5 motivi per seguire Temptation Island

Ieri è tornato Temptation Island, il dating show di Canale 5 che mette alla prova l’amore di sei coppie di fidanzati. Il meccanismo è semplice: prendi un villaggio vacanze, ci butti dentro 12 disagiati,  ci aggiungi 13 ragazzi e 13 ragazze tentatori pronti a tutto pur di far capitolare le certezze amorose dei loro inquilini, paghi un presentatore a caso e boom! fai il 18% in prima serata su Canale 5.

In molti storcono il naso di fronte all’ennesimo prodotto televisivo targato Maria de Filippi, ma noi siam qui prontissimi a farvi cambiare idea con una serie di motivazioni serissime.

Temptation Island è trash all’ennesima potenza

Temptation Island è per di più una delle poche proposte estive che il palinsesto ci offre. Sì, gente di un certo livello vorrebbe in TV più cultura, più politica, più approfondimenti di cronaca, un po’ come i fan di Christina Aguilera hanno da ridire su ogni nuova mossa di Britney.

Allo stesso modo, se non c’è abbastanza cultura in TV è perché, evidentemente, alla gente non interessa e la Domenica In di Pippo Baudo ne è un po’ l’esempio lampante. D’altro canto, chi decide di seguire il dating show vuole solo guardare gente fidanzata cornificarsi a vicenda, ancor meglio se a distanza di poche ore dalla separazione.

Una delle più grandi delusioni nella vita di un appassionato del programma è stata la coppia formata da Salvatore e Teresa: i due hanno rinunciato all’esperimento sociologico di Queen Mary perché non riuscivano a resistere l’uno lontano dall’altra. La storica scena dell’attraversamento del lago che divideva i due villaggi è una sconfitta per tutti i trasharoli d’Italia. When will Mosé?

Temptation Island riscrive i vocabolari

Naturale conseguenza del primo punto è la quantità industriale di gif e citazioni che il programma regala alla storia della televisione. I brividi causati nella scorsa edizione da Filippo Bisciglia mentre  pronuncia soavemente il nome di Sceorgette suscitano emozioni che voi comuni mortali non potreste immaginare neanche di fronte ad una pizza.

Frasi come “io t’ho cresciuto” o “muori quando hai tempo” hanno regalato l’emancipazione a migliaia di donne, così come Ludovica Valli un anno fa ha rivoluzionato il modo di esprimere disprezzo coniando il nuovo termine “SCHIFO” ed ispirando di fatto persino Eleonoire Ferruzzi.

Temptation Island sbugiarda gli omofobi

Queen Mary ci piazza il suo programma nel mese del pride per prendere a pesci in faccia i bigotti che ritengono coppie formate da uomo e donna come unica forma d’amore puro.

Una come Francesca, fidanzata da due anni con Ruben, decide di parteciparci e dopo tre giorni CHOC decide che il primo capitato è già meglio del suo ragazzo, incapace di farle provare emozioni e troppo introverso. O Nicola, che considera Sara “una cosa mia” per la differenza di età, essendosi fidanzati quando lei aveva 16 anni. E noi vorremmo affidare il futuro dei bambini a questa gente?

Temptation Island ci riporta alla realtà

Grazie ai protagonisti delle vicende amorose, possiamo facilmente capire che c’è chi è messo peggio di noi, rivalutare quindi il proprio partner o addirittura ringraziare il cielo per essere single.

Chi mai si sognerebbe di risolvere una problematica d’amore davanti a 3 milioni di persone piuttosto che parlare col proprio partner? E soprattutto quanti di voi si sognerebbero di sclerare se il proprio ragazzo si azzardasse a farsi spalmare la crema solare da un’altra donna, come è successo ieri sia a Camilla che a Sara?

Come giustificazione alle due ragazze sentiamo di precisare però che a Temptation Island è tutto amplificato.

Temptation Island recluta talenti

La prima edizione di Temptation Island, andata in onda nel lontano 2005 con il titolo “Vero Amore” ha regalato alla TV uno dei personaggi più queen bitchy degli ultimi tre secoli e che personalmente mi auguro di ritrovare ben presto rinchiusa fra le mura di Cinecittà per la seconda edizione del GF Vip: Karina Cascella. All’epoca colei che sarebbe diventata l’opinionista di Uomini & Donne vi partecipò con il suo ex Emanuele, che le propose anche di sposarlo una volta terminata l’esperienza televisiva; il lieto fine per la coppia non è mai arrivato, ma per noi amanti del trash televisivo sì, grazie alla storia nata poco dopo fra lei e Salvatore.

Con le premesse della prima puntata, siamo fiduciosi che da questa edizione verranno consegnati alla storia della tv nuovi personaggi (o per lo meno contribuiranno a mandare avanti la campagna pubblicitaria di Fittea su Instagram).

Commenti via Facebook
capatesuspigolo

capatesuspigolo

Mi esprimo meglio con le immagini che con le parole e per questo tutti i piani tariffari mi stanno stretti. Ho il terrore di diventare un poraccio inconsapevole come Federica Panicucci e spero che Barbara d'Urso mi guidi nella retta via dei 100% cretini e contenti.
capatesuspigolo
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: