Ricorrenze

Circa un anno fa, il 22 luglio, prendevo il famoso pezzo di carta. E no, non ero in bagno e non stavo espletando i miei bisogni fisiologici. Mi trovavo davanti a sette professori seduti di fronte a me disposti a semicerchio che, indossando una toga nera dal colletto fucsia, dovevano giudicarmi e decidere con quanti punti sarei uscito per l’ultima volta da quell’università. Che poi in realtà non è che uscivo definitivamente, perché uscendo dalla porta sono rientrato subito dopo dalla finestra, visto che mi ci sono fermato a lavorare.

Il giorno precedente avevo anche ricevuto la telefonata del mio relatore che mi informava che non sarebbe stato presente durante la discussione e che non avrei dovuto preoccuparmi per la sua assenza, anzi era meglio per me così (???). Io in realtà mi preoccupavo eccome e in sottofondo, durante la telefonata, sentivo il rumore delle onde del mare e dei suoi figli che giocavano in spiaggia.

Esattamente un anno dopo ricevo la stessa telefonata dallo stesso professore, colui che nel frattempo è diventato il mio capo. Stesse motivazioni, non ci potrà essere alla discussione, stessi rumori di fondo da località balneare, questa volta però mi tocca sostituirlo in commissione. Ed è quindi l’occasione per scoprire tutti i segreti che avvengono nel dietro le quinte e che in realtà non ci sono. E’ tutto assolutamente lineare e molto noioso.

Ieri ricorrevano anche i due mesi da quando sono stato operato. Mi sono ormai quasi del tutto richiuso (parlando della ferita) e riaperto al mondo (parlando di ciò che posso fare). Estate, arrivo.

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: