636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza
The Martian

Quanto ci costa salvare Matt Damon (The Martian – Sopravvisuto)

La cosa più interessante di The Martian – Sopravvissuto è la riflessione che ha scatenato questo film su internet attorno alla domanda: quanti soldi ha speso il Governo degli Stati Uniti in tutti questi anni per salvare Matt Damon? Pensate che c’è stato qualcuno che si è messo, calcolatrice alla mano, a fare davvero i conti arrivando a un totale di 900 miliardi di dollari. Questo totale mette assieme le missioni raccontate non solo in The Martian, ma anche in Courage under FireSaving Private RyanTitan AESyrianaGreen ZoneElysiumInterstellar.

Insomma, nella maggior parte dei casi Matt Damon è un peso per il contribuente a stelle e strisce, mentre in altri è un peso per lo spettatore (indipendentemente dalla nazionalità). In questo caso rischia di essere entrambi.

Trama: durante una missione su Marte, lo scatenarsi improvviso di una tempesta costringe gli astronauti a lasciare improvvisamente il pianeta. Nelle fasi concitate che precedono l’abbandono della base su Marte, Mark Watney (Matt Damon) viene abbandonato dai suoi compagni poiché creduto morto. Mark si ritroverà quindi da solo su un pianeta non proprio amichevole con pochi mezzi a disposizione e soprattutto pochi giorni di aspettativa di vita.

Partiamo dai dati di fatto che, fin dalla sua ideazione, non rendevano possibile che la pellicola risultasse una schifezza: oltre a Matt Damon il cast comprende nomi di primissimo (o semplicemente primo) come Jessica Chastain, Kristen Wiig, Jeff Daniels, Michael Pena, Kate Mara, Sean Bean e Sebastian Stan, mentre il regista è Ridley Scott.

The Martian ha tutte le caratteristiche del film di fantascienza fatto come si deve (=con un budget adeguato), quindi la sufficienza l’avrebbe strappata in ogni caso. Pubblico e critica lo stanno apprezzando molto, ma il mio cuoricino freddo non è stato scaldato fino in fondo. I 130 minuti di durata non scorrono proprio facilmente e la trama non presenta grandissimi sconvolgimenti inattesi, ma alcune di queste pecche sono compensate dalla bravura del cast e dalla colonna sonora divertente. Solo alcune, però.

Cose che si apprendono leggendo Wikipedia:

  • Il film è tratto dal libro L’uomo di Marte di Andy Weir;
  • La NASA è stata coinvolta nella consulenza scientifica del progetto;
  • Nonostante questo, ci sono alcune inesattezze che derivano da scoperte scientifiche successive alla pubblicazione del libro. La più importante è quella per cui la tempesta iniziale non avrebbe mai potuto scatenarsi con una forza tale da creare danni.

Bonus Track: quei geniacci di Bricocenter.

In definitiva si tratta di un film che dovete andare a vedere se siete appassionati di spazio e fantascienza (o di Matt Damon o di Ridley Scott), ma che potete evitare in tutti gli altri casi. 3 Anne Praderio su 5.

3 Anne Praderio

E voi l’avete visto? Vi è piaciuto? In fondo al post la scheda molto tecnica di valutazione del film dove avete anche voi la possibilità di dare un voto (solo complessivo, non è colpa mia). Dateci dentro.

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci

Comments (6):

  1. Daniii

    15 ottobre 2015 at 20:47

    Io pero’ un po’ a Matt Damon il mio corpicino l’offrirei ancora eh… <3

    Rispondi
      • Daniii

        16 ottobre 2015 at 11:06

        Eh dai nei film lo riescono ancora ad aggiusta’ benino! E poi lui mia cotta adolescenziale in The Talented Mr Ripley 😛
        Immagino che nella vita di tutti i giorni sembri un bancario di mezza eta’, quindi capisco che anche no.

        Rispondi
        • Signor Ponza

          17 ottobre 2015 at 11:25

          Vabbè ma io esagero, motivo per il quale rimarrò solo a vita.

          Rispondi
          • Daniii

            19 ottobre 2015 at 01:15

            Saremo soli insieme Ponzie <3
            io e te come Goldie Hanw e Meryl Streep a sfracellarci sulle scalinate della chiesa <3

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: