Capodanno in Isvizzera

Capodanno in Isvizzera, come dicevano le vere sciure di una volta. Tre giorni in montagna caratterizzati da bianco in ogni dove e non perché ci trovassimo sul set di un film porno, né nei bagni dell’Hollywood a Milano.

Ho avuto seri dubbi di riuscire ad arrivare vivo all’appuntamento con il nuovo anno, soprattutto quando con la macchina che guidavo ci siamo trovati sulla strada per il passo del Sempione e non si riusciva più a distinguere più la terra dal cielo, la strada dal mare e così via, insomma avete capito. Alla fine però, non so ancora bene in che modo, siamo riusciti a giungere a destinazione. Dove, grazie alle abbondanti nevicate, praticamente non siamo riusciti a fare nulla, eccetto la tradizionale gita alle terme il primo dell’anno. Se fosse saltato anche quello avrei gridato e vi assicuro che, con l’eco che garantiscono le montagne, si sarebbe sentito anche in Italia.

Quindi vorrei dire a tutti quelli che si lamentano perché quest’anno in Italia non nevica che Dante, nella nuova edizione della Divina Commedia che sarà presto disponibile in tutte le librerie, edicole e in formato e-book, ha previsto un nuovo girone infernale in cui verranno collocati insieme a quelli che d’inverno si lamentano perché fa freddo e poi d’estate si lamentano perché fa troppo caldo, oppure insieme a quelli che d’estate si lamentano perché non vedono l’ora che arrivi l’autunno (aka la stagione più triste e soprattutto in cui ti prende sicuramente la prima influenza).

Come vedete, inizio il nuovo anno in simpatia.

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: