Quante speranze hanno Meta e Moro a Eurovision 2018?

Come direbbe un imbruttito vero “anche questo Sanremo ce lo siamo tolti dai… palloni”. Ed è già ora di pensare a Eurovision Song Contest 2018 (o come diamine ha continuato a chiamarlo Michelle per tutta la settimana).

I vincitori Ermal Meta e Fabrizio Moro hanno già dichiarato che saranno orgogliosi di rappresentare l’Italia a Lisbona il prossimo maggio.

Tralascio la mia modestissima opinione sulla canzone (giusto per evitare un lungo elenco di parolacce) ma cercherò ora di concentrarmi sulle reali possibilità di vittoria per Non mi avete fatto niente.

Cosa avevamo detto di Gabbani a ESC2017

Premessa

Non si è ancora sopita la polemica sull’originalità del brano e sul presunto campionamento del 33% di una canzone identica e già inviata alla RAI un paio di anni fa (abbiamo affrontato la questione in questo articolo).

E giustamente mi viene da dire che questa polemica ci accompagnerà per altri tre mesi. Le regole EBU parlano chiaro e indicano che la canzone non deve essere stata pubblicata (cioè canzone già commercializzata o anche semplicemente eseguita) prima di ottobre 2017. È vero che molti occhi sono stati chiusi negli ultimi anni, ma si trattava di casi scoperti a ridosso della manifestazione. Qui ci presentiamo già con uno scandalo fin dal primo giorno. MI chiedo io, possibile che nessun altro Paese faccia ricorso?

Premessa 2

Ricordiamo che regole di Sanremo e regole EBU non corrispondono mai (perché la RAI continui a farlo per me è un mistero). Nella fattispecie la canzone di Meta e Moro ha i consueti 27 secondi di troppo per rispettare il limite massimo di 3 minuti imposto per Eurovision. 

Come risolveranno anche quest’anno il problema i nostri eroi? 

Non si pongono problemi linguistici anche perchè il duo delle meraviglie con la spocchia che li ha contraddistinti per tutta la settimana sanremese ha già chiosato “la porteremo in italiano, non siamo mica inglesi!”

La concorrenza

Al momento solo altre 8 canzoni su 43 sono note (altre sono in arrivo nei prossimi giorni perché già annunciate, ma non ancora presentate) quindi è molto presto per giudicare. Rischiamo un caso Gabbani bis, ovvero un record di visualizzazioni Youtube che poi come un soufflé si sgonfia perché al momento non esiste concorrenza “reale”. 

È ancora presto per giudicare perché i paesi tradizionalmente più forti (Svezia e Russia) ancora non hanno fatto capire se fanno sul serio. 

Inoltre non sappiamo nemmeno quante altre canzoni su questa tema si presenteranno. Al momento solo la canzone francese ha molte similitudini (come testo paraculo “impegnato”) con la nostra.

La lingua

Come già accennato precedentemente i nostri hanno già annunciato che “il nostro messaggio sarà portato in Italiano”. Mi chiedo: ma l’Europa lo capirà? 

Così, a caldo, ho qualche dubbio, perché da noi Italiani si aspettano sempre il “Grande Amore” quindi una canzone pseudo-impegnata potrebbe risultare un po’ ostica. 

È anche vero che gli ultimi due vincitori hanno vinto nella loro lingua e nessuno se le ricorda più ha avuto nulla da ridire.  

La presenza scenica

Inutile spendere parole sulla regia di Sanremo perché a me ricordava certe videocassette delle recite delle medie che ancora ho a casa di mia mamma.

È palese come la loro esibizione sia totalmente inadeguata per un palco grande quanto tutto l’Ariston.

Non chiedo fuochi d’artificio, basta solo studiare sapientemente inquadrature e luci (come fece Nina Zilli). Ma visto che questi due partiranno per fare ospitate anche a Medicina 33 direi che il tempo di studiare come affrontare un palco come quello di Lisbona non lo avranno. E ci accontenteremo della solita fuffa improvvisata in stile Emma Marrone.

Impressione generale

Potrei essere smentito da giurie ruffiane e coerenti come quella sanremese, ma credo che ci aspetterà una posizione tra la 10 e la 16 ad essere ottimisti.

Commenti via Facebook

claussibraun

Milanese espatriato, vivo a Bruxelles. Parlo almeno 3 lingue al giorno, ma non sempre le stesse. Delle volte sogno anche coi sottotitoli.
Eurovision Song Contest connoiseur, le 5 presenze in loco fanno da garanzia. Viene da se che amo la musica pop, magari anche un po’ baraccona ed appariscente. Una canzone uptempo con un key change, un ventilatore e dei lustrini e sono contento. Se la canzone è svedese, sarò vostro per la vita.
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: