Maria piena di Grazia

Amici e amiche benvenuti in una nuova puntata di Sipario, la rubrica che Francesca Cipriani nel suo memoir ha definito “uno sguardo acuto sulla realtà che ci circonda scritto da una delle persone più intelligenti che io conosca“. Questa settimana il gossip è stato completamente mangiato dall’avvento delle grandi manifestazioni musicali, dai Grammy all’MTV Unplugged di Miley Cyrus all’imminente Superbowl, che voi subito mi direte “ma non è una manifestazione musicale!!1!” e io vi risponderò con un “beh vabbè” + Z snap + eyeroll. Ci tengo inoltre a fare una piccola premessa per spiegare il grande omissis di questo episodio: per una precisa scelta redazionale non parlerò di Justin Bieber, perché io francamente PIENO come lo è Maria della Grazia. Quindi allacciamoci le cinture e entriamo a gamba tesa in uno dei grandi temi della puntata: il tradimento.

È giunta in settimana la notizia che durante i meravigliosi anni duemila, la coppia Jude Law e Sienna Miller ciurlava nel manico con mezza Hollywood, e per mezza Hollywood intendo Daniel Craig. Ora togliete le mani dalle mutande e ascoltatemi: dicheno infatti che mentre la bella e brava Sienna era fidanzata ufficialmente con Jude, in gran segreto faceva le porcherie anche con il bel Daniel e che gli lasciasse messaggi hot sulla segreteria telefonica del tipo “I want fuck the shit out of you love you“. Sienna Miller una di noi. Ma non finisce qui. Mentre infatti Daniel Craig faceva lo stallone da monta con Sienna Miller, allo stesso tempo mandava sms al cellu di Kate Moss dichiarandole tutto il suo amore. Che manipolo di zoccole. Trovate comunque tutto il resoconto della vicenda qui: una roba che mescola sesso, intrighi internazionali, intercettazioni, processi e spie, insomma  un tv movie di Retequattro da mettere in produzione NOW.

A proposito di zoccole, il premio della settimana viene consegnato a Hugh Grant, ormai 50enne che sta lentamente infrangendo tutti i nostri ricordi adolescenziali di quando faceva il libraio timidone di Notting Hill. Ma dov’è che te va Hugh?! Come riporta anche il Corriere, il bel Hugh ha avuto infatti tre figli da due donne diverse, una svedese e una cinese che vabbè. Cosa supertop, i figli stanno nascendo praticamente contemporaneamente, una roba che sperminator proprio: ma io dico, i bei facial di una volta non si fanno più?

naya rivera

Rimanendo nell’ambito dei bei troioni (scusate se oggi sono un po’ NSFW, ma vabbè è domenica quindi siamo tutti più rilassati), c’è da annoverare la finissima e delicata copertina che Cosmopolitan for Latinas (abboniamoci tutti subito) ha dedicato a quella mamacita buena di Naya Rivera, che con il tracollo praticamente imminente di Glee sta cercando di cavalcare l’onda del puttanpop per rimanere rilevante in qualche modo. Io sono il primo a gridare all’idolatria appena vedo quattro dita di cerone e una matita contorno labbra, però cara Naya sappi che il make up non basta per entrare nel cuore di noi gente di borgata. Purtroppo il primo singolo rilasciato da Naya a fine estate faceva piangere gli angeli nel cielo ed è stato un flop passato sotto silenzio, un po’ come quello attuale di Lea Michele, che diciamoci la verità, dopo la sorpresa iniziale non è stato scagato praticamente da nessuno. In ogni casa cara Naya io confido in te, ce la puoi fare se ti sbiotti un po’: qui per vedere copertina e servizio fotografico, una roba made in Tor Pignattara proprio.

Scarlett for SodastreamLo scandalicious diplomatico della settimana ha colpito invece quella donna angelicata di Scarlett Johansson, che noi tutti ricordiamo nel film capolavoro della nostra generazione. Praticamente what’s happened: la Scarlett è ambasciatrice del gruppo umanitario internazionale Oxfam da otto anni, ma proprio questa settimana ha dovuto rassegnare le dimissioni in seguito ad uno spot di cui è stata testimonial. Stiamo parlando di SodaStream, quella macchina che crea bibite gasate aberranti dal sapore di ChupaChups sciolto in una Ferrarelle, una roba che probabilmente è stata inventata dai demoni dell’inferno per farci credere che la fine di tutte le cose è vicina. Com’è come non è, la Scarlett ha girato uno spot dove fa tutta la figa mentre beve le bibite della SodaStream: il problema è che questa azienda è israeliana con stabilimenti in Cisogiordania, una roba che la Oxfam non può tollerare per questioni di politica internazionale che non vi sto qui a spiegare perché non ne capisco un cazzo tanto le sapete già. Il dilemma di Scarlett è stato: rimango GRATIS Ambasciatrice di pace o rimango luridamente PAGATA come testimonial pubblicitaria? Dimissioni dalla Oxfam arrivate in meno di 24 ore. Siamo tutti Scarlett Johansson.

Chiudiamo con una bella notizia in arrivo dal mondo dorato di Amanda Bynes, un’attrice, una cantante, una donna di talento, un’imprenditrice, una bimba prodigio ma soprattutto una cara amica. Dopo aver trascorso gli ultimi 4 mesi del 2013 in rehab per malattie mentali, la bella e brava Amanda ha terminato il trattamento proprio poco prima di Natale: ora finalmente sembra che a poco a poco la vita stia tornando nuovamente a sorriderle. È stata infatti vista a Los Angeles entrare in un centro per la rimozione di tatuaggi, ma soprattutto è stata paparazzata mentre faceva vari giri tra i college di Orange County: dicheno che stia cercando di dare una nuova direzione alla sua carriera, forse proprio nell’ambito della moda. Brava Amanda, ora va è insegna agli angeli a far tornare in auge il lamé, buona fortuna!

Detto questo non mi resta che salutarvi e augurarvi una buona domenica: vi ricordo anche che è appena nata la pagina Facebook ufficiale di Sipario, una roba che se non cliccate Mi Piace verrete giudicati e derisi da me e il Signor Ponza su Whatsapp. XOXO

Sipario (app)

[L’archivio di Sipario]
[Il Tumblr di Filodrama]

Commenti via Facebook

Filodrama

Sono nato sabato grasso di Carnevale e vabbè, ho già detto tutto. Mi piacciono le montagne russe e i parchi di divertimento, la perfezione degli alberghi, le poltrone. Non mi piacciono le persone che vincono nella vita. Ho un brutto rapporto con l’entusiasmo, nel senso che non ce l’ho quasi mai e quando mi viene sarebbe meglio non averlo. Ho studiato cinema ma faccio tutt’altro, non colleziono cose simpatiche e non ho un hobby da rivendermi nelle conversazioni con la gente. Vivo a Milano, e la amo senza riserve.

Latest posts by Filodrama (see all)

Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: