636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza

Il 2011 e la filosofia dello sfinimento

Oggi si ricomincia. Si ricomincia con il lavoro e tutto il resto, comincia un anno che molto simpaticamente non offrirà ponti fino a dicembre.

Gli ultimi giorni di queste vacanze mi hanno aiutato a rendermi conto di quanto siano simili l’anno che verrà, il mio trainer e mia nonna. La loro filosofia è fondamentalmente la stessa e anche i consigli che danno si assomigliano: le cose vanno fatte fino a sfinimento. Il 2011 ci sfinirà non concedendoci pause fino alle ferie estive, per poi fare lo stesso da settembre a dicembre. Il mio trainer applica invece questa filosofia agli esercizi che mi fa fare e che, solitamente, il giorno successivo mi impediscono di compiere i gesti più elementari come vestirmi, mangiare e camminare. Mia nonna invece applica la filosofia dello sfinimento a pranzi e cene: secondo lei, dovrei introdurre cibo nel mio corpo fino a che non ce ne sta più.

Apparentemente, questi ultimi due comportamenti potrebbero sembrare in contrasto tra loro, visto che solitamente chi frequenta la palestra ha l’obiettivo di bruciare grassi. Io invece ho l’obiettivo opposto, per cui uno dei consigli principali del mio trainer è "mangia sempre, più che puoi". Quindi stavo pensando di farli conoscere, mia nonna e il mio trainer, e vedere che cosa ne viene fuori. E ne ho timore.

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci

Comments (27):

  1. Dionaso

    10 gennaio 2011 at 17:47

    Anche Minet adotta la tattica dello sfinimento da anni!

    Rispondi
  2. duhangst

    10 gennaio 2011 at 17:59

    Io sono già sfinito.. Come ci arrivo a fine 2011

    Rispondi
    • Signor Ponza

      11 gennaio 2011 at 10:23

      Me lo chiedevo pure io stamattina quando è suonata la sveglia alle 6:30.

      Rispondi
  3. irene

    10 gennaio 2011 at 21:06

    Caro Signor Ponza, a quanto pare è normale nelle nonne dedicarsi all’ingrasso soprattutto se sei magretto, anche al punto giusto, per loro sei sempre da “tirar in qua”! A te, caro lavoratore, non ti resta che immaginare i ponti, per me che domani darò il mio primo esame universitario, gli anni che mi si presentano davanti mi fanno già sentire molto, ma molto, molto sfinita…

    Rispondi
    • Signor Ponza

      11 gennaio 2011 at 10:25

      Io sono arrivato a rimpiangere quegli anni degli esami universitari, pensa un po’ te. 😀

      Rispondi
  4. LaFre

    10 gennaio 2011 at 23:28

    ovviamente, iniziamo a lavorare noi e i ponti vengono risucchiati dai weekend. Classico.

    Rispondi
    • Signor Ponza

      11 gennaio 2011 at 10:25

      E’ una congiura contro di noi, Fre. Prendiamone atto e accettiamolo. Oppure combattiamo il sistema.

      Rispondi
      • LaFre

        15 gennaio 2011 at 17:57

        E come? prendendo ferie a tradimento? ummmm…. poi io in stage manco ne ho diritto, manco!

        Rispondi
  5. eli

    11 gennaio 2011 at 10:04

    Mia nonna è peggio: “secondo lei, dovrei introdurre cibo nel mio corpo fino a che sbatto la testa nel piatto e muoio soffocata.” Il concetto di sazietà e “non ce ne sta più” non rientra nella sua educazione, si vede.
    Pensa se si incontrassero le nostre nonne..sarebbe ben peggio, no?
    Buon inizio anno! Io il 2011 lo difendo strenuamente: fra poco più di sei mesi mi sposo!!! 😉

    Rispondi
    • Signor Ponza

      11 gennaio 2011 at 10:28

      Sarebbe un incontro (o uno scontro) epico, probabilmente. Ma manca pochissimo ormai!!! Sarà sicuramente un 2011 fantastico per te, alla faccia di tutti i ponti 😛

      Rispondi
  6. Robba12

    11 gennaio 2011 at 15:07

    Non ci sono ponti fino a dicembre??? Mi hai già rovinato l’anno…

    Rispondi
  7. Giulio GMDB©

    12 gennaio 2011 at 19:55

    Vedo che non sono l’unico ad essersi accorto di questa brutta particolarità del 2011… 🙁

    P.S.: Pasquetta il 25 aprile? ma si può???!!? >:-|

    Rispondi
    • Signor Ponza

      13 gennaio 2011 at 13:25

      Ma soprattutto: proprio ora che ho iniziato io a lavorare??? 😀

      Rispondi
  8. commodus

    12 gennaio 2011 at 20:22

    …e io che con colpevole ritardo volevo augurati Buon Anno! Ehm, mi sa di no ahah

    Rispondi
  9. Chit

    13 gennaio 2011 at 20:33

    Come ultimo anno prima della fine del mondo di meglio però dal calendario, sempre l’abbia studiato apposta Brunetta….

    Rispondi
  10. irene

    15 gennaio 2011 at 20:03

    Caro Signor Ponza, ritornando al post precedente, ho appena chiuso una chiamata su Skype da Manhattan con mia sorella che mi ha fatto vedere un regalo che ha ricevuto da una sua amica spagnola: “Il caganer”! Insomma che anno all’insegna della cacca.

    Rispondi
    • Signor Ponza

      18 gennaio 2011 at 12:25

      Ora voglio sapere che cos’è per filo e per segno il caganer.

      Rispondi
      • Giulio GMDB©

        19 gennaio 2011 at 16:17

        Arrivare vivo a dicembre (aggiungerei fine dicembre) è un ottimo piano! L’adotto pure io 🙂 Poi bisogna ricordarsi di rinnovare subito l’opzione con l’anno nuovo… 😀

        Rispondi
  11. irene

    18 gennaio 2011 at 15:57

    Caro Signor Ponza, inserisci nella ricerca immagini di google “il caganer” e ti aprirà un mondo…di cacca

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: