E come Esuberanza

FabrypediaSquared

 

Esuberanza [e-su-be-ràn-za]s.f.

1- Eccedenza di qualcosa

2- Vivacità, vitalità

Tratto da il Sabatini Colletti, Dizionario della Lingua Italiana

Dress code nell’azienda, novità assoluta ma l’amministratore delegato ci tiene per dare un’immagine positiva ai clienti. Mail del capo “Per favore, quando torni dalle ferie non venire a lavoro conciato come Nicki Minaj”. Io che guardo l’armadio e penso. Fisso i vestiti, li faccio scorrere uno ad uno e penso. Niente magliette con i teschi. Niente magliette con le borchie. Niente magliette trasparenti. Camicia a quadri? Sembro un fottuto Superman obeso. Camicia rosa? Già che ci sei manda il curriculum da Zara. Camicia nera? Non sei una vedova allegra. Come dice una mia amica: Il dramma è sempre dietro l’angolo.

“Pronto? Ma non ho capito, non devo venire in giacca e cravatta, no?”

“No Fabrizio, ma eviterei gli indumenti appariscenti. Non fanno buona impressione su questo e quell’altro.”

“Ok, non c’è problema. Scusami il disturbo.”

“Figurati. Ah Fabrizio, niente scarpe come dire, colorate.”

Va bene. Le Converse rosa, no. Le Converse nere con il pelo, no. Le Converse gialle fluo, no. Le Converse di Batman, no. Le Converse nere tempestate di borchie, no. Le Converse verdi scamosciate, no. Benissimo, no dico, benissimo.

“Pronto? Ma i jeans? Posso venire con i jeans?”

“Certo Fabrizio. Io forse non metterei quelli tutti strappati che ti fanno sembrare una vittima di stupro.”

“No certo, non pensavo a quelli.”

Quindi niente jeans strappati. Quindi non ho jeans. Quindi non ho niente sopra, niente scarpe, niente jeans. Ma come mi devo vestire? Guarda, andatevene tutti affanculo voi e il dress code. Non esiste, io sono una persona solare, piacevole, allegra. Ho bisogno di colore per equilibrare la mia giornata. Devo compilare i moduli di rimborso con la penna rosa. La mia tazza del caffè glitterata non me la devono toccare. Calma e gesso, let’s get shopping!

“Mi spiace, ma la sua carta è stata rifiutata.”

“Ah, solo un secondo che recupero il portafoglio nella borsa di mia madre al piano di sotto.”

Quindi mi state dicendo che sono al verde, così al verde che ho solo vestiti rosa. Mi state dicendo che devo presentarmi a lavoro vestito come Moira Orfei, e soprattutto mi state dicendo che fino a ieri andava bene e oggi no. Mi state dicendo che non è un’azienda omofoba perché ci paga il congedo matrimoniale anche se non ci spetta legalmente. Grazie al cazzo, trovalo tu un tedesco che mi sposi. Va bene, non sarà proprio così eccessiva la cosa, non posso solo avere vestiti appariscenti, no?

Il lunedì seguente a lavoro:

Gatto gay esuberanza

(Fabrypedia è una rubrica per persone che amano i colori sgargianti e che hanno la cover dell’iPhone con gli Svaroski. Valeria Marini, scansati.)

FabrypediaSquared

[Le puntate precedenti di Fabrypedia]

[Il blog di Fabry]

[Per votarci ai MIA13 non è richiesto nessun abbigliamento particolare]

Commenti via Facebook

Fabry

Livelli di egocentrismo da denuncia penale. Sto zitto solo quando dormo e ascolto solo quando si parla di me.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: