#AskFabry #5: Come aumentare la propria autostima, Commesse docet

Benvenuti nella mia cucina (cit.) proseguono le quote rosa della nostra rubrica e in questa puntata ascoltiamo il grido d’aiuto della nostra amica Raffaella:

Ciao Fabry. Mi chiamo Raffaella ed ho 21 anni. Leggo ormai da anni la tua rubrica e devo dire che arrivata a questo punto non ne posso più fare a meno, ormai è una dipendenza. Da quando nella mia vita ci sei tu la mia pelle è migliorata tantissimo, ho i denti più bianchi (saluto il bot della sborra) e sono riuscita a sincronizzare il mio ciclo con quello di amiacugginaquellabbrutta, un sogno. La mia domanda per te è questa: Come posso aumentare la mia (al momento inesistente) autostima?

Ti ringrazio in anticipo e mando un bacio a te e al Signorponza con la speranza di potervi incontrare un giorno.

Vostra per sempre, Raffaella

Cara Raffaella,
le tue parole mi commuovono e piango manco fossi il bot della sborra. Grazie per l’affetto con il quale mi segui, se un giorno ci dovessimo vedere ti faccio l’autografo sulle tette. Per rispondere alla tua domanda ho dovuto compiere un’analisi profonda dentro me stesso e ho dovuto guardare le repliche della fiction di successo “Commesse” per capire cosa porti una sfigata a vincere nella vita. E sono giunto alla conclusione che per prima cosa se sei un pochino cessa, magari hai un attimo di baffi o non sei proprio questa silfide di ragazza, ti devi attorniare di cassonetti della spazzatura con le gambe. Avere delle amiche un po’ in carne è normale, magari porta tua cugina spesso dal Mc Donald’s così la cellulite le chiede la residenza sulle cosce e tu all’improvviso diventi quella magra e chiavabile. Nella tua vita poi non può mancare un po’ di sana poracceria, ce l’hai un amico gay che lavora nella comunicazione AKA faccio il caffè per una che lavora per una che lavora per Vogue? Affrettati che uscire con queste persone ti fa sentire la nuova Marcegaglia che Confindustria levati le mutande quando mi vedi passare. E poi di solito hanno gli sconti da Zara che due stracci nuovi non ti fanno mai male. Una volta che hai trovato un cetaceo per amico e ti sei fatta vedere alla MFW con la segretaria (credici) di Vogue hai vinto tutto. Cosa ti serve di più? Le pagliacciate di Lady Gaga sono la dimostrazione che nella vita puoi essere veramente la peggio loser e avere comunque successo vestendoti di petti di pollo e cosce di coniglio. Infine Raffaella, ti do la prova che per quanta riscrescita potrai avere, quanto cicciottella potrai essere, o quanti baffi ti starai facendo crescere, c’è sempre chi sta peggio di te. E nonostante questo ha vinto tutto, prego il signorponza di agevolarci l’RVM dalla sala regia:

Raffaella, se esistono persone come lei chi cazzo se ne incula dell’autostima! Baci ovunque.

PS: Nel ringraziarvi per le numerose mail che mi inviate, ci tenevo a dirvi che questa rubrica non ha fini di lucro e che l’unico scopo della stessa è tentare di strappare un sorriso ai gentili lettori di questo blog. Non sono qua sono per le telecamere!

NdSP: Segui le avventure e le cattiverie di Fabry su Twitter o sul suo blog (ora ha fatto i soldi e ha pure cambiato indirizzo). E se hai domande per lui, ponigliele nei commenti a questo post, su Twitter usando l’hashtag #AskFabry oppure scrivi alla casella postale [email protected] (anonimato garantito). Altrimenti recupera le puntate precedenti di #AskFabry.

Commenti via Facebook

Fabry

Livelli di egocentrismo da denuncia penale. Sto zitto solo quando dormo e ascolto solo quando si parla di me.
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: