E facciamocela una risata, ché tanto domani ci risvegliamo come la Grecia

Sono giunto alla conclusione che la depressione non può essere l’unica risposta ai risultati di queste elezioni. Quindi, come sempre faccio nella vita, ho deciso di buttarla sul ridere. Se nemmeno questo funzionasse, allora ci autorizzo tutti a ricorrere al buon vecchio metodo del suicidio di massa.

Dicevo, queste elezioni ci hanno regalato alcune perle memorabili che in questo momento di sconforto generalizzato rischiano di essere troppo facilmente dimenticate.

Cominciamo dal vincitore morale di queste elezioni, scelto dal pubblico sovrano con il televoto da casa e sull’internèt: Beppe Grillo. Il comico Lo statista genovese aveva invitato gli elettori del Movimento 5 Stelle a ciucciare le matite prima di apporre il segno sulla scheda elettorale. Almeno così dicevano i giornalisti. Ma poi è arrivata la smentita, in effetti mi sembrava troppo strano. Beppe ci ha tenuto a precisare che:

Ho detto solo di inumidile, non di leccarle.

Da uno statista all’altro: parliamo di Angelino Alfano. Il portaborse di Berlusconi Il segretario del PDL ha fatto sfoggio della sua esperienza in campo internazionale e, pronunciandosi sull’incertezza del risultato della Camera, ha richiamato gli USA dove lo scarto minimo impone di proclamare il:

Du glos… du cöl.

Con una pronuncia e una scioltezza impeccabili, da fare invidia a Lucia Annunziata.

Roberto Formigoni ha invece messo in mostra la serietà e il rigore istituzionale che da sempre lo contraddistinguono, un po’ come contraddistinguono le sue camicie che darebbero nell’occhio anche ad un Gay Pride. Ho quindi selezionato per voi i suoi tweet migliori delle ultime ore:

Se da un lato abbiamo chi pacatamente esulta, dall’altro c’è anche chi deve fare i conti con una sonora sconfitta. Un po’ tutta Rivoluzione Civile, a cominciare da Ingroia, ha deciso di incolpare la chiunque pur di non assumersi le proprie responsabilità. Il migliore è stato comunque Gianfranco Mascia che ha dichiarato:

Le imitazioni di Crozza hanno tolto voti al nostro Ingroia!

È proprio vero che ormai in Italia i comici sembrano essere gli unici in grado di influenzare la politica. Prendiamone atto e non ci rimane che ridere di gusto.

Crozza imita Ingroia

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: