Quattro amici al bar: Fidel, il Ché, Renzi e Berlusconi.

 

bis

 

Bentornati sulle pagine più contestate d’Italia dopo quella del Ciobar che non viene denso come nella pubblicità (il segreto è aggiungere la farina, ma giustamente mi chiedo e domando perché non lo facciano direttamente loro quando lo imbustano).

Proprio in questo momento sta avvenendo uno di quei momenti di merda  storici che il Nostro Paese attendeva con un’ansia che nemmeno quando aprono l’ultimo pacco ad Affari Tuoi e Insinna schecca come se fosse uscito da una puntata di Will & Grace. Il segretario del PD, tale Matteo Renzi, incontra il-non-si-capisce-il-ruolo di Forza Italia, tale Silvio Berlusconi. I due, ci tiene a sottolineare l’ANS(i)A, si incontreranno nella sede romana del PD (E non è la bestemmia)  “sotto il quadro di Che Guevara e Fidel Castro che giocano a golf, i due leader affronteranno i nodi della legge elettorale”. Poi magari ricorderanno quanto si son divertiti a cena assieme qualche anno fa (ve lo siete dimenticati eh?) e andranno a mangiare un tiramisù da Pompi già che ci sono. Alcuni nel PD son stati critici, affermando che è un errore questo incontro. MALEDETTI COMUNISTI! Sempre in mezzo a dare fastidio. Anche Antonino Di Pietro (che contrariamente a quanto credevamo tutti non solo non è morto, ma è ancora presidente onorario matteo-renzi-ruota-della-fortunadell’IdV (che contrariamente a quanto credevamo esiste ancora)) ha affermato che non vede niente di male in questo incontro. Beh chi sono io per andare contro quello che dice Antonino? Proprio nessuno, quindi sappiate che i due si vedranno e ne verranno fuori con un’alleanza che al confronto il Governo delle larghe intese è stato il più bel e florido momento politico degli ultimi cinquant’anni di storia repubblicana. Tra l’altro a me fa piacere che tra le cose che ci tengono a dirci sull’incontro ci siano questi dettagli di merda sul quadro o che Matteo abbia bevuto una Coca-Cola sul treno: sempre con queste americanate! Ah, il nostro piccolo Obama fiorentino. Del resto se si distribuisse tutta la melanina che è concentrata nei suoi nei in maniera equa per tutto il corpo sarebbe anche lui di colore.

Scherzi a parte, vedremo cosa tireranno fuori dal cilindro i nostri due mattatori. Che altro? Ah, il nostro amato Letta è ancora in giro per il mondo con la sua sfera poké per affari internazionali. Di ritorno dal Messico ha continuato il botta e risposta sui giornali con il segretario del partito di cui lui teoricamente fa ancora parte. Ora, io capisco la crisi, ma ragazzi un anno di abbonamento a whatsapp costa 90 centesimi, ve lo offro io tranqui. Tra rimpasti presunti,  passando per Cuperlo images(aka Sallusti con la parrucca) che probabilmente mostra i segni della demenza senile parlando di un Letta-bis, gli ultimi giorni hanno girato attorno ai temi di Legge Elettorale, l’affaire Di Girolamo, la legge sui matrimoni gay che Renzi ha proposto (e qua non mi fate parlare che il vilipendio è reato) e il braccio di ferro con Alfano, la Lega che pubblica gli appuntamenti del Ministro Keyengccetera sui giornali e il caso Stamina.

Li affronterei tutti, ma ho un esame che incombe. Ma se mi posso permettere, vi voglio lasciare con un video meraviglioso in cui il neoeletto segretario della Lega Salvini fa una figura di merda così grande che adesso è più marrone del Ministro di cui si prendono tanto gioco.

Buona visione!

 

Commenti via Facebook

solodallamente

Nella prossima vita voglio rinascere in grado di scrivere biografie accattivanti, per il momento mi limito a confermarvi che sono troppo intelligente per essere anche bello e che nella vita quello che conta davvero è la pizza. Il mio animale guida è Taylor Swift, con la quale condivido la dote di essere odiato da tutti (a ragione).
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: