636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza
Recensione di Rush

Rush: la Formula 1 non è stata sempre noiosa

So che state pensando che un film sulla Formula 1 non può che essere noioso, visto che oggi è uno sport che viene consigliato dai medici come miglior rimedio per l’insonnia. (Anche se i ben informati dicono che negli ultimi anni stia cambiando, mentre il titolo di miglior sonnifero sembra se lo stia aggiudicando la Moto GP). Invece la nuova pellicola di Ron Howard è un film che si lascia guardare molto volentieri. Ma prima di approfondire questo giudizio dall’alto contenuto tecnico nella mia recensione di Rush, a voi il trailer e una breve sintesi della trama.

È la storia di un’appassionante rivalità tra due piloti che hanno cominciato a muovere i primi passi (o meglio, i primi chilometri) insieme in Formula 3. Due personalità opposte. James Hunt (Chris Hemsworth), bello bello in modo assurdo, tutto talento e sregolatezza, con una passione per la fika da rendere orgoglioso perfino Guido Barilla. Niki Lauda (Daniel Brühl) è invece meno bello, tutto razionalità, preparazione e determinazione. Un piccolo Signor Ponza, insomma. Lo scontro fra i due si trasferisce ben presto nella Formula 1, dove la loro voglia di affermarsi li porterà ad affrontare i limiti più estremi. Sullo sfondo la difficoltà del gestire una vita sentimentale confrontandosi ogni settimana con la morte.

Il film racconta una storia vera, che a volte è talmente incredibile e piena di colpi di scena che viene il dubbio che siano stati aggiunti elementi in più. Invece lo stesso Niki Lauda ha dichiarato che la trasposizione è stata molto fedele, se non che in realtà lui e Hunt erano rivali sulla pista, ma meno nemici fuori, tant’è che arrivarono pure a condividere un appartamento ai tempi della Formula 3.

A Ron Howard va riconosciuto il merito di aver reso appassionante una storia che parla pur sempre di motori, ossia un argomento scacciafiga livello 12. Anche la scelta del cast si è rivelata decisamente azzeccata, soprattutto per Daniel Brühl che potrebbe anche partecipare a Tale e Quale Show e vincerlo. Così come le due protagoniste femminili, Olivia Wilde e Alexandra Maria Lara, semplicemente perfette nei loro ruoli accanto ai due piloti. Invece vorrei dire basta di chiamare Pierfrancesco Favino a fare ruoli italiani. Basta, basta e basta! Sono piena!

Daniel Bruhl Recensione di Rush Niki Lauda

In conclusione è un classico film di Ron Howard: molto carino, ben girato e piacevole da guardare, ma che mai e poi mai ti verrebbe in mente di rivedere.

CHIPS e CHEAP: CHEAP è Pierfrancesco Favino che sinceramente inizio a non sopportare più. CHIPS il personaggio di Niki Lauda che ho amato e che mi fa essere #TeamLauda.

Livello di SHAZAMMABILITÀ: basso. Il rumore dei motori potrà affascinare qualcuno, di certo non me.

Livello di BONAGGINE DEL CAST: Diciamo alto? O diciamo molto alto?

Quanto dura / quanto sarebbe dovuto durare: 123 minuti / 100 minuti. Anche se a dire il vero non risulta mai veramente noioso.

Mi devo fermare dopo i titoli di coda per vedere la SCENA NASCOSTA o posso andare direttamente a casa? No. Andate a casa, ma guidate piano e non seguite le orme dei protagonisti del film.

GIUDIZIO COMPLESSIVO: quattro Anne Praderio su cinque.

Anna Praderio Anna Praderio Anna Praderio Anna Praderio

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci

Comments (11):

  1. Daniii

    28 settembre 2013 at 13:26

    AMO AMO AMO il Chris. Tra l’altro lui è sposato con Elsa Pataky, che è sempre una spagnola TOP, quindi CHIPS. Il film mi incuriosisce anche per sapere di più sul famoso incidente di Lauda, che tra l’altro ha spesso dichiarato di aver schiacciato molto di più in versione ustionata, che non prima! Per sua fortuna era etero, se no non so dire se sarebbe successo lo stesso…

    Rispondi
    • Signor Ponza

      28 settembre 2013 at 17:16

      Oddio ma mi sta crollando un mondo. Spero intendesse con la moglie, perché da quel che fa vedere il film, quando fu vittima dell’incidente, era già sposato!

      Rispondi
      • Daniii

        28 settembre 2013 at 17:40

        mah..io l’ho sempre inteso con donne a caso in quantità! Mi informerò! 😛

        Rispondi
        • Signor Ponza

          28 settembre 2013 at 18:21

          In tal caso sarebbe una gran bella differenza rispetto al film

          Rispondi
  2. MikiMoz

    29 settembre 2013 at 08:21

    Sei il secondo che parla bene di questo Rush.
    Ma temo che non mi attiri ugualmente…

    Moz-

    Rispondi
  3. Roberto ®

    11 ottobre 2013 at 21:27

    Promosso pure da me. E non seguo nemmeno la formula 1. Diversamente da te, però, io il personaggio di Niki lauda, che conoscevo solo di fama, l’ho odiato! Antipatico come pochi. Non mi piacciono nemmeno i superfighi come Hunt, ma tra i due, decisamente meglio questi ultimi!!

    Rispondi
    • Signor Ponza

      12 ottobre 2013 at 16:58

      Io purtroppo vedo troppe similitudini tra me e Lauda, per quello non posso odiarlo! 😀

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: