Il ginocchio e la DeLorean

In questi giorni il ginocchio destro mi ha trasportato avanti e indietro nel tempo, come se fosse una DeLorean.

Una sbucciatura rimediata durante una partita di beach volley (immaginatemi proprio così) mi ha riportato a quando da bambini si giocava in cortile, si andava in bici e si correva all’impazzata. E si era sempre e comunque contenti di grattuggiare la pelle delle proprie gambe e delle proprie braccia contro il pavimento, che fosse di terra o di cemento poco importava. Poi dopo qualche giorno veniva fuori la crosta che diventava il mio passatempo principale: grattarla, inciderla, staccarla. Passavo le mie giornate così. (Ho avuto un’infanzia triste, lo so). Cosa che ho fatto anche in questi giorni, giusto con quei 10-15 anni in più sulle spalle (e sulle gambe).

Ma il ginocchio destro, a parte la sbucciatura, mi sta dando noia ormai da qualche mese, impedendomi di correre e prepararmi alle maratone internazionali alle corsette organizzate dalla mia università. A quanto pare non c’è nulla di rotto, ma solo un’infiammazione che non passa più. Solo che il 14 ottobre, giorno in cui mi attenderebbe una corsa di 10 km, si avvicina e io non riesco a correre per più di 10 minuti senza avvertire dolore e sentirmi un settantenne. Un acciacco che mi porta già avanti con gli anni, che mi fa sentire vecchio come se fossi già con un piede nella fossa (quello destro, per l’appunto).

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: