I 5 look più iconici di Caitlyn Jenner

La sera di giugno in cui Caitlyn Jenner inviò il suo primo celeberrimo tweet, mi trovavo in Liguria e un po’annoiato scorrevo l’applicazione di TripAdvisor alla ricerca di un posto in cui cenare. All’improvviso apparve sul telefono quella copertina che catalizzò tutta la mia attenzione, tanto da far passare in secondo piano la ricerca del ristorante (e vi assicuro che non è cosa da poco).

Chi è Caitlyn Jenner? Se vi state facendo questa domanda probabilmente siete eterosessuali. In poche parole: Caitlyn fino a qualche mese fa era Bruce Jenner, vincitore di una medaglia d’oro alle Olimpiadi del 1976, ma soprattutto ex marito di Kris Jenner (matriarca del clan Kardashian) e padre di Kendall Nicole Jenner e Kylie Kristen Jenner (gli altri quattro figli sono trascurabili, probabilmente non li ricorda neanche lei). Alla veneranda età di 65 anni Bruce è diventato “Cait”, facendolo sapere al mondo con un tweet.

Io personalmente la trovo pazzesca, sebbene anche un po’ controversa. Vorrei quindi spiegarvi perché secondo me è pazzesca attraverso 5 look pazzeschi.

1) Vanity Fair – Il corsetto

556c7a224ae56e586e457d3e_vf-cover-bruce-jenner-july-2015

Sulla celeberrima Cover, dove ha posato per Annie Leibovitz, Cait ha scelto un semplice corsetto di Trashy Lingerie. Nessun nome blasonato quindi per la sua prima immagine pubblica, proprio perché l’unica protagonista di quel momento era solo e soltanto lei, nella semplicità del suo mostrarsi come la donna che sentiva di essere da molto tempo. Uno scatto che dimostra il coraggio di prendere in mano la propria vita, seppur a un età dove la maggior parte delle persone penserebbe di non avere più carte da giocare.

2) Patricia Field – La minigonna

635723795667352675-XXX-42-74244345-74183602
Se fate attenzione, sulla vetrina che compare nella foto noterete un nome: Patricia Field, se non sapete chi è non so più davvero cosa fare per voi. Patty Field è una famosissima stylist, è la mente dietro a tutti i look di Sex and the City e de Il diavolo veste Prada.
Nel suo famoso negozio di New York si è recata anche la nostra Cait, uscendone vestita con questa minigonna multicolor con la quale ci dimostra che non c’entra l’età, non c’entra il tuo passato: al buon gusto tutto è concesso, il vero problema, spesso, è la mancanza di quest’ultimo.
Nota positiva anche per la giacca, che non fa risaltare le spalle da ex atleta.

3) Walking down the street – L’animalier

07-caitlyn-jenner.w245.h368.2x
Il buongusto, si diceva poco fa. Quando ho visto le suo foto con quest’abito leopardato ho pensato che per indossarlo ci voglia una certa self confidence e mi piace pensare che Cait sia così felice di essere finalmente se stessa da comunicarlo anche attraverso ciò che indossa. Non ha semplicemente scelto di essere donna, ha scelto di dire a tutti “sono donna e sono pazzesca, look at me!”.
Se poi mettiamo a confronto la foto con quella di Kriss Jenner che indossa qualcosa di simile, potete capire quanto sia vero che il lusso costa sempre meno dell’eleganza.

caitlyn-jenner-leopard-skin-dress-new-york-city-kris-photos-02

4) The Ellen Degeners Show – The white shirt

La camicia bianca trovo sia uno dei capi più femminili che una donna possa indossare. Simona Ventura ne ha fatto un suo marchio di fabbrica; Carrie Bradshaw ne indossò una di Mr. Big a mo’ di abito con solo una cintura a completare il look.

rs_1024x759-150904083848-1024-4caitlyn-jenner-ellen-show-.ls.9515
Catilyn, per l’intervista con Ellen Degeneres, registrata pochi giorni fa per la première della stagione numero 13 dello Show, ha deciso di indossare la camicia bianca abbinandola ad una gonna longette nera a vita alta. A qualche mese dal debutto sulla cover di Vanity Fair, Caitlyn ha dimostrato una maggiore consapevolezza del suo corpo e quindi una sofisticazione delle sue scelte stilistiche.
Durante l’intervista Caitlyn è stata parecchio incalzata da Ellen sulla tematica del matrimonio egualitario e, a dispetto delle sue posizioni – mai celate – conservatrici, ha mostrato di essere una persona capace di rivedere le sue idee. La sua è una transizione che non riguarda quindi solo il corpo, ma anche i suoi valori. Un percorso interiore che non è evidentemente ancora compiuto e la sta portando a mettersi in discussione.

5) The speech – Atelier Versace

Caitlyn-Jenner-Versace-Dress-ESPY-Awards-2015
Il mio look preferito è indubbiamente il bellissimo abito bianco Atelier Versace, indossato in occasione della consegna dell’Arthur Ashe Courage Award agli ESPY Award del luglio scorso. Ho trovato azzeccatissima la scelta dell’abito e il taglio era perfetto per la sua fisicità. Il colore bianco non è stato scelto a caso, tutti gli altri componenti della famiglia, Kardashian incluse, erano infatti vestiti di nero: non perché fossero a lutto, ma perché potesse spiccare l’unica e vera protagonista. Del resto si sa, in quanto a scelte d’immagine, il clan dei Jenner/Kardashian è imbattibile.
Ho trovato il discorso molto emozionante e la vicenda di Caitlyn Jenner, volutamente o no, ha riacceso i riflettori sul mondo transgender, un mondo sul quale si fa ancora troppa confusione e del quale si dovrebbe parlare molto di più.

Commenti via Facebook

endymion

Nella vita reale mi chiamo Davide, ma nell’internet sono Endymion, che molti credono essere un riferimento alla mitologia greca e invece è un omaggio a Sailor Moon, la paladina della giustizia nonché della mia vita. Amante del kitsch e del trash, ma di quello che fa il giro e diventa chic.
Scrivo di moda per passione ma compro solo alle svendite.
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: