636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza

L’antipatia di Parigi

Ho scoperto che a Parigi sono antipatiche non solo le persone, ma anche le cose.

Sono antipatiche le code di due ore sotto il sole per salire sulla Tour Eiffel, è antipatico il clima ventoso che porta i pollini nelle mie narici e, di conseguenza, mi fa starnutire e lacrimare per cinque giorni, sono antipatiche le moquette di case e alberghi, sono antipatiche le metropolitane con i loro corridoi lunghi chilometri, i biglietti da timbrare dodici volte durante un solo viaggio e i devastanti olezzi di fogna, sono antipatici i prezzi di un semplice pranzo o di una cena che sono in grado di ridurti sul lastrico. E’ una città che sprizza antipatia da tutti i pori.

Però Parigi è sempre incantevole, soprattutto se vissuta in compagnia delle persone giuste.

Tour Eiffel

 

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci

Comments (28):

    • Signor Ponza

      1 aprile 2012 at 21:06

      Ma tu lo sei! Una piccola Amelie sottaceto, in salsa madrilena 😀

      Rispondi
  1. MatteoG

    1 aprile 2012 at 17:33

    Sono antipatici pure i virus intestinali a Parigi, ehm. Pure se sei con le persone giuste.

    Rispondi
    • Signor Ponza

      1 aprile 2012 at 21:09

      A me di solito prendono quelli milanesi, quelli francesi sono così antipatici che neanche mi cagano.

      Rispondi
  2. Hariel

    1 aprile 2012 at 17:41

    io ci voglio andareeeeeeeeeeeeeeeeeee

    Rispondi
  3. Laura

    1 aprile 2012 at 18:36

    J’adore Paris! Ci andrò presto per lavoro, ma quando viaggio per lavoro non ho mai tempo di visitare nulla! 🙁

    Rispondi
    • Signor Ponza

      1 aprile 2012 at 21:12

      Idem. Qualche tempo fa sono stato per lavoro a Firenze, città che non avevo mai visitato. Alla fine ho visto solo la stazione.

      Rispondi
  4. Handymapper

    1 aprile 2012 at 21:26

    Io trovo simpatico lo sputacchio transalpino che segue/anticipa/sostituisce un bof. È solo “collirio” se tieni la bocca chiusa…

    Rispondi
    • Signor Ponza

      2 aprile 2012 at 09:49

      Quella pernacchia francese che ancora devo imparare a fare. Ah, i talenti d’oltralpe.

      Rispondi
  5. Funku

    1 aprile 2012 at 22:03

    sulla presunta antipatia dei francesi potrei questionare per ore.
    sono anni che ormai lascio la brianza solo ed esclusivamente per la francia e, più passa il tempo, più mi stupisco dei francesi.
    bisogna saperli prendere.

    Rispondi
      • Funku

        3 aprile 2012 at 18:19

        ah! mi ricordi la mia gatta in calore!
        davvero, eh.

        Rispondi
  6. fabry_

    1 aprile 2012 at 22:58

    Signorponza, tu non lo sai ma leggi un po’ il mio cuore.

    Rispondi
  7. LaEli

    2 aprile 2012 at 10:01

    Io ci son stata 12 anni fa per due anni di seguito ed entrambe le volte mi sono commossa sino alle lacrime davanti alla tomba di Victor Hugo. E se non fosse stato per un legamento ballerino di marito, la proposta di nozze, la stava organizzando proprio lì.
    Però i francesi non li reggo proprio (e lo dico anche perchè ci lavoro gomito a gomito…).

    Rispondi
    • Signor Ponza

      2 aprile 2012 at 13:54

      Quella è una delle cose che però mi manca, nonostante i miei ormai vari soggiorni a Paris. Ah e ovviamente mi manca anche la proposta di nozze

      Rispondi
  8. Pier(ef)fect

    2 aprile 2012 at 10:04

    La moquette pensavo fosse comoda…invece è antipatica!
    a me Parigi ( o quanto meno la Francia in generale) non mi attrae, potessi fare un viaggio sarebbe l’ultima mia meta

    Rispondi
    • Signor Ponza

      2 aprile 2012 at 14:01

      Per uno allergico agli acari come il sottoscritto, la moquette equivale a condanna a morte.

      Rispondi
  9. Roberto ®

    2 aprile 2012 at 11:50

    Eppure, è una città che non mi ispira per niente!!
    Mi piacerebbe molto di più visitare Amsterdam e riandare a Londra, ma Parigi…me la dovrebbero proprio regalare come meta…

    Rispondi
    • Signor Ponza

      2 aprile 2012 at 14:03

      Allora, pur non amando Parigi come città in cui ipoteticamente vivere, ti assicuro che vale una visita. Almeno una. Poi te lo dice uno che pensa che Londra sia complessivamente migliore.

      Rispondi
  10. Cho Lapin

    2 aprile 2012 at 13:42

    beh parigi non è una città fatta per tutti. è una lotta continua.

    Rispondi
  11. halfblood

    2 aprile 2012 at 17:28

    sono troppo d’accordo con teh!!! #sallo

    Rispondi
  12. Fede

    21 aprile 2012 at 12:24

    Credo ci abbiano costruito Disneyland a uno sputo proprio per compensare questa sua antipatia intrinseca. Un po’ come quando la Moratti ballò “Viva la Mamma” nel disperato tentativo di non sembrare il mostro che è.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: