Il meglio del peggio di Masterchef Italia

Un’altra edizione di Masterchef Italia sta per terminare e io sono ancora qui a scrivere post anziché essere ai fornelli di uno show di tre ore in diretta prima serata Rai1. Sono cose della vita che capitano.

5uoon

Scherzi a parte, anche questa quinta edizione di Masterchef pare abbia fatto il botto e noi siamo qui, in piena Masterchef Mania che ormai ha colpito anche i mangiatori di Sofficini più incalliti, ad aspettare il vincitore del nostro show di cucina preferito. Ci piace così tanto perché non è solo scaloppe di foie gras e risotti allo Champagne, ma soprattutto una banda di scalmanati che, spesso non riusciamo, a tre puntate della finale, ancora a capire se sanno cucinare o meno.

Proprio in attesa del gran finale, mentre testate online più o meno accreditate fanno a gara a chi riesce a pubblicare lo spoiler prima, ho pensato di ripercorrere i cinque peggiori concorrenti. Trash, antipatici o spocchiosi: così terribili che fanno il giro e diventano portatori sani di momenti iconici.

75eco

5. Paolo Armando

masterchef-4-concorrenti-paolo

Informatico, dalla provincia di Cuneo, catechista nel tempo libero: e già qui eyeroll a livello pro. E ci saremmo volentieri fermati qui, oppure ai suoi piatti sciapi come la sua personalità. Invece poi è incappato in quel loop di animali guida e metafore zoologiche che neanche la Divina Commedia e vai, incoraggiato dai giudici a fare imitazioni di struzzi e marmotte deriso anche dall’ultimo lupetto del gruppo scout.

12807139_583554308465648_716380837_n

4. Luisa Cuozzo

357

Giovane concorrente della prima edizione di Masterchef, direttamente dalla terra del Vesuvio, si classificò seconda perdendo in finale contro il greco Spyros con un inaspettato verdetto shock! La ragazza si era fatta notare per la sua forte consapevolezza del proprio talento boria: una ragazza ‘mbuttonata di cazzimma. Nel frattempo abbiamo perso le sue tracce, avrà fritto anche quelle.

tumblr_inline_o2r1s5QUPY1sxr1jc_500

3. Arianna Contenti

arianna

Bancaria romana, voleva fare la chic con il foulard in seta ma con la faccia da buzzicona della sagra della porchetta di Ariccia. Nella gara culinaria sapeva anche cavarsela bene nonostante i giudici le stessero parecchio addosso e tante volte le sue idee figate si trasformavano in cagate; sarà un po’ per il suo essere dell’acquario, un po’ per le continue frecciatine, ricorderemo di lei il suo sbrocco di fronte al trio al grido di non rompetemi i coglioni.

2. Tiziana Stefanelli

tiziana

Vince la seconda edizione di Masterchef rubandola al ben più talentuoso Maurizio. Probabilmente la più odiata di tutta la storia del programma, con una boria che faceva provincia, quasi come il suo giro vita. La sua vittoria tra l’altro fu molto discussa perché pare che il maritino fosse ben ammanicato negli ambienti che contano, come d’altronde il suo conto corrente da avvocato internazionale di successo lasciava già intendere. Più di tutto verrà ricordata per lo scandalo dell’#oilgate, quando osò con fare da volpina furbina di aggiustare il suo piatto con un giro d’olio dopo il suono del gong in una sfida molto delicata per la competizione.

ezgif.com-resize

1. Rachida Karrati

rachida

Non ha bisogno di presentazioni la regina indiscussa della terza edizione di Masterchef nonché un po’ del web tutto. Tra pianti, insulti e maledizioni voodoo agli altri concorrenti si è fatta strada fino alla seconda parte della competizione. Ricordiamo il suo festish per le sgridate di Bastianich, ma soprattutto i suoi momenti di smatto totale dopo flussi di coscienza senza freni nei confronti di giudici o concorrenti, oscurando qualsiasi dinamica televisiva e qualsiasi altro episodio durante la puntata. Rachida, grazi per tutto.

tumblr_mygwwksz6y1s7ub96o1_400

Questa sera su SkyUno alle 21:10 andrà in onda la finale della quinta edizione di Masterchef Italia. Chi vincerà tra Alida, Erica e Lorenzo?

Commenti via Facebook

clippermark

Ho 26 anni e sono nato in Abruzzo anche se negli ultimi anni ho iniziato a cambiare città come le mutande. Vado spesso in Germania per cercare di capire come mai mettano l’ananas sulla pizza ma voglio viverci da quando ho scoperto che mi piace. Da ormai 4 anni scrivo ricette sul mio blog "Una cucina per Chiama" ma tutto è iniziato quando da piccolo ho visto in TV Antonella Clerici: io però ho imparato a cucinare.
Dicono di me: "stai sempre in giro", dico di loro: "fatevi i cazzi vostri".
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: