636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza
Io sono tu recensione

Recensione di Io sono tu e omaggio a Sandy Cohen

Potremmo aprire una parentesi infinita sull’annoso problema della traduzione in italiano dei titoli dei film stranieri, ossia su quel misterioso processo che porta inspiegabilmente a trasformare titoli come Eternal Sunshine of the Spotless Mind in Se mi lasci ti cancello. Allo stesso modo, infatti, anche la trasposizione di Identity Thief in Io sono tu lascia alquanto perplessi, soprattutto perché chi si occupa di queste cose ha avuto molti mesi per pensarci, visto che il film è uscito negli USA a febbraio. E invece no. Io sono tu. Che non significa nulla, né in italiano, né dopo averlo visto. Dunque, pieno di sconcerto, non mi rimane che procedere alla recensione di Io sono tu, rabbrividendo ogni volta che devo scrivere il titolo.

L’idea alla base è in realtà molto carina. Sandy Bigelow Patterson (Jason Bateman) è un uomo che conduce una vita relativamente tranquilla in Colorado: due figli (e un terzo in arrivo), una moglie discretamente figa, un lavoro che gli permette in qualche modo di arrivare fino alla fine del mese. Finché un giorno scopre che da qualche parte negli Stati Uniti c’è qualcuno che ha deciso di rubargli l’identità. Che semplicemente vuol dire che questo qualcuno se la spassa spendendo soldi utilizzando le sue carte di credito clonate. Si scopre poi che il ladro di identità è in realtà una lei (Melissa McCarthy) e gran parte della comicità del film è giocata sul fatto che Sandy sia più un nome da donna.

A tal proposito vorrei fare una precisazione, sentendomi toccato direttamente dalla questione visto che mi chiamo Andrea. Sandy non mi pare proprio sia un nome esclusivamente da donna, anche perché vorrei ricordare che le sopracciglia che hanno fatto la storia della tv americana portavano proprio lo stesso nome e appartenevano ad un uomo: Sandy Cohen di The O.C.

Sandy Cohen The O.C.

Come accennavo, l’idea è molto carina. Peccato che sia stata sviluppata, per usare un eufemismo, in modo non ottimale. In poche parole, fosse stato per me avrei già emesso un mandato di cattura internazionale per gli sceneggiatori. Tutta la storia è incentrata sul viaggio che Sandy quello vero intraprende per trovare Sandy quella finta e portarla in Colorado per risolvere i problemi che gli ha creato. Sebbene il film sia scorrevole, in molte circostanze la prevedibilità e le trovate à la Vacanze di Natale sembrano prevalere.

Una nota di merito va in ogni caso ai due protagonisti, soprattutto a Mellissa McCarthy che interpreta un personaggio che, al di là delle sfumature comiche, è complesso e multisfaccettato, come le tinte per capelli L’Orèal.

Recensione di Io sono tu

Insomma, un film perfetto per il sabato pomeriggio su canale 5.

CHIPS e CHEAP: CHIPS è la coppia di protagonisti che da sola riesce a mantenere il film sopra i livelli di decenza e allontana il rischio di addormentarsi. CHEAP sono le trovate degli sceneggiatori, che io un po’ mi immagino così.

Livello di SHAZAMMABILITÀ: basso. Qualcosa di ascoltabile qua e là si sente, ma nulla di memorabile. Un po’ come il film stesso.

Livello di BONAGGINE DEL CAST: basso. Peccato per la moglie di Sandy Patterson, interpretata da Amanda Peet, che trova pochissimo spazio.

Quanto dura / quanto sarebbe dovuto durare: 111 minuti / 90 minuti sarebbe la durata perfetta se si conta che verrà interrotto dalle pubblicità del sabato pomeriggio di Canale 5.

Mi devo fermare dopo i titoli di coda per vedere la SCENA NASCOSTA o posso andare direttamente a casa? No. Potete andare a casa anche se alla fine dei titoli di coda c’è una traccia audio di due secondi che ripete una battuta già sentita dodici volte durante il film.

GIUDIZIO COMPLESSIVO: due Anne Praderio su cinque.

Anna Praderio Anna Praderio

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci

Comments (11):

  1. Massimiliano Masetti

    20 agosto 2013 at 22:54

    L’ho visto pochi giorni fa. Leggero, quasi vuoto in verità… una buona parte l’ho lasciata scorrere in sottofondo mentre giocavo a Temple Run OZ lo ammetto, ma entrambi i protagonisti li amo, li trovo fantastici. La storia, invece, terribilmente ridicola e inverosimile, quasi fastidiosa.

    Rispondi
    • Signor Ponza

      23 agosto 2013 at 10:27

      Io non sono un grandissimo fan di Bateman, soprattutto perché mi sembra sempre che interpreti lo stesso personaggio, ma riconosco che in questo caso era particolarmente appropriato. La storia, invece, è proprio piatta.

      Rispondi
  2. Daniii

    21 agosto 2013 at 09:58

    A me lei piace un sacco, e ricordo che nel mio cuore sará sempre la Sookie cuoca cicciottella e pasticciona di Gilmore Girls/Una mamma per amica, che poi è un vero pilastro della storia della Tivvú e bla bla bla!

    Rispondi
  3. Daniii

    21 agosto 2013 at 09:59

    PS. Si, sono tornato dalle vacanze. E si, ho giá commesso imperdonabili cazzate in quel di Barcellona.

    Rispondi
      • Daniii

        23 agosto 2013 at 10:51

        Nessun dirty det! Magari!

        in effetti, la prima cosa che ho fatto appena tornato dalle vacanze è stato attraversare la cittá in taxi per andare a fare sesso in 4 (sarebbe stata la prima volta eh, decisamente non sono la reincarnazione di Moana), e appena entrato in casa degli ospiti andarmene per ragioni di conclamata inscopabilitá di almeno un paio dei soggetti… 🙂

        Rispondi
  4. Daniii

    21 agosto 2013 at 10:03

    Ma..sono io biondo o non c’è piú il pulsante per spostarsi al post successivo?? Guarda che cosí mi perdo i post!!! Devo aggiornarmi dopo settimane di assenzaaaaaa!!!

    Sto per freakkare out come Marissa, io te lo dico.

    Rispondi
    • Signor Ponza

      23 agosto 2013 at 10:28

      Ehm, è meglio se inizi a gettare la sdraio in piscina! 😀 Era uno dei lati negativi del nuovo template. Ma mi sto attrezzando per rimediare, promesso.

      Rispondi
      • Daniii

        23 agosto 2013 at 10:52

        La Marissa si è anche contenuta…quella stronza di sua madre si sarebbe meritata che la squartassero e le gettassero le budella in piscina,altro che sdraio…

        Attendo pazientemente le modifiche al template 😛

        Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: