Festival di Sanremo 2016 – Seconda serata

Se ieri sera Gabriel Garko vi fosse sembrato poco lucido, vi avviso che stasera, durante il live blogging della seconda serata del Festival, io potrei sembrare ancor meno lucido, viste le condizioni fisiche in cui verso.

Gabriel Garko Sanremo Gif

Non so se sia stata colpa della diretta fiume di ieri sera (che se vi siete persi, potete recuperare qui nella cronaca di Wannabefre) o semplicemente colpa dei sedici chili di chiacchiere di Carnevale mangiati nel weekend. La verità è che sento lo stomaco tanto instabile quanto un Morgan qualsiasi sul palco (ma anche nella vita). Nonostante questo, eccomi qui a commentare per voi e con voi (mi raccomando, l’hashtag #SorelleKermesse) questo secondo appuntamento con Sanremo 2016.

Inoltre potete dare anche voi le pagelle ai 10 big in gara oggi grazie alla scheda di votazione delle Sorelle Kermesse.

Scheda Sanremo Sorelle Kermesse 02

Prima di cominciare, ecco la scaletta della serata:

Sanremo Giovani

Chiara dello Iacovo vs Cecile
Irama vs Ermal Meta

Big

Dolcenera
Clementino
Patty Pravo
Valerio Scanu
Francesca Michielin
Alessio Bernabei
Elio e le Storie Tese
Neffa
Annalisa
Zero Assoluto

Diamo inizio al live blogging! Se volete vedere gli aggiornamenti in tempo reale vi basterà ricaricare la pagina. In fondo al post trovate il sondaggio per votare il vostro preferito, sempre in tempo reale!

20:47 – King Carlo Conti fa il suo ingresso trionfale all’Ariston, forte degli 11 e passa milioni di spettatori della prima serata (49,5%) di share, roba che nemmeno al Family Day hanno saputo inventare cifre così alte.

20:49 – Si parte subito con la gara di Sanremo Giovanni. Oggi due scontri diretti, domani altrettanti. La prima sfida è Chiara Dello Iacovo (totally faccia da talent show, porta il brano Introverso) e Cecile che porta in gara un brano pazzesco, N.E.G.R.A..

21:04 – L’Italia, ancora una volta, dimostra di NON ESSERE PRONTA. Viene promossa Chiara Dello Iacovo con una canzoncina abbastanza anonima, mentre KWEEN Cecile se ne va a casa. Ma è già tempo di seconda sfida. Per la categoria Twink si esibisce Irama, di cui ho già detto in precedenza, mentre per la quota “Albania”, che non manca mai al Festival, si esibisce Ermal Meta.

Certo che il mondo sta andando proprio sotto-sopra. Prima i gay che si vogliono sposare e fare figli, poi Sanremo Giovani dove passano i due cantanti che meritano di meno. Il vincitore del secondo duello è infatti Ermal Meta con Odio le favole. Con i giovani ci rivediamo domani sera, mentre ora è il momento di proseguire con la gara dei big.

21:22 – Delle tipe con il violino aprono la serata e a me fanno solo venire in mente quanto mi mancano i Corrs. D’ora in avanti commenterò canzone per canzone, altrimenti mi sparo.

Dolcenera – Ora o mai più (le cose cambiano): un brano raffinato e dalle sfumature blues, con Dolcenera seduta al pianoforte come quando vinse Sanremo Giovani con quel capolavoro intitolato Siamo tutti là fuori. La canzone cresce sempre di più e, quando entrano i cori, la mia biancheria intima è da strizzare. Urlo al capolavoro.

Voto: 8/10

Clementino – Quando sono lontano: bastano pochi secondi dopo l’ingresso in scena di Clementino per il mio primo eyeroll della serata. Il pezzo del rapper napoletano (come se non ce ne fossero già abbastanza) scorre via come un sottofondo a cui non bisogna prestare attenzione.

Voto: 4/10

Nel frattempo, il mistero sulle sorti di Peppe Vessicchio si infittisce.

Patty Pravo – Cieli immensi: Patty scende in campo con una classico look e una classica canzone “alla Patty”. Sono molto curioso di ascoltare la versione studio perché, ahimè, la sua voce non è più forte come un tempo. Secondo me ha un altissimo potenziale.

Voto: 8/10

Segue il primo super-ospite della serata: Eros Ramazzotti. Al contrario di tutte le previsioni, il buon Eros, oltre a un grande medley di successi, ci piazza anche un bel comizio a favore delle famiglie, qualsiasi esse siano.

Valerio Scanu – Finalmente piove: anche il brano portato in gara da Valerio (e scritto da Fabrizio Moro) ha un classico andamento “sanremeggiante”. Grande spazio agli archi e all’orchestra, un crescendo che ben si presenta alla voce potente (e precisissima) di Scanu. Probabilmente non un capolavoro che rimarrà negli annali della musica, ma sicuramente meglio di Per tutte le volte che… Peccato solo che Scanu abbia abbandonato i boccoli.

Voto: 6/10

Francesca Michielin – Nessun grado di separazione: un inizio un po’ incerto che, dopo pochi secondi, lascia spazio alla Francesca Michielin a cui siamo abituati (e che amiamo). Anzi, sembra quasi che in questo caso Francesca abbia voluto puntare su un brano “rassicurante” e né troppo innovativo, né troppo raffinato. Mi piace, ma nulla che mi faccia strappare le mutande.

Voto: 7/10

Alessio Bernabei – Noi siamo infinito: musicalmente non è quello che mi aspettavo. Reduce da anni nei Dear Jack firmati Modà, non mi sarei mai atteso di sentire una cover di One Last Time di Ariana Grande. Quindi capolavoro. O meglio, senza dubbio una canzone che sentiremo passare tanto in radio.

Voto: 7/10

Elio e le storie tese – Vincere l’odio: ovviamente quando salgono sul palco gli Elio e le storie tese non si sa mai cosa aspettarsi. Il pezzo parte subito forte, come se fossimo entrati direttamente nel mezzo della canzone; prosegue poi cambiando mood e genere in continuazione. In pratica una serie di ritornelli diversi, uno in fila all’altro. Forse un po’ too much, anche se geniali come sempre.

Voto: 6/10

Neffa – Sogni e nostalgia: devo aver già esposto il mio Teorema Neffa in passato, ma siccome sono anziano mi ripeterò anche stasera. Neffa è capace solo di fare due tipologie di canzoni: dei capolavori assoluti oppure delle merde totali. Ecco, dopo trenta secondi di questo brano credo siamo proprio nella seconda categoria.

Voto: 4/10

Annalisa – Il diluvio universale: per il ciclo “la speranza è l’ultima a morire”, Annalisa torna in gara con un pezzo che nel suo esordio ci ricorda un po’ Alessandra Amoroso. La sua bellezza ed eleganza sul palco si accompagnano al meglio a questa canzone raffinata che mette in luce anche le qualità vocali eccezionali di Annalisa. Promossa.

Voto: 8/10

Zero Assoluto – Di me e di te: un ritorno molto atteso (da tutti tranne me, a quanto pare). Di me e di te è il pezzo che ti aspetti dagli Zero Assoluto: sussurrato (capivo di più le parole che cantava Patty Pravo) e con un elevato tasso di plagio (su Twitter segnalano la base di L’estate addosso di Jovanotti).

Voto: 4/10

La seconda serata di gara per i big si chiude qui. Ora in attesa dei risultati una serie di ospiti internazionali e nazionali non così importanti, visto che vengono relegati a notte fonda. I 4 a rischio eliminazione sono:

  • Zero Assoluto
  • Dolcenera (SHOCK)
  • Neffa
  • Alessio Bernabei (SHOCK SHOCK SHOCK)

L’appuntamento è per venerdì e sabato dalle 20:30 su Radio Stonata con il commento in diretta delle due finali di questo Festival di Sanremo con le #SorelleKermesse!

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: