Grande Fratello Vip: quando la TV diventa omertosa

Non guardo tanta TV “trash”, ma quest’anno, almeno sulla carta, il cast del Grande Fratello Vip era così ben assortito che anch’io son caduto nella trappola. La prima puntata è stata esilarante ed ero piegato in due dalle risate. Dalla seconda in poi però il grottesco di questi personaggi “famosi” rinchiusi nella casa ha preso il sopravvento, lasciando spazio a momenti di imbarazzo, se non addirittura di rabbia. Ce n’è per tutti: dall’omofobia alla violenza verbale, dalle minacce all’oggettificazione delle donne.

Procediamo con ordine, partendo da un personaggio la cui esistenza mi era sconosciuta: Giulia De Lellis. Nelle ultime settimane, l’esperta di tendenze ha dimostrato di non essere altrettanto esperta di rispetto, tant’è che ben due volte è stata protagonista di uscite omofobe raccapriccianti, tra cui “I figli di genitori gay diventeranno gay” e “Se un gay o un drogato mi chiedono una sigaretta io poi gliela lascio perché sono ipocondriaca“.

Ma l’omofobia sembra essere di casa nella casa (!). Negli ultimi giorni anche l’ex Talpa Marco Predolin ci ha dato dentro contro Cristiano Malgioglio: “Qui se il Grande Fratello ci regala del rum facciamo casino, smontiamo tutto, finiamo sui giornali davvero. Prendiamo Malgioglio, lo mettiamo sul rogo come Giovanna d’Arco con il suo pigiamino rosso mentre canta Sbucciami“.

Ma non è finita qui, anzi: “La Malgioglia, la Malgioglia… Scusate ma se parlo al femminile di lui, ma è perché lui si propone come donna. Ma quanto se la mena Malgioglio con questa storia che è gay. Parla al femminile, io ho paura”. Predolin ha così paura che ha successivamente aggiunto: “Sai cosa sarebbe bello? Andiamo di là e budubum” (facendo il gesto del pugno). Una frase rivolta a un uomo di 72 anni. Del resto ha trovato manforte in Luca Onestini che ha rincarato la dose dicendo “Lo facciamo impiccare” e Jeremias Rodriguez che ha aggiunto “Se viene qua gli faccio uscire i coglioni”. Sentendosi quindi in un ambiente di omofobi violenti come lui, il buon Predolin ha concluso con “Diventa tutto nero, compreso il ciuffo…”.

La violenza di Predolin non si è fermata con Cristiano Malgioglio, ma ha preso di mira anche Simona Izzo, con una frase che nel 2017 mi fa accapponare la pelle “Con tre parole io ti stendo e ti faccio piangere“. Vorrei commentare qualcosa, ma preferisco lasciare a voi i giudizi. Se di Predolin abbiamo detto, non lasciamoci sfuggire il suo compare di omofobia, Jeremias Rodriguez. Anche lui è stato incredibilmente violento verbalmente nei confronti della Izzo, salvo poi metterci la pezza in calcio d’angolo. Ma sullo spagnolo torneremo tra poco.

Colui che più di tutti mi ha lasciato senza parole è stato però Ignazio Moser. Un ragazzo che sembrava l’incarnazione del principe azzurro: bello, sincero, genuino e simpatico. Fino a ieri sera. Durante la puntata, Daniele Bossari lo ha nominato, citando come motivo un racconto di Moser in cui affermava che da quando aveva 15 anni tiene un’agendina in cui segna le ragazze che frequenta assegnando loro delle stelline di valutazione. Dopo la nomination Ignazio è praticamente impazzito, sbroccando contro Bossari, che a sua detta lo aveva pugnalato alle spalle raccontando in prima serata qusta storia. La cosa ancora peggiore è che Aida Yespica e tutto il cucuzzaro hanno difeso Ignazio, isolando Daniele e continuando a dargli contro. Insomma nel 2017 trattare le donne (in questo caso) come delle figurine su un album di calciatori per i concorrenti del GF Vip va bene, è una goliardata. Peccato che le donne che Moser si è portato a letto non siano figurine autoadesive, ma esseri umani con la loro dignità.

Ma torniamo a Jeremias Rodriguez che non pago delle sue uscite omofobe, approfitta della rabbia di Moser per aggiungere le minacce al pentolone:

Minacce non leggere, che hanno giustamente fatto preoccupare Filippa Lagerback, compagna di Bossari, che ha avvisato la produzione, come ci conferma lei stessa su Twitter.

E il Grande Fratello costa sta facendo? Nella puntata di ieri Alfonso Signorini ha fatto un timido rimprovero a Predolin, ma così timido che addirittura Predolin è diventato Capitano della casa con immunità dalle nomination. Delle uscite della De Lellis nemmeno un accenno. Insomma, il Grande Fratello, al momento, non sta facendo niente. Personalmente mi auguro che si prendano i provvedimenti analoghi a quelli presi con Clemente Russo nella scorsa edizione, ovvero una squalifica dal gioco e la conseguente eliminazione.

Non è possibile legittimare questi comportamenti in televisione e far passare il messaggio che l’omofobia e la violenza (verbale e non) siano atteggiamenti rispetto ai quali far finta di nulla o addirittura lasciar cadere con leggerezza. Ci sono persone che vengono uccise a causa dell’omofobia e persone che si uccidono perché vittime di omofobia (anche solo verbale), così come ci sono donne che subiscono abusi perché son trattate come oggetti da usare per il proprio piacere e la propria soddisfazione personale. Spero che anche tutto il mondo LBGTQ+ e quello delle Istituzioni si esprimano sulla faccenda, perché non possiamo più abbonare certi comportamenti. Il MOIGE nella scorsa settimana ha denunciato il programma perché ha mostrato in prima serata Cecilia Rodriguez mezza nuda: mi auguro che si attivi con la stessa veemenza per episodi ancora più gravi di un frammento di vagina sul grande schermo.

Nemmeno un mese fa Laura Boldrini ha annunciato che avrebbe intrapreso azioni legali contro tutte le persone che su Facebook commentavano con insulti e altre espressioni ignobili (dagli auguri di essere stuprata, agli auspici di morte). Intervistata qualche giorno dopo ha spiegato meglio di quanto riuscirei mai a fare io il perché della sua scelta. Non si tratta di essere permalosi, si tratta di porre fine ad un’escalation di violenza che porta il livello di quello che siamo disposti ad accettare ben oltre a quello della civilità.

Commenti via Facebook

solodallamente

Nella prossima vita voglio rinascere in grado di scrivere biografie accattivanti, per il momento mi limito a confermarvi che sono troppo intelligente per essere anche bello e che nella vita quello che conta davvero è la pizza. Il mio animale guida è Taylor Swift, con la quale condivido la dote di essere odiato da tutti (a ragione).
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: