Oggi free drink per tutti: IN VINO VERITAS

In scarpe Adidas, in shampoo Badedas, in culo un ananas. Premessa doverosa da parte mia è dirvi subito che questa espressione, così come la usiamo al giorno d’oggi, non l’hanno inventata gli antichi romani. Essa è citata per la prima volta da Erasmo da Rotterdam (1466 – 1536) nei suoi Adagia (1500), una raccolta di motti latini commentati, accanto al suo equivalente greco ἐν οἴνῳ ἀλήθεια. In effetti la più antica associazione tra il vino e la verità si trova in un frammento del poeta greco Alceo (fr. 366 Voigt) di cui possediamo solo l’incipit: οἶνοςὦ φίλε παῖκαὶ ἀλάθεα («il vino, caro ragazzo, e la verità..»). Tra le opere degli antichi romani la forma più simile al moderno in vino veritas la troviamo in Plinio il vecchio (23 – 79 d.C.) che, in un passo della sua enciclopedia scientifica intitolata Storia Naturale, afferma: volgoque veritas iam attribuita vino est (‘comunemente la verità è stata legata al vino’). Bene, se avete resistito fin qui ora è tutto in discesa. Nella società d’oggi profondamente liberalizzata in ambito etilico in cui mi glorio di poter dire di vivere questa espressione è non solo attualissima, ma passibile di declinarsi in svariati altri modi: in rum e cola veritas, in gin tonic veritas, in bacardi breezer veritas (per gli under 15), in campari orange veritas (dalle 19 alle 21) e, per quanto mi riguarda, in secondo sambuca e vodka alla menta veritas.

Al di là del processo di diffusione delle varianti alcoliche che mi piace ricordare col nome di «civilizzazione», tornando ai nostri romani, per loro si parlava di vino, bevanda che nel mondo antico era componente essenziale della vita quotidiana, tanto nell’alimentazione quanto nella sfera sacrale, nelle libagioni, nei sacrifici e nei riti funerari. Il vino aveva un ruolo di primo piano soprattutto in una particolare occasione: il banchetto. E non sto parlando dei tavoli di legno traballanti coperti di orrende cianfrusaglie coloritamente definite «etniche» (ma etnico de che? Ma di quale ethnos poi? Di certo uno con pessimo gusto) che tra qualche settimana non mancherete di saccheggiare passeggiando sul lungo mare di Varigotti. Quello del banchetto e dei poteri catartici del vino è un motivo di lunga tradizione, che si rifà al costume greco arcaico del simposio, una vera e propria istituzione sociale che costituiva anche momento privilegiato di fruizione poetica. Ecco diciamo un po’ come ai nostri matrimoni si sta seduti a tavola ore infinite e la band di turno al soldo degli sposi ci propina chessò Trottolino amoroso dududadada, in epoca antica si stava sdraiati e il soundtrack avrebbe potuto essere ad esempio un bel ditirambo di Pindaro. L’immagine paradisiaca di questo all you can eat 5 stelle luxury è molto allettante, c’è solo da sperare che il padrone di casa non sia uno tipo l’imperatore Eliogabalo, che ebbe la brillante idea di voler stupire i suoi commensali facendo cadere su di essi all’improvviso un tripudio di petali di rosa (Enzo Miccio, so che mi leggi, prendi appunti). L’inconveniente fu che i fiori erano talmente tanti che sommersero gli ospiti e alcuni di essi morirono soffocati.

La realtà aulica del simposio letterario costituisce uno dei temi privilegiati della poesia oraziana, di cui già abbiamo parlato nel post dedicato a Carpe diem. Esiste poi un’altra dimensione del banchetto dove il vino, mai bevuto liscio ma rigorosamente aromatizzato con miele e spezie, scorre sempre a fiumi. Il caso in questione è quello della Cena di Trimalcione, un brano di una delle opere letterarie latine giunteci frammentarie di cui più piangiamo la perdita, il Satyricon di Petronio. Quello che sopravvive di questo romanzo ci dà uno spaccato della vita quotidiana nel periodo di massima pace e ricchezza dell’impero, il I sec. d.C., e rappresenta una fonte inestimabile per la conoscenza della lingua e della abitudini di tutti i giorni dei romani. Nonostante la tematica volgare (nel senso latino del termine, da vulgus ‘popolo’), il suo autore era un finissimo letterato e anche gran viveur, se davvero lo si deve identificare con Gaio Petronio, uomo voluto a corte da una personcina come Nerone a ricoprire il ruolo di «arbiter elegantiae» (‘giudice del gusto’).

Il protagonista e narratore in prima persona del romanzo è Encolpio, che vaga per le città dell’Italia meridionale insieme Gìtone, giovinetto di cui è innamorato, e al compagno di ribalderie Ascilto, suo rivale nell’amore di Gìtone. Tra una peripezia e l’altra i protagonisti vengono invitati a banchetto a casa di Trimalcione, un tempo schiavo che poi venne liberato e diventò ricchissimo, tanto che il vino servito a cena viene da uno dei suoi poderi, vai a capire tu quale, tra Terracina (Lazio) e Taranto (Puglia), ma gli hanno parlato bene anche della Sicilia e ha una mezza idea di comprarsi qualcosa anche lì, così se mai gli venisse lo schiribizzo di andare in Africa lo può fare a piedi, camminando sempre sulle sue proprietà. Questo personaggio mostra tutte le bizzarrie e piccolezze delle classi sociali elevate dell’epoca: allestisce banchetti da sogno e millanta grandi doti letterarie, per volendosi mostrare personalità superiore vive di eccessi rivelandosi nient’altro che un parvenu arricchito. Sebbene la sua sconfinata ricchezza induca a pensare il contrario, dal buco del c**l di Trimalcione non escono sesterzi, e infatti ad un certo punto se ne va al cesso e sta via un bel po’, tanto che al suo ritorno si giustifica con i commensali affermando di aver avuto un attacco di diarrea. Per la storia del galateo ecc. tranquilli, di ‘ste robe se ne può parlare a tavola, del resto come dice Trimalcione nemo nostrum solide natus est («nessuno di noi è nato senza buchi»). Alleggerito dal ‘peso’ che l’opprimeva, ora il nostro eroe si lancia in un panegirico di se stesso, promette alla sua morte libertà per tutti i suoi schiavi e, per non farsi mancare nulla, mette in scena un’anteprima del suo funerale. In verità l’intero episodio è concepito un po’ come un’ultima cena, sebbene non se ne capisca la ragione, tanto più che Trimalcione ha appena consultato il suo astrologo che gli ha predetto ancora trent’anni di vita. Curioso però notare che, in questo clima funebre, si sente anche il canto un gallo, che suscita forte timore in Trimalcione, il quale ordina di versare del vino sotto la tavola e sulla lanterna, per scongiurare questo oscuro presagio. L’immagine ci rimanda al tradimento di Pietro la notte dell’ultima cena, alla sua triplice negazione «prima che il gallo canti». Tra i tanti temi che rintracciamo nella Cena anche il motivo del vino è molto presente, per lo più legato a riflessioni sulla vita e sulla morte: Trimalcione afferma che «diutius vivit vinum quam homuncio» (‘il vino vive più a lungo di un pover’uomo’), che «vita vinum est» e fa poi portare del vino con cui predice saranno lavate le sue ossa.

Per chi avesse voglia di investire 15 munti non su xvideos.com ecco il video della Cena così come è raccontato da Fellini nel suo Sayricon (1969):

https://www.youtube.com/watch?v=1RFwLn6v1Co

Per chi volesse investire ancora4 muniti ecco un altro spezzone tratto dallo stesso film che racconta un episodio non narrato nella cena, la storia della matrona di Efeso. Il nome, ve lo concedo, non è allettante ma la storia è divertente e merita di esser vista quanto meno per la terribile somiglianza tra la voce del personaggio narrante e quella di Cristiano Malgioglio:

https://www.youtube.com/watch?v=3WRtn1xqeas

Salvete et valete!

Commenti via Facebook

alepuntoacapo

maestrino dalla penna rossa che vede sempre il bicchiere mezzo pieno (preferibilmente di gin tonic), strenuo difensore dei valori fondanti della cultura occidentale impersonati dalla poesia omerica e dalla discografia di Raffaella Carrà, ricercatore di antichità per passione e per professione, ho la chioma celtica, il nome greco, il cognome ebraico, ma qui vi parlo di latino.
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: