636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza

Cane a bordo

Da sempre mi sono chiesto quale fosse l’utilità degli adesivi che alcune famiglie mettono sul vetro posteriore dell’automobile per segnalare che c’è un “bebè a bordo“. Il progresso tecnologico ci consente oggi di segnalare perfino il nome del bebè che viaggia in quella macchina. Straordinario.

Se l’intento fosse quello di disincentivare le macchine che seguono a tenere una guida troppo sportiva (vedi alla voce: come mio padre che sta sempre attaccato alle macchine che lo precedono, facendo spesso gli abbaglianti) e quindi diminuire il rischio di incidenti, ho dei seri dubbi che questo possa funzionare. Tendenzialmente, la gente come mio padre, ha fretta di passare (pur non avendo alcun appuntamento a cui far tardi) e l’ultima cosa che guarda è proprio l’adesivo attaccato sul retro. Non solo. Secondo me questi adesivi rischiano di essere in alcuni casi controproducenti, soprattutto nel momento in cui iniziano ad essere piuttosto elaborati e richiedono una certa attenzione per essere letti fino in fondo, distraendo l’autista e ottenendo l’effetto opposto.

E poi l’altro giorno mi è capitato di vedere un’ulteriore evoluzione del fenomeno.

Cane a bordo“.

Mi chiedo quindi quale sia la motivazione, ma soprattutto il problema, perché a questo punto mi pare evidente che ci sia un problema, che spinge a voler segnalare che c’è un animale domestico a bordo. A parte che quando c’è, si vede perché di solito è un alano di 18 anni e 180 kg, quindi è molto più facile notare la sua esile figura piuttosto che l’adesivo. Ma la domanda rimane: perché?

Se non lo si fosse capito, ho poca simpatia per l’eccessiva attenzione che in alcuni casi viene riservata agli animali. Ad esempio, io sono profondamente convinto che gli animali (cani, gatti, giraffe o quant’altro) dovrebbero trovare spazio nel telegiornale solo nel caso in cui diventino Presidenti del Consiglio.

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci

Comments (23):

  1. duhangst

    13 febbraio 2012 at 11:52

    Anche io sono contrario alle eccessive attenzioni degli animali o alla loro umanizzazione.

    Per quanto riguarda l’adesivo “Cane a bordo”, non è che per caso si riferisse all’autista del mezzo? o_O

    Rispondi
  2. perlinavichinga

    13 febbraio 2012 at 13:11

    io ho quello del furetto, ma non l’ho mai appiccicato all’auto =)

    Rispondi
  3. Watkin

    13 febbraio 2012 at 13:34

    O il famoso uomo si decida per una volta a morderli…

    Rispondi
  4. Giulio GMDB

    13 febbraio 2012 at 14:18

    Secondo me 2 sono gli adesivi utili: uno è quello di qualche palestra di arti marziali, l’altro di un poligono di tiro… Così, giusto come deterrente…

    Rispondi
    • Signor Ponza

      14 febbraio 2012 at 08:18

      A questo non ci avevo mai pensato, però è probabilmente la cosa più efficace, hai ragione. Insieme all’appartenenza a qualche clan mafioso.

      Rispondi
  5. LaEli

    13 febbraio 2012 at 15:32

    io spero solo di non trovarmi mai davanti a tuo padre…
    Pensi che un “affezionata lettrice del Ponza a bordo” potrebbe aiutare?

    Rispondi
    • Signor Ponza

      14 febbraio 2012 at 08:19

      Quell’adesivo ti permette di fare tutto, compreso passare ai caselli gratuitamente e togliere di torno la gente come mio padre.

      Rispondi
  6. Davide

    13 febbraio 2012 at 16:46

    Che ridere! Qualche anno fa ho regalato un adesivo del genere a mia sorella diventata mamma…l’ho fatto più come gesto simpatico che per utilità!

    Rispondi
  7. wiwipedia

    13 febbraio 2012 at 18:48

    io ci ho la P di paralitica sulla macchina.

    Rispondi
  8. Devis

    13 febbraio 2012 at 20:19

    Allora… penso che il nome (del bambino) “a bordo” possa essere una forma di esibizionismo. Anche perchè, fin dalla notte dei tempi, nessuno costringe ste madri o padri ad andare in giro con il bebe. Come le volte che vado a Mirabilandia con le coppie di sposini con il bimbo nella carrozzella che avrà tra si e no 6 mesi. Ma che ci vanno a fare? Oppure quando si va al supermercato e ti tocca spostarti perchè ci sono miriadi di madri con il passeggino e bambino al seguito. Nulla contro. Però, se devono fare la spesa e devono portare il carrello e il passeggino, possono anche evitare di stracciare le palle a chi deve fare la spesa!!!!
    Ma questa è l’italica realtà e che ci vuoi fare?

    Come i cani da portare in giro con la macchina. Che schifo!!!! Chissà che puzza nell’auto! Senza parlare di tutti i peli che volano a destra e a manca.

    Io adoro gli animali, ma come noi abbiamo il nostro posto, anche loro hanno il loro. E mi dispiace ma l’auto è per gli uomini non per gli animali. Almeno nella mia.

    Rispondi
    • Signor Ponza

      14 febbraio 2012 at 09:08

      Anche la mia! E sul resto sono assolutamente d’accordo con te 🙂

      Rispondi
    • Riccardo

      5 aprile 2012 at 13:31

      Caro Devis, porto il mio cane in auto ogni domenica, perchè vado al mare dove da febbraio a dicembre io e altri personaggi che osano portare il cane in macchina (che schifo), facciamo addestramento per unità cinofile di salvataggio… poi lo porto in auto quando vado al ristorante perchè il mio cagnaccio puzzolente se ne stà buono buono al mio fianco, molto piu’ educato degli italici bambini… e poi lo porto in auto anche quando vado in vacanza, perchè in hotel il mio cagnaccio puzzolente rompe meno le palle dei bambini che fanno casini inenarrabili… forse anche i bambini dovrebbero stare al loro posto….

      Rispondi
  9. halfblood

    14 febbraio 2012 at 11:48

    è vero anche io sono contro l’eccessiva umanizzazione dei nostri cari animaletti domestici e non… ma a volte ti rendi conto che sono più umani loro che chi viene chiamato essere umano per natura!! detto ciò… torno a far finta di lavorare!

    Rispondi
    • Signor Ponza

      14 febbraio 2012 at 21:42

      Su questo hai ragione, forse in alcuni casi servirebbe il cartello: “animali alla guida”

      Rispondi
  10. Barbara

    14 febbraio 2012 at 15:26

    Nonono gli animali sono spesso meglio degli umani quindi meritano il loro spazio in ogni dove. L’adesivo sarà un monito come il cartello Attenti al cane sui cancelli delle case per dire

    Rispondi
  11. Roberto ®

    20 febbraio 2012 at 23:03

    ahahahah la tua ultima opinione è il top di tutto il post, mi hai fatto morire!!
    In effetti molti animali sarebbero meglio dei Presidenti del Consiglio a cui ci hanno abituato… 😀

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: