636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza

5 motivi per i quali ricorderemo questa edizione degli MTV Video Music Awards 2013

VMA

Arcobaleni? Pronti. Unicorni? Pronti. Gattini? Pronti. Pronti, partenza… via! Buonasera a tutti cari lettori e ben trovati per questo piccolo antipasto in attesa della nuova stagione di Questione di Leaking: oggi commenteremo gli MTV Video Music Awards, che si sono svolti a Brooklyn lo scorso 25 Agosto. Ne parliamo oggi poiché abbiamo dovuto riprenderci dal jet-lag della visione (sono andati in onda alle 3:00 di notte) e inoltre parlarne ieri era troppo mainstream e si sa, a noi le cose mainstream non piacciono mica. Ma bando alle ciance, veniamo al dunque con i 5 motivi per i quali ricorderemo la cerimonia di quest’anno.

5) La faccia di Rihanna

Che sul palco ci fosse un’esibizione o che dietro di lei gli One Direction facessero un’orgia gay, a Rihanna poco importa: ha avuto la scritta FOTTESEGA tatuata in fronte tutta la sera. Il motivo? Non lo sappiamo, forse la mancanza di cazzi premi da ricevere, forse la sindrome premestruale, forse l’invidia verso Miley Cyrus che è riuscita ad essere più zoccola di lei (ma di questo parleremo poi). Fatto sta che, frequentemente inquadrata delle telecamere, se n’è stata tutta sera col broncio, roba che neanche io quando trovo il Mc Donald’s chiuso. Se qualcuno dovesse sapere il motivo di tale incazzatura è pregato di contattarmi che io non ci dormo la notte, grazie.

4) Il pacco di Justin Timberlake

Celebrato con un Michael Jackson Video Vanguard Award (una specie di premio alla carriera) il nostro caro e bel Justin Timberlake se l’è scoattata sul palco per ben 14 minuti cantando un medley con tutte le sue hit più famose. Per Justin ho un bastone e una carota (ogni allusione sessuale si sappia che è puramente voluta): se da una parte l’esibizione mi è piaciuta in quanto Justin è sempre un Dio a cantare e ballare, un po’ ho odiato che abbia dovuto rispolverare tutte le vecchie hit e addirittura gli *NSYNC per fare bella figura. Insomma, per dirla in parole povere, a Justin ancora non ho perdonato l’album soporifero The 20/20 Experience. A proposito di *NSYNC, indovinate chi ha ballato e cantato tutto il tempo come ‘na pazza?!

3) Le corde vocali di Katy Perry

Mai .gif fu più appropriata: un secchio per vomitare. Ecco quello che ha suscitato in me la performance di Katy Perry, la prima per il suo nuovo singolo Brave Roar. Premetto che io non ho nulla contro Katy Perry, anzi voglio bene a Katy Perry e ho molte amiche Katy Perry. Però dai bella mia: vestita da pugile che neanche alla giostre di Cinisello Balsamo, con una coreografia da Cottolengo, un concept per la performance che più banale non si può, per non parlare delle stonature nonostante il mezzo playback. Cara Katy, venderai anche triliardi di copie ma stasera hai fatto proprio cagare a spruzzo!

2) L’Arte (?!) di Lady Gaga

Sapete tutti quanto io ami Lady GaGa ma la performance di Applause a questi VMAs non mi ha convinto per niente. Con una scenografia curata dal famosissimo scenografo Robert Wilson, GaGa ha passato i 5 minuti della performance a cambiarsi d’abito e parrucca celebrando le diverse tappe della sua carriera. Carriera, vi ricordo, lunga tipo quattro anni. Era davvero necessario? Non lo sapremo mai, nell’incertezza godiamoci questa foto che qualche genio dell’internet ha creato.

1) La fregna di Miley Cyrus

Niente, io quando ho visto sta performance sono impazzito. Ve la riassumo così: Miley esce da un orsacchiotto gigante, caccia fuori la lingua, fa twerking con delle negre, caccia fuori la lingua, canta We Can’t Stop, caccia fuori la lingua, si spoglia, caccia fuori la lingua, canta Blurred Lines con Robin Thicke, caccia fuori la lingua mentre la sbatte addosso a Robin Thicke, caccia fuori la lingua, twerking, lingua. Non so voi, ma io quando una starlette della Disney si trasforma in Cicciolina non posso che amare. La storia insegna che tanto sono solo fasi passeggere (Dirrty Christina e Slave Britney.. ci leggete?), speriamo. Ma anche no.

Questi i 5 migliori momenti degli MTV Video Music Awards, per il resto la serata è scivolata via tra un premio a Taylor Swift e uno sbadiglio; d’altronde non ci sono più gli uomini di una volta non vedo perché dovrebbero esserci i VMA’s di una volta. Vi ringrazio e vi limono tutti, ci vediamo a Settembre con Questione di Leaking e se non sapete come ingannare l’attesa votate questo meraviglioso blog ai Macchianera Awards!

M.

Commenti via Facebook

Matteowolk

Vivo a Garbagnate Milanese, la piccola Bel Air di Milano. Uso la data di scioglimento delle Spice Girls come riferimento temporale, ascolto musica per passione e divoro Big Mac per professione. Penso che se il pianeta fosse governato dai gattini vivremmo tutti in un mondo migliore. Sono sobrio quanto il matrimonio di Clemente Russo e ho già lasciato disposizioni per esser fritto non appena morirò. Questa bio è stata scritto in un pesante stato di hangover. Mia cugina è una figa.
Annunci

Comments (15):

  1. Daniii

    28 agosto 2013 at 10:37

    Ma bentornatoooooo!!

    Beh, diciamo che son d’accordo su tutto, eccetto che per una cosa: Slave Britney e Dirrrty Christina mantenevano una certa classe.

    Cioè, ok che il messaggio era sempre “50 la bocca 100 l’ammore no toca capelli (cit.)”, peró loro lo facevano con stile! Erano sconvolgenti, perchè si sta sempre parlando di 10 anni fa, quando ancora il 99% delle star era rigorosamente eterosessuale ecc ecc (#perdire), peró avevano dietro un concept.

    Qui il concept quale sarebbe, di grazia? Sono una scimmia? Sono disidratata? Ce lo spiegasse lei per favore!

    detto questo, inizio sempre piú a convincermi che la Miley sia il futuro del pop, e son tutto bagnato per il feat. annunciato con la Britney! Giusto per non far mancare un po’ di bastone e di carota.

    E sempre riguardo a bastoni e carote,ti lascio la mia mini-recensione di Applause, cosí magari mi fai sapere che ne pensi! Io aspetto te prima di farmela piacere, ovvio!
    http://elitaloespanol.tumblr.com/tagged/applause

    Rispondi
    • matteowolk

      28 agosto 2013 at 11:17

      Grazie Dani che mi dai l’occasione per parlare di “Applause”.
      Concordo praticamente su tutto quello che hai scritto, secondo me Applause è un’ottima canzone pop, che avrebbe avuto un maggior impatto se rilasciata insieme al video (così com’era nelle intenzioni di GaGa).

      E’ diversa dal materiale di Born This Way e proprio per questo necessaria: catchy, breve, estiva. La canzone giusta per tornare in radio e in classifica.

      ARTPOP pare essere un progetto molto articolato e probabilmente sarà anche di difficile comprensione alle masse, cioè molto più facile vestirsi da Jane e urlare ROAR nella giungla piuttosto che fare performance con Marina Abramovich.

      Temo che GaGa non vedrà più il successo dell’era The Fame Monster però a me va bene così. preferisco mantenga la sua integrità artistica incontaminata piuttosto che svendersi per una #1.

      Rispondi
      • Daniii

        29 agosto 2013 at 10:57

        Ovvio, le #1 devono arrivare perchè hai fatto bene il tuo lavoro, non sei tu che devi arrivarci a tutti i costi adattandoti completamente a ció che pensi la gente voglia.

        Detto questo, un po’ meno spocchositá con la marina abramovich e la pretesa di trasformare in arte tutto ció che si tocca a gaga non je farebbe male eh…se hai fatto arte te lo devono dire gli altri, è DA SEMPRE cosí, e funzionava benissimo anche per maestri come Picasso e Warhol.

        Mo che tu venga a dirmi che stai facendo arte mi sembra un po’ una presa per il culo, magari sei un genio incompreso, ma anche in quel caso devi aspettare che il riconoscimento venga da fuori!

        Rispondi
        • Signor Ponza

          2 settembre 2013 at 23:35

          Concordo, a maggior ragione dopo aver visto la sua performance, e relativi monologhi, all’iTunes Festival ieri sera!

          Rispondi
          • Daniii

            3 settembre 2013 at 10:28

            Quand’è che il Matteowolk ce lo recensisce l’iTunes???
            PS. Io peró nel mio blogghettino (sono anche io un po’ reductive, sai com’è) l’ho difesa, perchè non è che mo’ l’album ancora non è uscito e tutti a darle addosso che le canzoni son di merda!

          • Signor Ponza

            3 settembre 2013 at 22:53

            Le canzoni a me piacciono tutte. E Matteo sto cercando di convincerlo a fare la recensione, ma dobbiamo superare alcuni ostacoli tecnici ahimè 😛

          • Daniii

            4 settembre 2013 at 11:14

            Si si non ho detto che a me facciano cagare eh… dico appunto che non comprendo la reazione sconvolta di certi blogger!
            Io me le sono riascoltate ieri…a mia parziale discolpa dico che io coi live non ci vado mai proprio d’accordo, cioè a me la canzone piace sentirmela nella versione studio, e live solo DOPO che giá mi è piaciuta. Pero ho sentito cose interessanti, e soprattutto come performer à stata eccezionale. Un po’ piena di sé come al solito, ma eccezionale.

          • Signor Ponza

            4 settembre 2013 at 11:58

            Ego immenso, ma poche sanno fare spettacolo come lei.

  2. clippermark

    28 agosto 2013 at 10:53

    Io lo so che darò un giudizio che non piacerà al popolo italiano e internazionale che segue questo blog:
    anche basta di Lady Gaga che ci spaccia per arte tutto quello che fa e poi c’è Miley Cyrus che l’arte ce la fa capire senza pretese ma cosa fa, riceve solo critiche.
    Ma cosa doveva fare? Fare twerking mentre indossava le parrucche di Hannah Montana sarebbe stato meglio?
    Io non ce la faccio più dopo tre giorni dalla sua esibizione a sentire ancora insulti per la povera Miley, mandate la gente al manicomio!
    L’ho detto più volte che fare twerking non è per niente facile, voglio vedere Madonna con l’artrosi a muovere il culo… boh!

    Basta, basta, sto facendo un monologo, ma tanto sarà la storia della musica a dire chi ha vinto, e visto che si parla solo di lei e tutto il resto è già nel dimenticatoio, un’idea ce l’avrei.

    Matteoooooo ti amooooooo!

    Rispondi
    • Daniii

      28 agosto 2013 at 10:58

      Ma non è solo per il twerking…a un certo punto dell’esibizione lei è finita totalmente nelle retrovie, lingua penzoloni e culo sballonzolante, non se la calcolava nessuno! Li secondo me è sembrata davvero la puttanella low cost di Robin Thicke, piú che l’astro nascente del POP!

      Una cosa cosí andava bene per 1 minuto di esibizione, giusto per svegliare la platea (leggi: Rihanna narcolettica), poi doveva far qualcos’altro! Non puoi portarti a casa una performance solo cosi, dai!

      Rispondi
      • matteowolk

        28 agosto 2013 at 11:18

        Non so ragazzi io non l’ho trovata così scandalosa e comunque il concept di Miley, lo vedo ben chiaro: party, festa, divertimento, struscio, twerking, negre. Cosa c’è di male?

        Rispondi
        • Signor Ponza

          2 settembre 2013 at 23:34

          Boh anche io dopo la sua performance avrei solo voglia di farmi una serata con lei al Glitter. Quindi, come direbbe Jocelyn, “prova superata!”

          Rispondi
  3. Robert Frobisher

    28 agosto 2013 at 22:43

    Ovviamente non sono d’accordo su nulla, o quasi.
    Concordo sull’occasione sprecata di Katy Perry (colgo l’occasione per denunciare pubblicamente lo stylist), la location era davvero notevole. Avevo sentito parlare di fuochi d’artificio e manco quelli, sarebbero stati una magra consolazione.
    Ho trovato molto bella l’esibizione di Gaga, non autocelebrativa ma coerente col testo della canzone e rispetto ad un percorso che, seppur iniziato da poco, sembra avviato da molto più tempo. Mi piace che non rinneghi ciò che è stata, e che non bruci parrucche (Katy Perry mi leggi?).
    Justin è Justin, amolo e ciao.
    Venendo al punto che tutti attendono da meinvece, Miley Cyrus mi ha fatto cagare e non perché sia stata volgare o perché si sia fatta ingravidare in diretta, ma perché si è celebrato il nulla. Il nulla che canta, che balla e che tira fuori la lingua come un formichiere. È lo stesso motivo per il quale ho perso qualsiasi stima nei confronti di Rihanna. Di sicuro ha raggiunto il suo obiettivo, mi chiedo solo che soddisfazione ne abbia tratto. Contenta lei, contenti i fan e contenti tutti.
    Ora basta che Tabatha sta cazziando una che non sa fare la french. Luv.

    Rispondi
    • Signor Ponza

      2 settembre 2013 at 23:36

      Anche io delusissimo dalla performance di Caterina Perrone. Addirittura avevo letto che si sarebbe calata in volo dal ponte di Brooklyn, einvece questa mi fa una performance scialba sul ring cantando su una base pre-rec abbassata di dodici toni. Ti piace vincere facile?

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: