636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza

E’ più facile accontentare Mariah Carey che organizzare una vacanza

Organizzare una vacanza insieme agli amici non è semplice. Non è un caso se siamo arrivati a luglio e non ho ancora certezze su quelle che saranno le mie sorti nel mese di agosto. Ci stiamo lavorando, ma come ogni anno riusciamo a ridurci all’ultimo minuto disponibile. Anzi, al penultimo, giusto in tempo per non poter usufruire di qualche conveniente  last minute.

La difficoltà sta nel conciliare esigenze differenti, cose che in confronto le richieste stravaganti delle popstar su cosa vogliono trovare nei camerini sono inezie. Ecco quindi una sintetica rappresentazione delle esigenze che generalmente un gruppo di amici si trova a dover conciliare nell’organizzazione di una vacanza.

La vacanza è fatta per rilassarsi. Gli individui che la pensano così (generalmente di bell’aspetto e estremamente intelligenti) vivono la vacanza come un’occasione per stendersi sotto il sole e dormire. E’ ammessa qualche pausa tra un sonnellino e l’altro per girarsi e cercare di ottenere un’abbronzatura equilibrata tra lato A e lato B. A loro interessa solo che ci sia una bella spiaggia, il mare e gli spostamenti siano limitati allo stretto indispensabile. Hanno poco interesse per visite culturali e per attività sportive o ludiche in generale troppo movimentate. In due parole: dovete mollarmi.

La vacanza è fatta per divertirsi. Il soggetto che rientra in questa categoria concepisce la vacanza come un momento di svago. Per lui il solo nominare Lloret De Mar o, meglio ancora, Ibiza provoca orgasmi multipli. Per non parlare di tutte le attività ricreative che è possibile organizzare in spiaggia: beach volley, racchettoni, banana boat, banana split, acquagym, gin tonic. E anche quelle che è possibile organizzare in discoteca: gin lemon, limone duro contro il muro, after party nella camera d’albergo. Notare che questo individuo è solitamente già fidanzato.

La vacanza è comfort. Le persone che rientrano in questa categoria prediligono sistemazioni di lusso in hotel a 4 stelle o più o, in alternativa, in lussuosi appartamenti o ville. Quindi quando ad esempio si cerca un hotel nella magica Istanbul la prima cosa che si guarda è la presenza di spa, idromassaggio, servizio in camera e servizio di trasporto da e per la spiaggia. Piccolo particolare: per questo tipo di pretese ci vogliono anche i pippi.

La vacanza è avventura. (maperfavore). Ebbene sì, esistono esseri umani che in vacanza amano stare in mezzo alla natura, nei campeggi, all’interno delle tende e a contatto con gli insetti (!). Questi individui possono arrivare perfino a preferire una vacanza itinerante non pianificata, ché tanto se va male si dorme in spiaggia. Mavoisietefuoriditesta.

La vacanza estiva si fa in montagna. No, scusate, ma mi rifiuto di credere che ci sia qualcuno che lo pensa davvero.

Come al solito ho esposto i fatti in maniera del tutto oggettiva e imparziale, per cui sarà praticamente impossibile per voi capire a quale o a quali categorie appartengo.

E’ evidente che anche in questo caso non si tratta di nient’altro che di una ricerca infinita dell’equilibrio.

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci

Comments (24):

  1. Guady

    2 luglio 2012 at 11:38

    Punto Primo TUTTA LA VITA! ….dove andiamo?? ^.^

    …e cmq… vacanza estiva e montagna non possono stare nella stessa frase. Rischio convulsioni multiple!

    Rispondi
    • Signor Ponza

      3 luglio 2012 at 18:48

      Pensa che mi dicono che c’è chi pensa che la montagna d’estate sia BELLISSIMA.

      Rispondi
    • Signor Ponza

      3 luglio 2012 at 18:50

      Ovviamente a quello di coloro che amano la montagna! 😛 Diciamo che io in spiaggia ho un solo obiettivo: dormire ottenendo un’abbronzatura perfetta.

      Rispondi
  2. Federico

    2 luglio 2012 at 14:12

    Manca “La vacanza è cibo”, la categoria a cui appartengo e che presiedo da anni, e grazie alla quale sono in grado di tornare a casa da una vacanza con il solo rotolìo del mio corpo

    Rispondi
    • Filo

      2 luglio 2012 at 14:40

      Quoto, anche io in questa categoria! il mare al pomeriggio è una sana parentesi tra il pranzo e la cena!

      Rispondi
    • Signor Ponza

      3 luglio 2012 at 18:52

      Anche io, ma sono sempre combattuto dal voler mantenere un aspetto decente del mio corpo mentre mi trovo in spiaggia

      Rispondi
  3. Roberto ®

    2 luglio 2012 at 14:35

    Ma noooo!! Come fai a disdegnare così tanto il campeggio?? Io ne ho fatto diversi; ovvio, non ce la farei per più di 4 – giorni continuativi, ma la vacanza in campeggio è veramente bella. O almeno io sono sempre riuscito a stare bene, conciliando divertimento e relax 🙂
    Poi ovvio, Ibiza sarà diverso…ma sinceramente il divertimento di quel tipo nemmeno lo ricerco più 😉

    Rispondi
    • Signor Ponza

      3 luglio 2012 at 18:53

      Ma non è tanto la questione di campeggio vs Ibiza, per me è piuttosto insetti vs no insetti 😀

      Rispondi
  4. Pier(ef)fect

    2 luglio 2012 at 14:48

    appartengo al primo gruppo, avessi i pippi al terzo XD
    accontentare Mariah? basta un prosecco XD

    Rispondi
    • Signor Ponza

      3 luglio 2012 at 18:55

      Anch’io voglio i pippi per passare in terza categoria!

      Rispondi
  5. enrico r.

    2 luglio 2012 at 15:37

    mah, sarà, ma io ti vedo in completo (corto) tirolese, a passeggio per qualche paesino Ladino.

    Rispondi
  6. Lord

    2 luglio 2012 at 16:00

    Io appartengo ad una categoria non menzionata e che se ho capito bene non condividerai molto: quello che gli piace fare i viaggi on the road.
    E quindi un giorno si fa il bagno a Barcellona, il giorno dopo si visita il Guggenheim di Bilbao, quello dopo ancora si fanno le tapas a Madrid e si finisce la vacanza a Granada dopo aver visitato l’Alhambra.
    E con questo ti ho anche riassunto come trascorrerò l’estate. Poi torno a Roma e mi serve tipo una settimana di ferie per riposarmi…

    Rispondi
    • Signor Ponza

      3 luglio 2012 at 18:57

      Ahah esatto… Diciamo che non la amo in teoria solo per questo, perché poi mi servirebbe un’ulteriore settimana per riposarmi. Che purtroppo non ho!

      Rispondi
  7. duhangst

    3 luglio 2012 at 09:31

    Ammetto io sono fuori di testa… Per questo viaggio quasi sempre da solo 🙂

    Rispondi
    • Signor Ponza

      3 luglio 2012 at 18:59

      I tuoi viaggi sono sempre molto affascinanti, bisogna dirlo 🙂

      Rispondi
  8. Solodallamente

    3 luglio 2012 at 15:45

    Boh, Ponzy, hai mancato proprio la categoria “Cagacazzi intellettualoidi con il fetish per le guide turistiche e per visitare ogni cagata visitabile in una città” a cui appartiene il sottoscritto. Si tratta di quellaggente che in vacanza preferisce andare in un capitale europea o un posto pieno di cultura (Torre del Lago mi leggi?) e visitarsi cazzi e mazzi, rompendo i coglioni ai compagni di viaggio ogni mattina tirandoli giù dal letto per andare a vedere la mostra di tappi di bottiglia dell’acqua minerale del 1950.

    C’est moi <3

    Rispondi
    • Signor Ponza

      3 luglio 2012 at 19:02

      Non faremo mai una vacanza insieme io e te, lo sai? Però <3

      Rispondi
    • Lord

      4 luglio 2012 at 10:00

      Ti lovvo perché per gli gli ultimi 8 anni ho fatto questo tipo di vacanze. Vabbé ovvio che la mattina si visitano musei del tipo l’arte del tappeto persiano in Siria e si vanno a fotografare gli anfratti più nascosti della città e la sera invece club, locali, disco e divertimento vario.

      Rispondi
      • Solodallamente

        5 luglio 2012 at 12:05

        Che figo! Grazie al signorponza faccio nuovi amici e mi sento meno una frocia repressa! Wohoo, ora posso aggiornare la mia Smemo.

        Rispondi
      • Solodallamente

        5 luglio 2012 at 12:01

        @Fabry Hai anche tu il fetish per le guide turistiche? Ti ritrovi anche tu a sapere più cose sul posto dove vai (prima che ci vai) degli stessi nativi del posto? Che bello mi sento meno lonely (planet)!

        Rispondi
  9. laEli

    3 luglio 2012 at 19:28

    mmm… io ero vacanza per divertirsi sino ai 24 anni, poi sono passata alla vacanza “mi spacco il culo in moto macinando chilometri senza nemmeno capire bene dove cazzo sono ogni giorno” ed infine, alla soglia dei 30 sono tornata nel luogo dove a 20 anni mi divertivo con la cumpa, ma in versione “non c’ho i soldi e nemmanco l’età” x cui me ne sto in spiaggia fra vecchi e famiglie di tedeschi (e tu, o frequentatore ligure dovresti capirmi) sperando che settembre arrivi presto.
    Ah, in realtà il mio sogno è la vacanza culturale in giro per grandi capitali. Ma anche per quelle ci vogliono i…come si chiamano? Sì, i pippi

    Rispondi
    • Signor Ponza

      4 luglio 2012 at 15:51

      Lasciamo perdere che quest’anno non ho ancora toccato nessuna spiaggia ligure, oltre che focaccia.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: