636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza
Tinder Dating Online

Ilalicious e il magico mondo del dating online

Buongiorno piccoli panda! Siete pronti per una nuova entusiasmante avventura nella mia vita priva di senso? Dai che oggi si ride forte: vi parlo di Tinder, il Grindr etero!

Perché mi sono iscritta? Perché YOLO!

Non è la mia prima avventura nel mondo del dating online. Mi spiego: ho sempre odiato i siti di incontri, ma quest’estate ero disperata, così ho creato un profilo su adottaunragazzo.it e vi prego, imparate dai miei errori e non iscrivetevi mai! Idea carina la storia degli incantesimi, ma certi morti di figa che ciao. Ho chiuso tutto dopo un mese e ho giurato che non avrei mai fatto più un’esperienza del genere.

Tinder però mi ha incuriosita, perché sfrutta la geolocalizzazione e mi volevo sentire un po’ come tutti i miei amici gay e come i protagonisti di Looking. (Poi un giorno parliamo del fatto che mi rivedo più in loro che nelle ragazze di Girls).

Dunque, funziona che scarichi la app gratuitamente, ti logghi con Facebook, che ti giura di non pubblicare mai nulla sul tuo profilo, e imposti i parametri di età e distanza che preferisci. Poi cominci a sfogliare questa galleria di uomini e se becchi uno che ti piace gli metti un cuoricino, altrimenti gli dai il benservito e gli si stampa in faccia un “NOPE” che solo quello mi fa ridere come una cretina. Lui non vede che tu l’hai cuoricinato, ma se anche lui ti cuoricina allora “it’s a match” e potete chattare. Che top!

Ho intrapreso questa magica avventura con due amiche e tutte siamo diventate Tinder-dipendenti in una sera. Starei le ore a guardare le foto profilo e le frasi di presentazione: è tutto meraviglioso. Il nostro sport preferito in questi giorni è mandarci su Whatsapp gli screenshot dei più assurdi.

Siccome nella vita dovevo fare la sociologa e non la wannabe social media manager, ho riassunto le caratteristiche principali degli uomini di Tinder:

  • si chiamano tutti Luca (per altro tra questi anche lo stronzo di cui vi parlavo qualche puntata fa, ma state tranquilli ché non l’ho cuoricinato, ho solo screenshottato le foto, perché sono comunque un’orrenda donnamerda), e se non si chiamano Luca all’80% hanno dei nomi assurdi, tipo: Manlio, Vitantonio, Bernardo, Calogero, Celestino, Emidio, Angelico;
  • ci sono molto studenti Erasmus, soprattutto francesi;
  • alcuni sono famosi, tipo il sessuologo di Loveline, true story;
  • fanno gli architetti, i designer, lavorano nel marketing e nella comunicazione (o almeno così dicheno);
  • non sanno scegliere le foto profilo: c’è quello con due amici abbracciati che non capisci chi è lui (in genere quello più brutto), quello che non ci mette la faccia, quello con la fidanzata (classy), quello sempre sfocato, quello con la foto di dieci anni fa, quello mascherato da Carnevale. Qui devo dire che un po’ è colpa del fatto che puoi caricare foto solo tramite Facebook, il che è un bel problema. Sono molto adirata signor Tinder, che si sappia;
  • casi umani, casi umani everywhere;
  • amano gli sport estremi;
  • si vestono demmerda;
  • quanti gay latenti! Io lo so che a voi piace quello che piace a me, lo so.

Quindi, è necessario scremare. Si deve andare un po’ di istinto, perché le foto sono davvero poche ed è inutile ragionarci. Io fondamentalmente cuoricino se vedo la barba, un’età compresa tra i 25 e i 32 anni, vicinanza, faccia simpatica, assenza di orrenda frase ad effetto (se è una roba di Vasco Rossi sono sempre molto tentata di buttare l’iPhone per terra dal nervoso, poi mi ricordo quanto costa), assenza di sopracciglia più sottili delle mie e/o fisico palestrato e/o abbronzatura alla Carlo Conti e/o occhiali da sole demmerda, no fighetti, no pantaloni bianchi, no mingherlini, no capelli lunghi, no pelati, no tronisti, no gente abbracciata alla bottiglia di Belvedere, sì tatuaggi.

In ogni caso lo scoglio più arduo è poi la conversazione, dove elimini un altro 99% delle persone che ti contattano, che a sua volta rappresenta una percentuale minima dei match. Ecco, qui io non capisco una cosa: ho una valanga di persone con cui potenzialmente chattare, ma mi avranno scritto in 5 o 6. Boh, ma dove siete? Ma cosa fate? Ma perché? Hai cambiato idea e ti faccio schifo? Ma come ti permetti?

Per la fase di chat non servono molte parole, mi limiterò a farvi degli esempi direttamente dal mio account e da quello delle mie amiche, che ringrazio per aver deciso di condividere con noi queste perle:

tinder1

Dai, ma potete? Ma per favore, imparate a corteggiare una ragazza. Ok, che siamo online e tutto è lecito, però, carissimi, se volete solo una notte di sesso sarebbe comunque carino almeno chiedere due cose e poi in seguito esplicitare educatamente la propria intenzione, così una si regola, ma almeno alla base c’è stato del rispetto. Come? Dite che vivo nel mondo degli orsetti del cuore e già è tanto che mi dicano ciao? Ah, già, ma cosa pretendo, cosa? Ma io vado a fare l’eremita.

tinder6

Dai cazzo, ma il nome è lì, come fai a sbagliare, COME?

tinder5

Ma ti pare una cosa da dire? Ma chi ti credi di essere? E poi la vogliamo smettere di usare il verbo friendzonare ché non abbiamo 15 anni?

tinder4

Ma cosa, ma cosa? Ma stai calmo per favore.

Gli uomini mi basiscono, SEMPRE.

Insomma, amici, più che altro lo faccio per il LOL, anche perché dal punto di vista strettamente funzionale questo esperimento si è rivelato ovviamente un epic fail e l’entusiasmo dei primi giorni è già scemato lasciando spazio a un forte senso di vuoto. Mi è addirittura  apparsa Tina in sogno, così:

 Voi avete scaricato Tinder? Come vi trovate? Anche voi avete beccato il sessuologo di Loveline?

 Alla prossima!

[Leggi le puntate precedenti]
[Leggi il blog di Ilalicious]
[Segui Ilalicious su Twitter]

Commenti via Facebook

Ilalicious

Mi ispiro a Beyoncé, ma sono più Michelle Williams, quella delle Destiny's child che nessuno si ricorda.
Mi piacciono gli unicorni e gli arcobaleni, la musica pop e i programmi trash, i dolci e la pizza, i panda e i gatti ciccioni, i glitter e i minipony.
Scrivere mi aiuta a ordinare i pensieri e dare senso a ciò che mi accade. Anzi no, scrivo perché voglio diventare famosa come Chiara Ferragni.
Annunci

Comments (33):

  1. Daniii

    25 marzo 2014 at 13:24

    Aaaaallora:

    Innanzitutto se ti piacciono i barbuti mi sembra il minimo che ti identifichi di piu’ nei froshi di Looking. Ti vedo gia’ al posto di Patrick nella prima scena in camporella col barbuto che… beh che nel tuo caso specifico cerca e non trova!

    Secondo gli etero NON DEVONO fare di ste cose. Al massimissimo Badoo, ma pure li rischi di trovarti il tuo prof di non so che e e’ la tristezza piu’ assurda.

    3- ma quindi il cretino e’ su Tinder??? non era fidanzato? Poi ovvio che si chiamano tutti Luca, erano tutti gay e ora cercano un modo famigliare per iniziare le prime relazioni etero.

    4- il Sessuologo di Loveline e’ PALESEMENTE un gay latente ( latente a se’ stesso, tutto il mondo gia’ lo sapeva dalla prima puntata).

    5- Quello che friendzona bene immagino intenda che non si fa problemi a intingere a destra e a manca nel calamaio delle ragazze che considera amiche.

    Tutto sommato la conversazione piu’ sensata e’ quella che inizia e finisce con “scopi?”, il che e’ preoccupante! Mo’ vado a lezione da Povia, divento etero e mi scarico subito Tinder perche’ cioe’ non si puo’ vivere senza, DECISO.

    Rispondi
    • Ilalicious

      25 marzo 2014 at 19:24

      1) io totally Patrick, ma non per la camporella;
      2) gli etero non sono portati per il dating online, ne sono convinta anch’io;
      3) è fidanzato (credo), ma diciamo che non gliene frega molto e ne sono la prova vivente;
      4) forse ero troppo ingenua ai tempi per capire che fosse un gay latente;
      5) aaaaaah ecco cosa vuol dire!

      Rispondi
    • Signor Ponza

      25 marzo 2014 at 21:12

      Io ce l’ho da ieri ed è molto divertente. SE SOLO QUALCUNO MI CAGASSE.

      Rispondi
      • Ilalicious

        25 marzo 2014 at 21:38

        Abbi pazienza! Prima o poi converserai anche tu con un caso umano <3

        Rispondi
  2. Vale B

    25 marzo 2014 at 14:03

    No vabbhè, che top.
    Perchè queste cose non esistevano prima che mi fidanzassi?

    Rispondi
    • Ilalicious

      25 marzo 2014 at 19:41

      Puoi sempre iscriverti e farti due risate!

      Rispondi
      • Vale B

        26 marzo 2014 at 09:46

        Ma infatti così lo sto scaricando!! 😀

        Rispondi
    • Signor Ponza

      25 marzo 2014 at 21:15

      Devo riconoscere che l’idea è geniale, ora che sono malato so come passare il tempo.

      Rispondi
  3. Filo

    25 marzo 2014 at 14:08

    No ma il mio idolo è Ciao Lidia! adesso anche io voglio scaricare Tinder 🙁
    e comunque it’s going down, I’m yelling tindeeeer (dovevo dirlo)

    Rispondi
    • Ilalicious

      25 marzo 2014 at 19:24

      ahahah lo pensano tutti!

      Rispondi
    • Signor Ponza

      25 marzo 2014 at 21:16

      Filo io non ho nient’altro nella testa se non questo motivetto da ieri sera quando ho letto l’anteprima di questo post.

      Rispondi
  4. LeoneLewis

    25 marzo 2014 at 14:46

    ma che cavolo vuol dire friendzonare?

    Rispondi
    • Ilalicious

      25 marzo 2014 at 19:26

      Ecco, bella domanda. Io lo interpreto semplicemente come l’antico “dare il due di picche”.

      Rispondi
  5. Dany

    25 marzo 2014 at 16:28

    Ila ho bisogno della versione in inglese di questo post da condividere in ufficio.

    Rispondi
    • Ilalicious

      25 marzo 2014 at 19:26

      Aspe che te lo traduco con Google!

      Rispondi
    • Signor Ponza

      25 marzo 2014 at 21:17

      No dai, che poi la scoprono anche negli USA e me la rubano per farle scrivere su Vanity.

      Rispondi
      • Ilalicious

        25 marzo 2014 at 21:40

        Io voglio scrivere per signorponza.com per il resto dei miei giorni, al diavolo gli ammerigani!

        Rispondi
  6. Giacomo

    25 marzo 2014 at 16:44

    Chissà se anche il sessuologo di Loveline è così diretto nell’approccio. Io me lo immaginavo sempre a sussurrare porcate a Camila durante gli stacchi pubblicitari.

    Rispondi
    • Daniii

      25 marzo 2014 at 17:13

      secondo me a Loveline era vergine. D’altronde si sa, chi sa fare fa, chi non sa fare insegna!

      Rispondi
    • Ilalicious

      25 marzo 2014 at 19:26

      Che brutta brutta immagine!

      Rispondi
    • Signor Ponza

      25 marzo 2014 at 21:19

      Infatti ora vorrei sapere se Ilalicious ha messo il cuoricino al sessuologo e se hanno conversato

      Rispondi
      • Ilalicious

        25 marzo 2014 at 21:40

        ahahah no, non gli ho messo il cuoricino!

        Rispondi
  7. Guy Overboard

    27 marzo 2014 at 15:28

    Abbiamo oramai compreso che il dating online ha solo una funzione scopereccia. A prescindere da come si chiamino siti o app. Siamo nel 2014 e non in un cazzo di film con Tom Hanks e Meg Ryan che si scrivono le mail amorose mentre nella vita si odiano!

    Comunque Marco Rossi SBAV da sempre (DILF for life, anche da minorenne!) e YOLO forever (ciao Adam Levine)

    Rispondi
  8. Portinaio

    22 luglio 2014 at 21:52

    Quindi per imparare il francesei va bene questa App?

    Rispondi
  9. Stich

    13 marzo 2015 at 11:52

    Haahahah!!! ma c’è davvero in giro gente così?? Pensavo fossero leggende!! XD

    Rispondi
    • Signor Ponza

      15 marzo 2015 at 18:16

      Tutto documentato di persona dalla nostra dolce @ilalicious:disqus

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: