#AskFabry #17: Come metterlo nel culo. In tutti i sensi.

Nella putanta odierna di #AskFabry mettiamo mano alle nostre reminiscenze filosofiche del liceo e chiediamo aiuto a Freud. Se avete fatto la scuola per parrucchiere, niente paura che parliamo di cose facili facili. Chiedo a tutti i lettori minorenni di cambiare pagina e aprire che ne so, il sito di High School Musical. La domanda pepata di oggi è:

Caro Fabry,
seguo con interesse la tua rubrica sul blog di quel figo del Signor Ponza. Vorrei sapere se esiste un modo per convincere un ragazzo che si professa esclusivamente attivo a prend… ehm a provare le gioie del sesso anale. Possibilmente senza ricorrere alla droga dello stupro. Grazie.
Giacomo

Accade per la prima volta che io mi trovi in difficoltà a rispondere ad un vostro quesito, per questo ho chiesto aiuto alla vera ed unica Annabelle Bronstein grande esperta in materia. Senza troppi indugi io cederei volentieri a lei la parola, prego dalla regia:

Mio caro sei ufficialmente entrato nella fase della negazione. Fase che coinvolge in maniera palese ma coinvolgente i ragazzi omosessuali. Ma il dramma è sempre dietro l’angolo, specialmente quando poi l’angolo è di 90°, be’ ecco non è difficile che qualcuno si ritrovi proprio così. A 90. Mi sfuggono i motivi per i quali tu voglia utilizzare il tuo regale augello in modo diverso fino ad oggi, perché suppongo che se di ruoli dobbiam parlare tu fino ad oggi sei il passivo dei due. Ma francamente i motivi sono sempre i meno interessanti. I modi per attirare il tipo a te. E’ quello che ci interessa sciorinare. Prima di tutto, c’è bisogno di un cambio netto d’immagine: mettiti un pantalone della tuta ed un calzettone di spugna. Con una riga rossa o verde. Ti da sicuramente un minimo di credibilità come attivo. E’ meno Jane Fonda, fidati. Poi toccati il pacco, dal momento in cui arriva. Lascivo, ma non troppo. Altrimenti sembri solo una povera checca che non ha fatto la lavatrice. Questo in qualche modo dovrebbe creare delle aspettative. Sicuramente in te, (#credeghe) ma soprattutto, comincia a delineare un netto cambiamento. Almeno speriamo insinui qualche dubbio nel tuo boy. Se per esempio lui non dovesse minimamente comprendere che in te si insinua una nuova e inaspettata voglia, non desistere. Una volta liberi da ogni indumento e dopo averci dato giù di limoni a morire, proponi una bella doccia insieme. Trasformati nel Dio del mare però, trasuda ormonella da tutti i pori, non cadere nel clichè Esther Williams, che poi se no sei te che te la prendi in culo. Se sotto l’acqua non riesci ad ottenere niente, allora tenta con il lancio della saponetta. E spera che lui si chini per raccoglierla. Lo so. E’ tremendamente anni ’90, ma proprio per questo magari ti dice culo. Che insomma, è il topic di questa missione! Se dovessi fallire anche con questi preziosi consigli, significa prima di tutto che sei una sfigata orrenda e che forse è il caso che tu abbandoni immediatamente questo sito, altrimenti, puoi provare con un’ultima e sempre riuscita tattica. Ovvero il rimming. Magari, mentre assaggi il pesce, con un inaspettato e sorprendente movimento raggiungi il tuo obiettivo e ci vai giù pesante di lingua. Oltre ad essere estremamente piacevole per lui, ha il potere di disinibirlo e rilassare gli sfinteri. Di conseguenza il suo deretano sarà più ospitale e pronto all’accoglienza. E’ scientificamente provato che la pratica del rimming prepara chi lo riceve, inevitabilmente, alla penetrazione.

Oh se anche questo non va, vuol dire solo una cosa, che ecco, il destino vuole che sia tu a prenderlo in culo. E quando è il destino, c’è ben poco da fare. Ok?

Sento di aver poco da aggiungere alle straordinarie parole pronunciate da Annabelle, voglio solo approfittarne per citare la fantastica Maurizia Paradiso alla quale sono stato recentemente paragonato: su bel dür!

NdSP: Segui le avventure e le cattiverie di Fabry su Twitter o sul suo blog. Se hai domande per lui, ponigliele nei commenti a questo post, su Twitter usando l’hashtag #AskFabry oppure scrivi alla casella postale [email protected] (anonimato garantito). Altrimenti recupera le puntate precedenti di #AskFabry.

Commenti via Facebook

Fabry

Livelli di egocentrismo da denuncia penale. Sto zitto solo quando dormo e ascolto solo quando si parla di me.
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: