandato degli hard disk esterni da 1T ad ognuno dei presenti sulla lista, perché IO NON SONO NIENTE NIENTE VENDICATIVO. Brava Hannah, moderata, pacata.

2) Clay e l’autorigenerazione.
Clay sei il nostro topino preferito e ci hai guidato con i tuoi occhioni in tutto il dramma di 13 Reasons Why con credibilità. Eppure c’è una cosa che ci chiediamo tutti: ma la tua cazzo di ferita sulla fronte quanto tempo ci mette a guarire? Gli autori avevano bisogno di un espediente che aiutasse noi spettatori a non confondere i flashback senza perderci… e fin qui tutto ok, è una trovata comune (vedi Olivia Pope in Scandal che ha dei frisee pazzeschi ogni volta che ci sono dei flashback). Ma puoi mai rimanere con le stigmate in fronte per tutta la cazzo di stagione?
3) Tony e i capelli di merda
Tony è un po’ l’amico che segretamente ci ama che tutti noi abbiamo-abbiamo avuto. Ci piace anche che lo hanno pensato metalmeccanico per renderlo meno tipicamente gay televisivamente parlando… ma come hanno potuto decidere di fargli dei capelli del genere? Quale mente malata ha potuto pensare di fargli una sorta di casco di cheratina uniforme talmente compatto da essere anche antiproiettile?

4) I genitori di Clay
Io sono sempre stato un po’ bacchettone, ma se mio figlio torna a casa con la faccia distrutta di botte, o inizio a notare cose strane nel suo comportamento… beh, di certo non mi comporterei come i genitori di Clay che sembrano caduti dal pero e così naif da essere ridicoli.

5) Ma Bryce è grasso o magro?
Se siete arrivati fin qui probabilmente non vi sto spoilerando niente, ma il mio dubbio più grande dopo aver visto le scene degli stupri è relativo all’effettiva forma fisica di Bryce. Ha la faccia tonda e paffuta, ma è praticamente in tutte le squadre sportive del liceo e quando è in piscina non sembra grasso. Quindi è grasso o è magro? Non potevano scegliere qualcuno che non ci confondesse così tanto?
6) Alex è fluido?
Ora, siamo tutti senza stereotipi, e ognuno può fare il cazzo che gli pare, indossare abiti da donna, da uomo, piercing inguinali e parrucche o tacchi alti, scarpe da ginnastiche e tute. Ma Alex ci ha colto tutti di sorpresa quando ha mostrato interesse per Jessica, perché io ero convitissimo che saremmo arrivati ad un trio amiche+amico gay indissolubile, super pazzescamente favoloso, voi no?

7) Ok, Alex non è fluido, ma l’attore sì, VERO?
L’internet ci segnala una bella amicizia, molto affettuosa e stretta, tra l’attore che interpreta Justin e quello che interpreta Alex. Chiaramente siamo tutti qui in attesa di gossip succulenti.

8) CLAY ASCOLTA QUESTE CAZZO DI CASSETTE.
No, seriamente, quanto ci vuole ad ascoltare le cassette? Cioè fosse capitato a me praticamente mi sarei tumulato a casa a sentire tutto, ma ti pare che ci avrei messo tipo un mese?!

9) Le persiane di casa di Hannah
Io non abiterei al piano terra nemmeno gratis e le casette a schiera americane mi hanno sempre messo un po’ di ansia per la privacy. Eppure casa di Hannah tocca un nuovo fondo, come è possibile che quelle persiane siano così inutili da non nascondere un cazzo?

10) Il negozio di cagate dei genitori di Hannah
Anno Domini 2017, i signori Baker stanno andando in bancarotta e continuano ad avere articoli come le audio-cassette. Ma pronto?! Chi caspita le usa ancora?! Ma ti credo che state per chiudere!

11) A new meme is born.

12) E quindi chi sono io per esimermi?
Questo weekend ho visto Guardiani della Galassia Vol. II e non ho potuto esimermi dal farlo:

13) Momento serietà.
13 può piacere o non può piacere, è sicuramente molto toccante, anche se nella sceneggiatura pecca di alcuni plot-hole e link deboli che non ci fanno urlare al capolavoro. Ma il grande successo che questo prodotto Netflix sta avendo in lungo e in largo ci conferma che il tema del bullismo è qualcosa di assolutamente attuale. Viviamo in un mondo dove la fragilità è tanta. Una bella riflessione sul tema che vi invito a leggere è quella del bravo Signor Ponza.

Commenti via Facebook

solodallamente

Nella prossima vita voglio rinascere in grado di scrivere biografie accattivanti, per il momento mi limito a confermarvi che sono troppo intelligente per essere anche bello e che nella vita quello che conta davvero è la pizza. Il mio animale guida è Taylor Swift, con la quale condivido la dote di essere odiato da tutti (a ragione).

Latest posts by solodallamente (see all)

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: