Elezioni 2018 e Diritti LGBTQ+: le posizioni dei partiti

Tra meno di 48 ore andremo a votare alle elezioni 2018. La campagna elettorale di questa tornata elettorale è stata sgangherata, violenta, bufalara e dal punto di vista dei contenuti povera. Non si è parlato di niente ma si son solo urlati slogan e fatte promesse assurde e infattibili.

Mai come questa volta il risultato non è prevedibile, soprattutto vista la nuova legge elettorale che favorisce le coalizioni e non il singolo partito (non a caso!). Detto ciò, se di tanti temi non si è detto molto o si son dette solo favole, come ad esempio in materia di tasse e immigrazione, di un altro tema non si è proprio parlato per niente. Mi riferisco ai diritti civili con particolare riferimento a quelli del mondo LGBTQ+.

Il nostro blog non è un blog che fa propaganda politica, né blog LGBTQ ma siamo una Community dedicata a tutte le sfumature dell’amore e siete voi a 360° le persone per cui facciamo quello che facciamo.

Quindi dato che oramai è finita la campagna elettorale e che tra poco dovremo ripescare le tessere per votare dai cassetti, mi ci sono messo d’impegno e spulciando i programmi dei partiti ho riassunto quali siano le posizioni dei partiti sul tema diritti civili/LGBTQ+.

Coalizione di Centrosinistra
PD, InsiemeCivica Popolare, +Europa

Il Partito Democratico, vittorioso della legge Cirinnà e della legge sul testamento biologico, conferma il proprio impegno sul tema con punti relativi alla lotta all’omofobia anche grazie a una legge specifica.
+Europa di Emma Bonino invece si spinge anche oltre sul tema di diritti LGBTQ+ con la proposta di una riforma dell’intero diritto di famiglia per superare tutte le discriminazioni in tema di matrimonio, unioni civili ma anche adozione e stepchild adoption.
Civica Popolare e Insieme non hanno le stesse posizioni degli altri due membri della coalizione e rimangono molto vaghi nel supporto alla famiglia.

Coalizione di Centrodestra
Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Noi con l’Italia

Secondo voi perché tutte le imitazioni satiriche del CSX son costruite attorno alle divisioni interne di questo schieramento politico? Perché è vero! Pensate che il centrodestra ha un programma condiviso di coalizione che mi facilita nello scopo di riassumere le loro posizioni in tema di diritti LGBTQ+ (non che ci sia da aspettarsi grandi sorprese).
I nostri amici di questa fazione politica infatti sostengono che la famiglia (indovinate voi quale!) sia il nucleo fondamentale della società. Della popolazione LBGTQ+ non si parla esplicitamente, figurarsi. Ma se di questo non si parla, si parla invece di norme esplicite che tutelino gli animali domestici. Insomma se prendono a calcio un cane ci sarà una norma per difendere la bestiola, mentre non ci sarà una norma a tutelare una persona transessuale presa a calci e sputi. Bene, no?
Ah, la Lega fa delle specifiche proprio sul tema della teoria gender, spiegando che il matrimonio è tra uomo e donna e che non si debbano modificare i documenti con scritte rispettose della non-binarietà, perché ci sono solo MADRE e PADRE e non GENITORE 1 e GENITORE 2. Ma vabbè, la rivincita ce la prendiamo quando pensiamo che un sondaggio ha rivelato che gli elettori di Fratelli d’Italia sono straordinaramente friendly alle tematiche LGBTQ+ (per un partito di destra).
Sebbene questa coalizione abbia dichiarato ad un evento Family Day che intendono abolire i matrimoni tra persone delle stesso sesso, per ora questo punto non è stato ripreso né formalizzato. Poi oggi Salvini ha detto che Elsa di Frozen non deve diventare lesbica… quindi ragazzi io non so proprio che dirvi su questa gente.

Movimento 5 Stelle

Raga incredibile ma vero ma il M5S di LGBTQ+ non ne parla. Ma manco per sbaglio eh! Al massimo si parla di generico sostegno alle famiglie, poi fine.

Liberi e Uguali

La formazione politica del Presidente del Senato Grasso è senza dubbio molto bold nel programma in tema di diritti LGBTQ+. Come dice anche il nome “Liberi e Uguali“, l’uguaglianza è veramente il mantra e si applica anche nella riforma del diritto di famiglia con una modifica a cascata su tutti gli istituti relativi al tema, un po’ come indica +Europa di Emma Bonino.
Ma LeU fa qualcosa di molto ammirevole che trovo incredibilmente moderno, quasi una sorpresa nel panorama di questa campagna elettorale: nel programma si parla di diritti delle persone transgender con un accento sull’importanza dell’autodeterminazione della persone.

CasaPound, Forza Nuova

Non ci perdo nemmeno tempo con i fascisti quindi per quanto mi riguarda, questo paragrafo finisce qui.

Potere al Popolo

Potere al Popolo però vince su tutti in tema di diritti civili. Si tratta di una formazione politica di estrema sinistra che prevede la riforma del diritto di famiglia non in ottica gay o lesbica, ma anche in ottica non binaria.
Si parla in maniera dettagliata di norme a tutela delle persone LGBTQ+ per combattere la discriminazione, ma anche di sanità con il supporto alle persone sieropositive. Insomma, il programma di PaP ha un’impronta incredibilmente innovativa in tema di diritti LGBTQ+.
Inutile dire che sfortunatamente le probabilità di PaP di superare lo sbarramento del 3% sono molto, molto basse.

 

Ecco, ho finito. Avete idee più chiare? Spero di sì e spero anche che abbiate capito che se vogliamo esistere e non essere invisibili abbiamo solo un’opportunità: andare a votare e votare bene. Mi spiace, vorrei essere imparziale, ma non capisco come possa una persona LGBTQ+ votare certi schieramenti: ricordatevi che condividere post su Facebook indignati, andare ad un Pride, la bandiera arcobaleno nella foto di Facebook sono strumenti infinitamente meno concreti rispetto a votare domenica, soprattutto in questa tornata elettorale, dove esistiamo solo per alcuni, mentre altri o ci ignorano o addirittura non parlano nemmeno minimamente di noi e del nostro diritto di essere felici e essere noi stessi.

Commenti via Facebook

solodallamente

Nella prossima vita voglio rinascere in grado di scrivere biografie accattivanti, per il momento mi limito a confermarvi che sono troppo intelligente per essere anche bello e che nella vita quello che conta davvero è la pizza. Il mio animale guida è Taylor Swift, con la quale condivido la dote di essere odiato da tutti (a ragione).
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: