636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza
Recensione di Elysium

Recensione di Elysium con Jodie Foster LILF

Non ho ancora avuto il piacere di vedere District 9, ma siccome tutti coloro che l’hanno fatto si bagnano le mutandine al solo parlare di questo film, sono andato al cinema a vedere Elysium, pellicola diretta dallo stesso regista (Neil Blonkman), con grande curiosità. Non nascondo dunque che le aspettative della vigilia erano piuttosto alte e sono queste che probabilmente influenzano la mia recensione di Elyisum.

Elysium è una stazione spaziale orbitante attorno alla Terra, sulla quale si sono trasferiti tutti i ricchi del pianeta. Su Elysium regnano la calma e il benessere, ma dalla sovraffollata e inquinata Terra, dove sono rimasti solo i poveri, cercano continuamente di arrivare i più disperati, grazie a una versione moderna dei gommoni che attraverso il Mediterraneo per arrivare a Lampedusa.

A cercare di difendere il piccolo paradiso orbitante c’è il perfido Ministro della Difesa Jessica Delacourt (Jodie Forest), una sorta di Bossi-Fini vivente che non esita a sparare sugli immigrati pur di impedire loro di raggiungere la stazione spaziale. Tra i poveri però ce n’è anche Max Da Costa (Matt Damon) che è più determinato degli altri, soprattutto perché vuole farsi bello agli occhi di Frey (Alice Braga), il suo amore d’infanzia.

Jodie Foster recensione Elysium

Come avrete capito, la carne al fuoco è tanta: le diseguaglianze, l’immigrazione, il diritto alla salute, la lotta di classe. In altre parole: BOOOORING. O meglio, i temi sono inevitabilmente già conosciuti, il problema è che, al contrario di quanto avviene in District 9 (almeno, da quello che so sulla trama), lo sviluppo è piuttosto banale e scontato. La trama risulta infatti prevedibile e assimilabile a qualsiasi film di fantascienza mediocre.

Con questo non voglio dire che Elyisum sia un film orrendo. Tuttavia non è nemmeno un film che resterà nella storia. Io ad esempio mi sono addormentato nella prima parte, ma forse anche perché vittima del jet lag dopo il viaggio di ritorno dalle Marche. Ma più probaibilmente perché semplicemente vittima della lentezza della storia.

CHIPS e CHEAP: CHIPS è il personaggio (e anche l’interpretazione di Jodie Foster del Ministro Delacourt, una donna di ferro che in confronto la Tatcher sembra una passerina. CHEAP è la trama senza nemmeno un colpo di scena.

Livello di SHAZAMMABILITÀ: basso. Ma perché? C’era anche una colonna sonora?

Livello di BONAGGINE DEL CAST: medio-basso. I miei complimenti vanno a Jodie Foster, che all’età di 50 anni si conferma una LILF mica da ridere.

Quanto dura / quanto sarebbe dovuto durare: 104 minuti / 30 minuti, ossia quelli conclusivi. Quelli leggermente più movimentati.

Mi devo fermare dopo i titoli di coda per vedere la SCENA NASCOSTA o posso andare direttamente a casa? No. Correte a casa a dormire o a proseguire la dormita cominciata in sala.

GIUDIZIO COMPLESSIVO: due Anne Praderio su cinque.

Anna Praderio Anna Praderio

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci

Comments (9):

  1. Daniii

    6 settembre 2013 at 11:27

    La Jodie la si puó solo amare, è un fatto ormai assodato.
    Ma del Matt che mi dici? Si è cosí imbolsito da non meritare nemmeno una piccola citazione nel livello di bonaggine dal cast???

    Vado che il mio nuovo fidanzato Raoul mi sta aspettando sulla spiaggia per rifarmi l’uscita dall’acqua di Piccolo Grande Amore.

    Rispondi
    • Signor Ponza

      8 settembre 2013 at 12:15

      Premettendo che vogliamo sapere di più sul tuo nuovo fidanzato, Matt Demon in realtà non mi ha mai convinto. Ora poi è gonfio, ma così gonfio che sembra una bambola. Quindi la bonaggine sta tutta nella splendida Jodie.

      Rispondi
  2. Filo

    6 settembre 2013 at 12:04

    concordo con il voto finale, anche io sono rimasto delusissimo anche perchè faccio parte di quelli INNAMORATI di District 9, filmone che ti impongo di recuperare ASAP anche se prevedo che non lo ameray perchè pieno di quelle cose che tu inorridisci aka le cavallette.
    Secondo me il problema di Elysium è quello di essere stato poco coraggioso nelle sue scelte, io a questo punto avrei puntato più in alto e l’avrei fatto diventare un film anarcocomunista pesante, di quelli che o odi o ami. Questo invece è meh, sembra fatto per piacere un po’ a tutti, senza nerbo.
    Anche io due Anne Praderio o una sfuriata di Anselma.

    Rispondi
    • Signor Ponza

      8 settembre 2013 at 12:19

      Forse l’ho già detto, ma quando sei d’accordo con il giudizio mi sento di aver fatto bene il compito in classe.

      Davvero mi piacerebbe molto vedere District 9, ma ora che hai citato le CAVALLETTE, credo che andrò su Wikipedia a leggere la trama e bon.

      Rispondi
  3. Giulio GMDB

    7 settembre 2013 at 19:51

    La fantascienza in genere mi piace ma la trama qui sa davvero di stucchevole… Questo, insieme ad altri giudizi che ho letto, mi fanno risparmiare i soldi del biglietto

    Rispondi
    • Signor Ponza

      8 settembre 2013 at 12:22

      In effetti anche io avevo letto solo recensioni negative, ma ho voluto svolgere il mio dovere di blogger e sono andato lo stesso. Credo che le aspettative fossero davvero alte e, allo stesso tempo, il regista abbia sofferto di ansia da prestazione.

      Rispondi
  4. Roberto ®

    8 settembre 2013 at 11:06

    Invece io sono uscito dal cinema soddisfatto 🙂

    Rispondi
    • Signor Ponza

      8 settembre 2013 at 12:22

      Ti è piaciuto? In realtà non è un film brutto, lo riconosco. Però boh, da vedere magari un mercoledì sera d’inverno in tv quando non c’è la Champions League.

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: