I 45 nuovi album da ascoltare questo autunno

Piccola guida alle uscite discografiche autunnali: abbiamo raccolto, tra annunci ufficiali e rumor sempre più attendibili, i dischi più attesi in uscita entro la fine del 2017. Tradizionalmente per il mercato discografico il quarto e ultimo trimestre è il periodo più caldo dell’anno – quello in cui si scaldano i motori in vista del Natale – e non è quindi un caso se i prossimi mesi saranno ricchi di nuove gustosissime uscite.

La sfida per il titolo di album dell’anno, salvo clamorose sorprese dell’ultimo minuto, è ormai una corsa a due. Da una parte Reputation (in uscita il 10/11), il ritorno della good girl gone bad Taylor Swift, dall’altra Younger Now (29/09), il disco della bad girl gone good Miley Cyrus. Di entrambe si è scritto più che a sufficienza ma, al netto di simpatie e antipatie, è indubbio che il pop del 2018 ripartirà dai risultati sia musicali che discografici ottenuti dai due album.

Unico possibile terzo incomodo è Sam Smith: un po’ a sorpresa la sua Too Good At Goodbyes ha interrotto la marcia trionfale di Taylor Swift e un album (previsto per novembre ma non ancora annunciato ufficialmente) potrebbe darle ulteriore filo da torcere in classifica.

Fanno invece meno parlare ma macineranno comunque copie senza troppi problemi Shania Twain (Now, 29/09), Kelly Clarkson (Meaning of Life, 27/10), P!nk (Beautiful Trauma, 31/10), Maroon 5 (03/11) ed Eminem. Entro la fine dell’anno arriveranno anche il visual album di Fergie (Double Dutchess, 22/09), Demi Lovato (Tell Me You Love Me, 29/09), Camila Cabello (The Hurting. The Healing. The Loving.), Tove Lo (Blue Lips) e .

Miley Taylor Katy― Ricordi, ce lo insegnò il 2008

Novità anche dalla coppia d’oro di Dusk Till Dawn: sia Sia che Zayn dovrebbero pubblicare nuova musica entro l’anno. Sia, oltre a comparire nella colonna sonora di My Little Pony: The Movie (che andrebbe presa sul serio perché dentro ci sono anche Lukas Graham, Rachel Platten e i DNCE, 22/09), è attesa con il suo primo album natalizio. Zayn invece dovrebbe pubblicare entro l’anno il successore dell’acclamato Mind Of Mine – esatto, proprio nello stesso periodo in cui uscivano gli album dei One Direction. Se in questi anni la crisi di astinenza non ha accennato a placarsi vi proponiamo due soluzioni: il primo disco solista di Niall Horan (Flicker, 20/10) e il primo disco in assoluto dei PRETTYMUCH (PRETTYMUCH), l’unica boyband sul mercato che sembra poter colmare il vuoto lasciato dai 1D.

Viceversa se ascoltate Virgin Radio (e quindi siete capitati su questa pagina per sbaglio), sappiate che il 1° dicembre uscirà Songs of Experience il nuovo disco degli U2: per gli amanti del LOL esiste perfino un remix di Kygo del primo singolo You’re The Best Thing About Me.

Altra musica seria: ovviamente Björk (Utopia), il primo album senza Oasis né Beady Eye di Liam Gallagher (As You Were, 06/10), i The Killers (Wonderful Wonderful, 22/09) e le sempre pazzesche Jessie Ware (Glasshouse, 20/10) e St. Vincent (MASSEDUCTION, 13/10).

PRETTYMUCH― Passaggio di consegne

In Italia verosimilmente sarà Jovanotti a dominare le classifiche di fine anno. Il nuovo album, ancora senza nome, è previsto per il 1° dicembre: lo produce Rick Rubin, per i più il produttore dei Beastie Boys, per noi IL PRODUTTORE DI DOPE. Sorte simile per il nuovo disco di Cesare Cremonini, di cui da mesi sappiamo soltanto la data di uscita: 24 novembre. E, a proposito di Cornetto Algida, è avvolto nel mistero anche il consueto repack natalizio di Tiziano Ferro. Stavolta non si parla né di un live né di un Il mestiere dello swing, bensì di un’edizione acustica de Il mestiere della vita; qualcuno mormora perfino di un improbabile duetto con la elusive chanteuse Levante. Manca pochissimo invece all’ultimo-non-ultimo album di Niccolò Fabi (Diventi Inventi 1997-2017, 13/10) e al decisamente-non-ultimo disco dei Negramaro (17/11).

È invece già tornato Caparezza per ricordarci che il rap è “il genere del momento” perlomeno dal 2003: Prisoner 709 è il concept album con cui Mikimix racconta la parabola di un carcerato, dal reato alla pena fino alla sua evasione e successiva partecipazione a Domenica Live. Se siete amanti del genere occhi puntati anche sul nuovo album di Ghemon (Mezzanotte, 22/09), Rkomi (Io in terra) ed evitate accuratamente quello di Fred De Palma (Hanglover).

Prisoner 709― Prigioniero 709

Il mutuo non si paga da solo. Lo sanno bene i big della musica italiana costretti a far uscire senza troppa convinzione i nuovi dischi entro Natale, come la cittadina inglese Gianna Nannini (Amore gigante, 27/10), Biagio Antonacci, il papà di Aurora Ramazzotti, Giorgia (Oronero Live) e l’attore di fiction prestato alla musica Gianni Morandi (D’amore d’autore). Altrettanto saggi a battere il ferro finché è caldo Thomas (Thomas, 13/10) e perfino Riki, che su Facebook parla di un nuovo album “a breve”.

Le nuove ormai non più nuovissime leve hanno invece capito che il gioco al massacro di Sanremo non conviene più a nessuno ed è molto meglio diluire i propri flop le proprie uscite in tutto l’anno. Ecco quindi che entro dicembre dovrebbero arrivare i nuovi album di Annalisa, Francesca Michielin, Noemi, L’Aura e perfino di Federica Abbate, già autrice di successo diventata ufficialmente cantante dopo la pazzeschina Fiori sui balconi. Sarà un autunno difficilissimo, anche perché si aprirà il 22 settembre con il comeback di Suor Cristina (Felice, 22/09).Noemi

― Perché questa estate io mi sono innamorata di Riccione

Commenti via Facebook

Maxxeo

Mi chiamo Matteo (ma vorrei mi chiamaste Carlo) e non vivo a Milano. Ho dieci anni più di quanti ne aveva Anna Tatangelo quando vinse Sanremo e qualche taglia in più di Monica Leofreddi. Scrivo per il Signor Ponza fondamentalmente perché come logopedista di Tea Falco ho fallito.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: