Black Sea, tu eri chiaro e trasparente come me

Rendiamo grazie alla Marvel per aver fatto uscire settimana scorsa il nuovo capitolo degli Avengers perché sinceramente questi film inutili come quello che mi appresto a recensire oggi mi hanno reso esattamente così:

Arianna David Sono Piena Gif

L’unica scelta a mia disposizione nei giorni scorsi era infatti Black Sea, film selezionato tra tanti inutili solamente in funzione della sua durata inferiore agli altri.

Robinson (Jude Law) ha sempre dedicato la sua vita al mare, lavorando nei sommergibili in missioni per il recupero di relitti. La sua dedizione al lavoro lo ha portato a perdere tutti i rapporti con la sua famiglia (moglie e figlio). Quando la società per cui lavora decide di licenziarlo, Robinson non se ne fa una ragione. Decide quindi di organizzare una missione per il recupero di una grande quantità d’oro in un relitto in fondo al Mar Nero, un’operazione molto rischiosa finanziata da un misterioso miliardario.

Diciamo subito che Black Sea non mi ha colpito nel profondo del mio cuoricino, anche se riconosco che forse non era un film del tutto orrendo.

I motivi che influenzano il mio giudizio sono i seguenti:

  • È un film inglese e, come tale, porta in sé tutta la tristezza che solo il mondo British può offrire (come già riscontrato in altri casi).
  • Si svolge quasi interamente all’interno di un sottomarino che viaggia nelle profondità del mare. Una roba che claustrofobia portami via e che potrebbe popolare i miei incubi da qui alla fine dei miei giorni: ambienti angusti, scuri, penombra continua –> SONNO ASSICURATO.
  • Jude Law è un attore che non riesco proprio a digerire, ancor più in questa veste di uomo frustrato dalla vita che pensa solo ai soldi (forse perché mi ricorda me stesso? Però no dai, ancora non ho tutta quella stempiatura).
  • La trama è abbastanza prevedibile e segue i canoni classici di questi film sulle grandi avventure/tragedie nel mare, nell’aria o nello spazio.

In sintesi: film perfetto se lo beccate su Mediaset Premium e vi si è rotto il telecomando e non potete cambiare canale.

Livello di SHAZAMMABILITÀ: basso. A meno che non vi piaccia il rumore che fa il mare a quelle profondità.

Livello di BONAGGINE DEL CAST: basso. E non cercate di convincermi su Jude Law che è un no grande come una casa.

Quanto dura / quanto sarebbe dovuto durare: 115 / 90 minuti. Tanto si capisce tutto come va a finire dopo i primi 10 minuti.

Mi devo fermare dopo i titoli di coda per vedere la SCENA NASCOSTA o posso andare direttamente a casa? Potete dirigervi verso casa a proseguire il vostro pisolino.

GIUDIZIO COMPLESSIVO: 2 Anna Praderio su cinque.

2 Anne Praderio

 

Ponzoscopio

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: