Delfino curioso!

becauseisaidso

Ciao amici fritz e amiche chips, benvenuti nuovamente nella rubrica che nessuno aspetta e che tutti odiano. No, non è una nuova puntata di “Non sapevo di essere psycho” ma bensì di “Because I said so”. Questa settimana ci troviamo immersi nel più totale panico politico amici, roba che sembriamo quasi una nazione seriahahahahahahaha. Vabbè no, non è vero. Ci ritroviamo sempre alle solite. Indovinate chi è in pericolo di vita? Il Governo Letta!

Cosa è accaduto questa settimana? Ebbene l’ex-Delfino Curioso Angelino Alfano ha dato il colpo finale al PDL che si scinde e non entra in Forza Italia. Tra Falchi e Colombe, maiali e delfini, il nostro Parlamento sembra l’arca di Noè al contrario. Ad ogni modo ci troviamo davanti a uno scenario confuso che vedremo come andrà a coagularsi prossimamente. Se vi ricordate, il mio più grande terrore è che questa tragedia greca sia stata voluta proprio da Berlusconi, per poter passare all’opposizione senza rischiare di essere l’artefice diretto della caduta del Governo delle (troppo) larghe intese e poter così rientrare nel frame di colui che lotta per una causa, tradito e intento fino alla fine a lottare: un frame che gli ha sempre garantito grandissime rimonte elettorali. Al momento giusto la riconciliazione tra lui e Alfano poi sarebbe garanzia di una nuova maggioranza nel cdx.

Ma c’è anche chi invece ipotizza che questa sia effettivamente una scelta di Alfano, autonoma, per creare un grande centro orientato a destra. E visto come stanno andando le cose per la corsa alla segreteria di partito del PD, direi che la parola “sinistra” sparirà prestissimo dal nostro vocabolario: Renzi infatti sta guadagnando plebisciti ovunque, con mio sommo orrore e raccapriccio. Spero solo che gli elettori di sinistra del PD sappiamo quello che fanno e che decidano almeno di non votare al governo il sindaahahahahahaco di Firenze,  ma son poco fiducioso lo ammetto.

Come se non bastasse, questa settimana Nichi Vendim, emh, Vendola è stato tirato in mezzo ad una intercettazione in cui ad una domanda sui morti di tumore nella zona dell’Ilva si sarebbe messo a ridere. La versione di Vendola è che in realtà abbia riso perché mentre il giornalista faceva la domanda, Archinà ovvero il portavoce dell’Ilva si sarebbe lanciato per togliere il microfono dalla mano del giornalista. Io ve lo dico, sicuramente non sarà stato il top delle cose da fare e sicuramente non è stato furbo a farlo, ma non credo veramente che Nichi abbia riso pensando ai tumori della gente.

Che ci aspetta? Io vi ho dato un po’ il punto della situazione, ma come al solito il prezzo di queste bagattelle politiche lo pagheremo noi: l’instabilità del governo, il disagio e il disastro del nostro panorama politico significherà nessun progetto a lungo termine di crescita, sviluppo e investimento. Ancora una volta, rimanere a guardare le soap opera delle poltrone con un Paese che va a rotoli.

Dopo avervi depresso abbastanza, vi mando baci caramellati e abbracci zuccherini per tirarvi su la glicemia che magari domani ci svegliamo sotto tre metri di terra. Allegria!

Commenti via Facebook

solodallamente

Nella prossima vita voglio rinascere in grado di scrivere biografie accattivanti, per il momento mi limito a confermarvi che sono troppo intelligente per essere anche bello e che nella vita quello che conta davvero è la pizza. Il mio animale guida è Taylor Swift, con la quale condivido la dote di essere odiato da tutti (a ragione).
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: