636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza

La teoria del tutto e dei Kleenex

Cari amici affezionati della mia rubrica di recensioni cinematografiche, un saluto a entrambi. Torna oggi dopo tanto tempo l’appuntamento con questo spazio in cui, dopo aver visto un film al cinema, decido di parlarne come se ne avessi titolo a farlo. Oggi ripartiamo con una cosa leggera leggera: La teoria del tutto (The Theory of Everything) di James Marsh.

La teoria del tutto racconta la storia del fisico inglese Stephen Hawking. Non dovete però aspettarvi grandi trattati di fisica o un racconto veramente biografico in senso tradizionale: quello che il regista ha cercato di portare sul grande schermo è soprattutto la storia d’amore tra Stephen (Eddie Redmayne) e Jane (Felicity Jones). E durante questa storia d’amore succede quella cosa chiamata “vita”, con tutti i suoi aspetti positivi e negativi.

Dopo nemmeno mezz’ora di film io ero già una valle di lacrime. Se c’è una cosa che mi fa piangere come un vitellino è l’immedesimarmi nelle sofferenze altrui. E non sto parlando di sofferenza fisica, ma di sofferenza mentale, che diventa ancor più commovente quando l’amore ti porta a fare di tutto per superarla e metterla in secondo piano. Alcuni hanno criticato il film perché insiste molto su questi aspetti, ma forse è proprio questo ciò che più ti fa apprezzare la pellicola.

Non a caso, gli attori sono candidati all’Oscar e sono senza dubbio stati bravissimi (Eddie Redmayne ha anche già vinto il Golden Globe come miglior attore protagonista in un film drammatico). Insomma, vi consiglio di andarlo a vedere, ma armati di un pacchetto di Kleenex.

Livello di SHAZAMMABILITÀ: medio-basso. Non è di certo la protagonista assoluta del film, ma ha un suo ruolo.

Livello di BONAGGINE DEL CAST: medio. Un applauso a Felicity Jones che per altro è Maria Elena Boschi, solo che molto più figa.

Quanto dura / quanto sarebbe dovuto durare: 123/ 120 minuti. 123 minuti non sono facilmente digeribili, soprattutto visti i temi trattati. Difficile però pensare di condensare ulteriormente.

Mi devo fermare dopo i titoli di coda per vedere la SCENA NASCOSTA o posso andare direttamente a casa? No, andate pure diretti a casa a finire di piangere.

GIUDIZIO COMPLESSIVO: 4 Anna Praderio su cinque.

4 Anne Praderio

Ponzoscopio

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci

Comments (7):

  1. Daniii

    30 gennaio 2015 at 13:13

    Wow! Lo devo assolutamente vedere (sono uno di quei due fan della rubrica).
    PS. come prossimo film vorrei tu andassi a vedere Cake, con Jennifer Aniston che fa l’attrice intènza.

    Rispondi
    • Signor Ponza

      31 gennaio 2015 at 11:07

      Ma non è ancora uscito, o sbaglio? Comunque mi ispira moltissimo e lei la amo.

      Rispondi
      • Daniii

        2 febbraio 2015 at 15:32

        No no, credo debba ancora uscire, ma mi portavo avanti!

        Rispondi
  2. Giulio GMDB

    2 febbraio 2015 at 12:36

    Gran bel film. Insieme a The Imitation Game penso resteranno i migliori del 2015

    Rispondi
    • Signor Ponza

      2 febbraio 2015 at 21:07

      Quello temo di essermelo perso, anche se ci tenevo molto a vederlo. Ne vale la pena quindi?

      Rispondi
      • Giulio GMDB

        3 febbraio 2015 at 09:15

        Si, per me il film su Turing era anche meglio della Teoria del tutto… Se riesci vai a vederlo!

        Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: