636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza

Più che da occupare, queste primarie sono da riempire

Non so voi, ma dopo aver assistito a distanza alle elezioni presidenziali americane (che seguono a un’altrettanto appassionante corsa per le primarie) a me viene un po’ di sconforto. Un po’ come quando a X Factor vengono eliminate le Donatella e resta in gara Yendry. Ma quella è un’altra storia.

Il sistema elettorale e la democrazia a stelle e strisce non è certo esente da critiche, come non lo sono in qualsiasi altro Paese. Se però penso che la nostra politica, con le elezioni ormai alle porte, il massimo che ha da offrirci sono le primarie di centro-sinistra e centro-destra che stiamo vedendo in questi giorni, un po’ mi viene quella depressione che guarisce solo emigrando in altri paesi.

Da una parte la sinistra propone una sfida a cinque tra Pierluigi Bersani, Laura Puppato, Matteo Renzi, Bruno Tabacci e Nichi Vendola (rigorosamente in ordine alfabetico). Pierluigi Bersani è sicuramente una brava persona, ma penso sinceramente di avere più carisma io. E non parlo di me stesso in carne e ossa, ma del Signor Ponza intesto come penna di color verde che costituisce il mio storico avatar. Matteo Renzi è il finto nuovo, il finto giovane, il finto di sinistra che però sa comunicare e sa vendersi bene. Non a me, visto che ogni volta che vedo il suo faccione mi viene voglia di afferrare oggetti metallici e scagliarli contro la televisione. Nichi Vendola è colui che teoricamente rappresenta la sinistra più di sinistra fra coloro che corrono per le primarie, ma il vendolismo ha dimostrato in questi anni di aver ben poca concretezza quando si tratta di governare. Se anche hai delle belle idee, ma poi non sei in grado di metterle in pratica, è come se avessi in garage una Porsche ma non avessi i soldi per pagare la benzina. Bruno Tabacci ha deciso di candidarsi probabilmente perché era troppo annoiato, visto che fare il parlamentare a Roma e l’assessore al Comune di Milano evidentemente non gli bastava. E poi c’è Laura Puppato che invece conosco poco perché i mezzi di informazione in Italia sono talmente equidistanti che si dimenticano persino di citarla.

Dall’altra parte, per le primarie del centro-destra, c’è una tale confusione che si ha sempre il timore che da un momento all’altro spunti Fatma Ruffini e inizino i casting. Non si è ancora capito chi si candida, come si candida e perché si candida.

Al di là di questi giudizi squisitamente personali e superficialotti, credo che il più grande difetto di queste primarie sia l’assenza di un concorrente piuttosto importante: i contenuti. Qualcosa (molto poco) sta venendo fuori, ma con fatica. Ne ha parlato ad esempio il mio amico Falcon82 sul suo blog. Al momento però la domanda ricorrente che mi pongo tutti i giorni (vabbe’ non esageriamo, facciamo una volta a settimana) è la seguente: perché dovrei andare a votare? Per la simpatia? Per scegliere il meno peggio? E chi me lo fa fare?

È vero. Esistono i modi per informarsi, ad esempio andando sui siti dei candidati e leggendo i loro programmi, ma zero sbatti. Per quale motivo dovrei però pensare che i candidati abbiano a cuore i contenuti della loro proposta politica, visto che non se ne parla mai?

Ecco perché attendo con grande curiosità il dibattito che ci sarà questa sera su Sky Tg 24 alle 20,30 (giuro che SKY non mi paga per questo post, però se qualcuno dell’azienda leggesse e volesse abbassarci il canone mensile, ben venga) tra i candidati alle primarie del centro-sinistra. Non tanto perché alla fine del dibattito mi aspetto di avere un’idea chiara su chi votare. Anzi. Io vorrei capire innanzitutto per quale motivo dovrebbe valere la pena andare a votare alle primarie del centro-sinistra.

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci

Comments (30):

  1. Ginés de Pasamonte su Facebook

    12 novembre 2012 at 11:07

    credo che tu abbia ragione… spero che il dibattito di stasera ti aiuti a entrare nel merito e poter scegliere un candidato.

    Poi, sai, io sono convinto che il carisma te lo danno i giornali… ma sono di parte… 😉

    Rispondi
  2. Matteo Vassallo su Facebook

    12 novembre 2012 at 11:07

    io andrò a votare per renzi. non perché mi piaccia ma perché non voglio vinca ancora il triangolo bersani – d’alema – bindi, che sono su quelle poltrone da 20 anni e sono responsabili del dissesto economico e morale dell’italia almeno tanto quanto berlusconi.

    Rispondi
  3. Lord79

    12 novembre 2012 at 11:24

    Aspetto anche io il mega-dibattito su Sky; ma qualcosa mi dice che dopo averlo visto, le mie opinioni su di loro non cambieranno affatto.

    Rispondi
    • Signor Ponza

      12 novembre 2012 at 21:45

      Al momento sono colpito perché ho già sentito più contenuti di quanto mi aspettassi!

      Rispondi
  4. gmdb

    12 novembre 2012 at 12:21

    Anch’io sono esausto da questi personaggi che passano il tempo a sputtanarsi l’un l’altro come fossero nella casa del GF o sull’Isola dei Famosi (complici TV e giornali che ci marciano su alla grande). Nessuno che spieghi invece come intende governare se eletto. Non mi bastano slogan urlacchiati in stile Grillo, voglio spiegazioni razionali e programmi seri con uno studio di fattibilità. Ma forse chiedo troppo…

    Rispondi
    • Signor Ponza

      12 novembre 2012 at 21:57

      Stasera, stranamente, sembrano concentrarsi sui contenuti.

      Rispondi
  5. Baol

    12 novembre 2012 at 12:40

    Non credo che seguiirò il dibattito, ho maturato, negli anni, una certa avversione a sentir parlare i politici, cercherò, come faccio di solito, di informarmi direttamente sui siti per scegliere chi votare tra Bersani e Vendola ma una cosa è certa, di votare alle elezioni voterò perchè non credo nel “non voto”, l’ho praticato ed ho capito che non fa per me.

    Rispondi
    • Signor Ponza

      12 novembre 2012 at 22:02

      Alle elezioni sicuramente voterò perché concordo in pieno con te. Non c’è cosa peggiore del non esercitare il proprio diritto. Sulle primarie invece sarei più scettico.

      Rispondi
      • Baol

        14 novembre 2012 at 18:25

        Ma sai che, alla fine, l’ho seguito un po’ il dibattito e non è stato affatto male?

        Rispondi
        • Signor Ponza

          14 novembre 2012 at 22:55

          Anche secondo me! Il format era ben studiato e concedeva poco ai candidati di disperdersi in discorsi senza contenuti e di attaccarsi fra loro. Alla fine qualcosa si è capito 🙂

          Rispondi
  6. Filo (@filodrama)

    12 novembre 2012 at 12:41

    Non so, io vorrei soltanto che potessimo andare tutti d’accordo come al tempo delle medie. Vorrei poter fare una grande torta di arcobaleni e di sorrisi per poterla mangiare ed essere felici.

    Rispondi
  7. Roberto ®

    12 novembre 2012 at 13:05

    Hai descritto Bersani, Renzi e Vendola proprio come se lo avessi fatto io. E condivido in toto pure il titolo del post.
    Sinceramente di questi tempi, il sentimento principale sull’argomento è l’amarezza 🙁
    Prepariamoci ad andare a votare tappandoci il naso…

    Rispondi
    • Signor Ponza

      12 novembre 2012 at 22:25

      A votare alle elezioni politiche temo proprio che ci dovremo mettere la maschera antigas!

      Rispondi
  8. Pier(ef)fect

    12 novembre 2012 at 14:10

    io le idee non so come ce le ho xD no beh lo so, penso che il dubbio sia lecito e condiviso vista la sfiducia di fondo che si è consolidata in questi anni di mala “politica”.. Bersani mi sa di vecchio, Renzi si pone bene, ma non lo trovo così concreto, Vendola lo vedo un po’ su Facebook e sembra interessante… vedremo il dibattito di stasera!

    Rispondi
    • Signor Ponza

      12 novembre 2012 at 22:27

      Purtroppo Vendola in otto anni di governo della Regione Puglia ha fatto poco o niente. Tante parole, tante idee, ma pochissima concretezza. All’inizio guardavo a lui con molta speranza, ora le speranze le ho quasi tutte abbandonate.

      Rispondi
  9. Signor Ponza su Facebook

    12 novembre 2012 at 21:39

    Ginés de Pasamonte sul carisma sono d’accordo che in parte sia determinato da quello, in parte è innato e in parte ci si lavora su. Bersani pecca un po’ in tutte e tre purtroppo.
    Matteo Vassallo sono d’accordo con te, ma Renzi non è che sia così tanto nuovo… Era della democrazia cristiana, cioè era Tabacci praticamente.

    Rispondi
  10. Kentoo

    13 novembre 2012 at 11:52

    Commento del day-after:

    Ok, visto che dei contenuti non s’è vista nemmeno l’ombra, diamo un voto a Tomassini? Anche a Cixi travestita da Puppato magari…

    Rispondi
    • Signor Ponza

      13 novembre 2012 at 18:57

      Mancavano solo gli occhialoni e il panda e poi Laurona era esattamente come Cixi.

      Però dai, io sinceramente pensavo molto peggio. Qualcosa in più sui programmi dei diversi candidati lo si è capito finalmente, merito secondo me anche dell’impostazione del confronto.

      Rispondi
      • Kentoo

        13 novembre 2012 at 19:04

        Si, lo si e’ capito.
        E la pensano diversamente ADDIRITTURA sui diritti civili. Cioe’, ti pare normale?

        Una cosa giusta (mioddio) l’ha detta Ferrara: ci ritroveremo esattamente come con l’ultim ogoverno Prodi:
        – Matrimonio per i gay!
        – Manco per il cazzo.
        – Piu’ tasse!
        – Meno tasse.
        – Europa si!
        – Europa no.

        E – per altri 5 anni – non succedera un cazzo di nulla. Di nuovo.
        Non vi invidio amiciciui.

        (sono scurrile, oggi niente bromuro ché il farmacista scioperava per salvare i babbinatali appesi alle finestre)

        Rispondi
        • Signor Ponza

          13 novembre 2012 at 19:24

          Ahimè io rimpiango il primissimo Governo Prodi, estremamente sottovalutato. Come l’album di Kelis “Fleshtone”. Uguale uguale.

          Rispondi
          • Kentoo

            13 novembre 2012 at 19:54

            Sono purtroppo troppo piu’ severo anche nei confronti del primo.

            Raddoppiare i debiti istituzionali non fu roba intelligente… Vabbe’, tanto alla fine non sarebbe cambiato comunque un cazzo. Col senno di poi.

  11. arf76

    13 novembre 2012 at 11:53

    Sono sostanzialmente d’accordo con quello che dici (brava Puppato, ma con ben poche chance, vedrei meglio Vendola ed escluderei Renzi per i tuoi suddetti motivi – vabbè, Bersani anche basta e Tabacci si è proprio auto-eliminato per me dopo il confronto di ieri). Oltre a tutte queste belle parole però auspicherei che alla fine, chiunque fosse eletto, FACCIA qualcosa di sinistra, ma sul serio. Qualcosa che ti faccia pensare di aver ben votato e non solo di aver votato il meno peggio (esisterà poi questa sensazione? Quella di aver ben votato dico ;-p).

    Rispondi
    • Signor Ponza

      13 novembre 2012 at 19:20

      Ecco, pensando che potrebbe essere Renzi il vincitore delle Primarie, questa speranza potrebbe essere delusa.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: