Giochiamo al gioco della produttività

Ieri sera è andata in onda negli USA l’ultima puntata della seconda stagione di Pretty Little Liars. Per chi non lo conoscesse, PLL è una serie tv molto teen che ruota intorno a 4 amiche che vengono stalkerate pesantemente da un’anonima persona, che si firma con la sola iniziale A. Ieri sera, dopo oltre 40 puntate, è stata finalmente rivelata l’identità segreta di A.

Siccome però, per ovvie ragioni (non parlo del lavoro, ma della necessità di ascoltare con attenzione il nuovo album di Madonna scaricato nottetempo), non potrò vedere la puntata prima di stasera o domani, ho deciso di fare un gioco nuovo. Lo chiameremo il gioco della produttività. Niente Twitter, niente Facebook, niente Tumblr (il male assoluto), nessun altro tipo di social network o blog di qualsiasi tipo. Cercherò in questo modo di evitare quelle persone che, non contente di non avere una vita e quindi di potersi permettere di vedere la puntata a poche ore di distanza dalla messa in onda, ci tengono a sbandierarlo con ogni mezzo di comunicazione spoilerando a tutti i contenuti e, in questo caso, l’identità di A. Io stesso posso fregiarmi del titolo di “non avente una vita”, ma almeno ho la decenza di fingere che sia il contrario, inventandomi amici immaginari e facendo finta di essere in arretrato con tutte le serie tv perché “ho altri impegni“.

Vediamo quindi come andrà a finire questa giornata lavorativa, quali saranno gli esiti di questo grande e avvincente gioco della produttività. Che se poi stasera scopro di essere stato produttivo il doppio rispetto agli altri giorni, chiamiamo subito il Ministro del Welfare e gli suggeriamo la soluzione ai problemi del mercato del lavoro italiano.

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: