Consigli per una pazza giornata in pigiama

Non so voi, ma a me capita spesso e volentieri di essere presa male e di non aver voglia di uscire o avere contatti con il prossimo. Ok, a me forse capita più spesso di quanto non voglia ammettere però c’è da dire che a volte è molto più appagante passare i propri pomeriggi, le proprie serate, la propria vita da soli piuttosto che avere contatti con un altro essere umano.

Anni e anni di vita ritirata mi hanno permesso di creare un certo bagaglio culturale (e non) e quindi eccovi una serie di consigli su come dare una scossa a questa vostra settimana in pigiama e pantofole.

1) Dedicarsi al recuperone di Inside Amy Schumer

Amy Schumer è la next big thing della comicità americana e Inside Amy Schumer è la serie tv Comedy Central da lei creata, scritta e interpretata. Ogni puntata è costituita da una serie di sketch autonomi inframmezzati da momenti di stand up comedy (tipo Louie) e da interviste fatte da Amy a gente comune. La serie ovviamente fa molto ridere e spesso riesce a farlo anche riguardo ad argomenti su cui ci sarebbe ben poco da scherzare. Piace perché è intelligente e Amy non le manda certo a dire. Inside Amy Schumer è la nostra GIRL POWER, ragazze, guardatela tutte e facciamo la rivoluzione.

E poi come si può resistere a una parodia di What Makes You Beautiful degli One Direction così?

2) Googolare “Dan Stevens”

Forse vi ricordate di Dan Stevens per la sua interpretazione in Downtown Abbey o forse il suo nome non vi è nuovo perché avete letto che sarà proprio lui ad interpretare the Beast nel live action de La Bella e La Bestia (film che noi tutti stiamo aspettando con tanta gioia nel cuore, vero? Vero? Sono seria).

Dan Stevens è anche il protagonista di uno di quei film della passata stagione che voi non avete ancora visto ma che dovete subito recuperare: The Guest. La trama non ve la racconto, vi basti sapere che ad un certo punto succede questo:

Dalla mia prima visione di The Guest la vita come la conoscevo non è stata più la stessa. Ora c’è solo Dan Stevens, non c’è più spazio per altri uomini nella mia vita. È l’uomo perfetto, è il ragazzo della porta accanto che fa saltare in aria una tavola calda sulle note di Because I Love You di Stevie B.

Insomma, digitate “DAN STEVENS” nell’internet e datevi alla pazza gioia. Ne troverete uno per ogni occasione: l’imbronciato, il patatino, il sexy daddy, eccetera eccetera. Fatelo e tornerete in pace con il mondo, fidatevi. Dan Stevens is the new GATTINI.

3) Imparare una coreografia K-Pop

Il pop coreano fa bene all’anima e questa è una verità assodata.

Le Crayon Pop (크레용팝) sono cinque come le Spice Girls, sono state in tour con Lady Gaga e nel video di FM sembrano una via di mezzo tra le guerriere Sailor (spoiler: ad un certo punto del video si vede pure Milord) e i Power Rangers. La canzone è super orecchiabile e il video trash e divertente come pochi. Inoltre, visto che le girl band coreane quando fanno una cosa la fanno come si deve, le Crayon Pop hanno pure girato un video per aiutarvi ad imparare la coreografia passo dopo passo. Buon divertimento.

4) Feel your feelings

Vi propongo due canzoni per abbracciare i vostri sentimenti più nascosti, struggervi un po’ e sentirvi anche voi emo come me. Ce n’è per tutti i gusti:

  • Se siete innamorati (corrisposti o non) o se comunque avete voglia di carinerie e coccole, accendete le vostre Yankee Candles avanzate dal Natale, abbracciate il cuscino e abbandonatevi a questo piccolo capolavoro dalle sonorità anni ottanta di Carly Rae Jepsen e di quel sant’uomo di Dev Hynes. Oh, io non le avrei dato un euro allla iCarly canadese ma dopo questa canzone sono diventata fan numero uno. Carly, tvb.
  • Se volete diventare dei duri cuori di ghiaccio, aridi di sentimenti (come la sottoscritta) spegnete tutte le luci e mettete a palla i Brand New con Mene. WE DON’T FEEL ANYTHING urlato e via. Io me lo voglio anche tatuare sulla fronte. I sentimenti fanno schifo, ricordatevelo sempre.

5) Preferire un’overdose di Estathé all’Estathé Market Sound

Premessa: non esiste altro tè freddo all’infuori dell’Estathé e no, i signori Estathé non mi hanno pagata per dire ciò. Io ci credo nell’Estathé, è una fede per me e so di non essere sola là fuori. Sono quella cosa che sa sempre tirarmi su di morale quando il pomeriggio in ufficio sembra infinito e l’open space senza finestra sembra diventare sempre più l’Open Space Della Morte.

No, giuro, non mi hanno pagata per scrivere questa cosa.

L’Estathé Market Sound è questo lungo festival/evento iniziato il primo Maggio a Milano. Durerà fino alla fine di Ottobre e sulla carta sembra una cosina carina. Ci sono concerti e uno spazio aperto per tutto il pomeriggio con cibo, giochi e ricchi premi e cottillon. Ma oggettivamente chi ve lo fa fare di trovare due stracci buoni da indossare, uscire di casa e socializzare con la gente vera? State a casa e ubriacatevi di Estathé, rigorosamente in brick e al gusto limone; perché l’Estathé al limone è una spanna sopra tutti gli altri, non si può dire il contrario.

Ok, se proprio sentite l’esigenza di uscire, un salto all’Estathé Market Sound possiamo anche farlo. Ci affacciamo soltanto e torniamo a casa e magari ci andiamo il 12 Giugno che ci sono i Verdena e anche loro sono un po’ pantofolai sotto sotto.

Non esagerate con le uscite però, mi raccomando!

Commenti via Facebook

Chiarameeel

Sono nata in una città su un fiume ma non sono Dawson Leery. Lavoro nel magico mondo della televisione e nel tempo libero mi strafogo di caramelle, rifuggo dai sentimenti e punisco i criminali in nome della luna. Spero un giorno di poter coronare il mio più grande sogno: diventare una idol della tv coreana e vivere a Seul con mio marito Jake Gyllenhaal e due pinguini di nome Apatia e Disagio.
Ho un'unica certezza nella vita: Taylor Swift ci salverà tutti.
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: