S03E01 – Dramma, vostro onore

ATTENZIONE la recensione dell’ultimo episodio di “The Good Wife”, il 15esimo della 5 stagione (andato in onda domenica scorsa) contiene SPOILERS che se non avete visto l’ultimo episodio non vorreste assolutamente leggere.

Negli ultimi mesi ho già parlato di quanto sia strepitosa la quinta stagione di “The Good Wife“. Domenica scorsa, con l’episodio “Dramatics, Your Honor“, gli autori della serie (Michelle e Robert King) si sono superati regalando al loro pubblico uno degli episodi più belli degli ultimi anni televisivi. Potrei sembrare esagerato, forse lo sono, ma poche volte un telefilm riesce ad entusiasmarmi così tanto.

L’episodio inizia un po’ come sempre, viene ripreso un vecchio caso – uno dei più interessanti della serie – e assolutamente nulla può farci immaginare cosa succederà alla fine dell’episodio. Internet era pieno di commenti di persone shockate dall’episodio e quindi sapevo che avrei dovuto aspettarmi di tutto. Non avrei mai immaginato però che sarebbe morto uno dei principali protagonisti della serie, Will Gardner (interpretato da Josh Charles). La morte di Will, a causa di una sparatoria in un’aula di tribunale, non è di quelle tranquille ma di quelle totalmente inaspettate e che immobilizzano lo spettatore davanti allo schermo che non riuscirà a trattenere le lacrime, causate dallo shock più che dalla tristezza dell’accaduto.

La scelta di far morire uno dei personaggi principali di una serie crea sempre molta rabbia nello spettatore ma gli autori della serie hanno spiegato, in una lettera pubblicata sulla pagina ufficiale della serie (che trovate più giù), che purtroppo è stato Josh Charles a volere abbandonare il telefilm. Agli occhi dei fan Will e Alicia erano la coppia che prima o poi avrebbe avuto un lieto fine, è soprattutto questo a creare rabbia. La piccola consolazione, se ne possiamo trovare una, è che i due – dopo il rapporto burrascoso che hanno avuto durante l’intera quinta stagione – son riusciti ad avere finalmente un incontro positivo.

Non è solo l’evento shockante a rendere quest’episodio un grande momento televisivo ma è la capacità recitativa eccellente di tutti i protagonisti. Christine Baranski e Archie Panjabi (Diane e Kalinda, amiche e partner lavorative di Will), ci regalano l’ennesima sublime performance e Julianna Margulies (Alicia Florrick) non perde l’occasione di dimostrare come sia una delle migliori attrici televisive degli ultimi anni.

Nel finale, la parte che ho preferito dell’episodio, vediamo Kalinda e Diane che, a conoscenza della morte di Will, mettono da parte i rancori nei confronti di Alicia e provano a contattarla per darle la notizia sapendo che sarà proprio la vita di Alicia quella ad essere colpita maggiormente. L’episodio si conclude con Alicia che risponde al telefono senza sapere che la sua vita cambierà dopo quella telefonata.

The Good Wife in questi cinque anni non ha mai smesso di stupirmi e dopo un avvenimento del genere non vedo l’ora di vedere come cambieranno completamente le cose e le vite dei personaggi, tutte legate al personaggio di Will in qualche modo.

Non sono troppi i fan di The Good Wife in Italia e da appassionato di telefilm che scrive per appassionati di telefilm non posso far altro che costringervi a chiudervi in casa per recuperare tutte le 4 stagioni e mezzo di questo spettacolare telefilm.

Qui un trailer di quello che accadrà nel resto della quinta stagione:

VOTO

(5 tv su 5)

La settimana scorsa è uscito il film di Veronica Mars, 7 anni dopo la fine della serie. Ora si parla di un probabile film di Una Mamma Per Amica (Gilmore Girls) e a parlarne è proprio Lauren Graham (Lorelai), attualmente sugli schermi televisivi con Parenthood. L’attrice, ad un evento per promuovere il suo libro, alla domanda su un probabile film della serie ha risposto

Certo, SE si penserà ad un film bello così come lo immaginiamo sarei onorata di interpretare Lorelai di nuovo.

Lauren ha anche parlato di altre cose tra cui Alexis Bledel (Rory):

L’amo e avremo sempre un rapporto speciale. L’ho vista a New York non troppo tempo fa e sono andata a pranzo anche con Amy Sherman-Palladino (creatice di Gilmore Girls)

Cosa le manca di più di Gilmore Girls:

Mi mancano le sceneggiature, anche se quei dialoghi erano una vera e propria sfida

Le famose quattro parole che Amy Sherman avrebbe fatto pronunciare alla fine di Gilmore Girls se avesse scritto lei il finale:

Se le sapessi te le direi! La prossima volta che la vedo glielo chiederò

Se usa nella realtà “Oy with the poodles already” (Oi già con i barboncini):

Probabilmente non abbastanza ma ho aggiunto “Huzza!” al mio repertorio.

Grey’s Anatomy è pronto a dare l’addio a due recenti aggiunte dello show. Tessa Ferrer e Gaius Charles non torneranno ad interpretare rispettivamente i ruoli di Leah Murphy e Shane Ross, due dei nuovi tirocinanti dell’ospedale. Sicuramente non ne sentiremo la mancanza.

La quarta stagione di American Horror Story sarà intitolata Freakshow e parlerà di un parco divertimenti in Florida. Jessica Lange, che dopo questa stagione dirà addio alla serie cult di Ryan Murphy, interpreterà una donna di origini tedesche a capo di uno degli ultimi parchi divertimento d’America. A tornare, oltre la Lange, saranno sicuramente anche Kathy Bates, Sarah Paulson, Evan Peters, Angela Bassett e Frances Conroy. Sono invece in trattative Emma Roberts e Denis O’Hare.

La ABC ha annunciato le date di ritorno di due delle serie estive più amate dal pubblico americano, Mistresses e Rookie Blue. La serie con Alyssa Milano tornerà in onda dal 2 Giugno mentre la serie poliziesca con Missy Peregrym tornerà il 17 Luglio.

Mena Suvari (American Pie) sarà la protagonista del pilota di Hysteria, nuova serie di Amazon, creata Shaun Cassidy (“Invasion“). La serie parla della Dr. Logan Harlow, una brillante, complicata e affascinante ma sfigata psichiatra dell’Università della Scuola Medica del Texas che torna nella sua città natale per investigare su una misteriosa epidemia sviluppatasi tra liceali che potrebbe espandersi attraverso la tecnologia.

Maggie Q dopo la fine di “Nikita“, in cui interpretava il ruolo della protagonista, ha già trovato lavoro come protagonista del nuovo pilot di Kevin Williamson (“The Following“; “The Vampire Diaries“; “Dawson’s Creek“) per la CBS. Maggie Q sarà protagonista insieme a Dylan McDermott (“Hostages; “American Horror Story“). Scritta da Kevin Williamson e diretta da Liz Friedlander la serie sarà un thriller psicologico che ruoterà attorno a due detective, Beth (Maggie Q) e Jack (Dylan McDermott), che si occupano di casi di stalking per la polizia di Los Angeles. Beth è un detective ossessivo e ostinato a capo del dipartimento di Minacce della LAPD e sarà anche voce narrante di ogni episodio.

Hit della settimana è, nonostante il calo, il nuovo “Resurrection” della ABC che con il terzo episodio ha totalizzato 2.5 di ratings e 9.220.000 spettatori. Ascolti ottimi per il network Disney ma in calo rispetto ai numeri eccellenti del primo episodio. Sempre tra le hit della settimana c’è la nuova serie della CW, “The 100“, che ha totalizzato 2.7000 spettatori e 0.9 punti di ratings, superando anche l’ottimo risultato della premiere autunnale di “The Tomorrow People“.
Tra i flop va sicuramente il nuovo “Those Who Kill” con Chloe Sevigny. Il primo episodio della serie ha totalizzato solo 1.400.000 spettatori, la metà degli ascolti che “Bates Motel“, il telefilm in onda prima, ottiene. La serie infatti è stata sospesa dal network satellitare A&E ma continuerà ad andare in onda su Lifetime questa domenica.

Lunedì 31 inizierà sulla CBS “Friends With Better Lives“.
James Van Der Beek è il protagonista di questa comedy su un gruppo di amici trentenni: una coppia è sposata con tre figli ma scopre che la loro passione amorosa si sta spegnendo; un’altra coppia si è appena fidanzata; l’altra sta per divorziare. Ma c’è anche una ragazza single che non vuole assolutamente “accasarsi”.

Qui un backstage della serie:

Una vecchia conoscenza degli amanti dei telefilm ha fatto il suo ritorno sugli schermi televisivi questa settimana. Sto parlando di Michael Vartan (Vaugh in “Alias“) che ha iniziato un ruolo ricorrente in Bates Motel. L’avevate riconosciuto?

Ecco la lettera che i creatori di The Good Wife, Michelle e Robert King, hanno scritto ai fan dopo l’uscita di scena di uno dei principali protagonisti dai telefilm:

[quote style=”boxed”]Cari fedeli fan di “The Good Wife”. Noi, insieme a voi, stiamo piangendo la perdita di Will Gardner. E seppur Will sia morto il nostro caro Josh Charles è vivo e rimane parte integrante della nostra famiglia. The Good Wife è Alicia Florrick. Per noi c’è sempre stata una tragedia al centro della relazione tra Will e Alicia: la tragedia di un pessimo tempismo. Quando Josh ci ha presentato la sua decisione di lasciare la serie, presa più di un anno fa, siamo stati costretti a fare una scelta enorme. Certo, avremmo potuto mandarlo fuori Seattle, avremmo potuto farlo radiare dall’albo, o farlo sposare ma c’era qualcosa nella passione che Will e Alicia hanno condiviso che avrebbe reso impossibile la distanza. La brutale onestà e realtà della morte è al passo con la verità e la tragedia del pessimo tempismo per i due personaggi. La morte di Will spinge Alicia in una nuova incarnazione. La morte crea anche un nuovo fulcro drammatico per la serie. Siamo sempre alla ricerca di punti di svolta – eventi in mezzo alla stagione che porteranno la vita dei personaggi in nuove direzioni. Questi punti di svolta permettono alla serie di non essere banale e mantengono i personaggi “freschi”: perché potete vedere come reagiranno a nuovi stimoli. La morte di Will è una svolta per tutto il telefilm, portando tutti violentemente in nuove direzioni. Infine, abbiamo scelto la morte per salutare il personaggio di Will anche per ragioni personali. Abbiamo tutti subito la morte improvvisa di una persona cara nelle nostre vite. È terrificante come una giornata perfettamente normale e soleggiata può trasformarsi in una tragedia. La televisione, secondo noi, non affronta questo tema abbastanza: l’irredemibilità della morte. L’ultima volta con una persona amata rimarrà per sempre l’ultima volta. The Good Wife è una serie sul comportamento umano, sull’emozioni e la morte, triste e ingiusta come può essere, è parte dell’esperienza umana che condividiamo. Grazie per averci ascoltato, visto ed ispirati a raggiungere il livello della vostra passione e intelligenza. Ci sono altri sette bellissimi episodi e Josh ne dirigerà uno. Crediamo che vi piaceranno. Non ci saranno solo lacrime, ma anche commedia. Michael J. Fox tornerà per quattro episodi. Torneranno anche Dylan Backer, Dallas Roberts e Stockard Channing insieme ad altri splendidi attori. Julianna, ovviamente, farà uno dei suoi lavori più eccellenti. Così come anche Archie, Christine, Alan, Chris e Matt. La vita va avanti. Per noi il dramma non è nell’evento, è nella conseguenza dell’evento. Grazie per la vostra devozione allo show – ve ne siamo sempre grati. Con tutti i nostri ringraziamenti, Robert e Michelle King.[/quote]

Siete anche voi esaurite e psicopatiche ma volete celare il vostro stato d’animo con degli abiti vintage adorabili? Seguite i consigli di stile che Norma Bates dà negli episodi della seconda stagione di Bates Motel. Ecco degli esempi: [1] [2]

Tori Spelling e Jennie Garth, entrambe protagoniste della serie cult “Beverly Hills 90210“, saranno di nuovo insieme sullo schermo in “Mistery Girls“, nuova serie dell’ABC Family in onda dal 25 giugno. Ecco il trailer:

Noi non vediamo l’ora, e voi?

Screencap tratta dall’episodio di “2 Broke Girls” andato in onda Lunedì 24 Marzo sulla CBS.

Per questo venerdì è tutto. Buona settimana telefilmica e ricordate: “who needs a life when you have television”.

Fabrizio.

[Seriesly? vi da appuntamento tra 14 giorni!]

Seriesly[Segui Seriesly? su Twitter o Facebook per rimanere aggiornato su tutte le novità]
[Segui Halliwellicious su Twitter]

Commenti via Facebook

Fabrizio Busillo

Fabrizio. 25 anni. Laureando in Scienze Della Comunicazione. Amo tutto ciò che è arte e un po' meno le persone. Troppo spesso ad una serata fuori casa preferisco il divano, un bicchiere di Pinot Grigio e un buon telefilm. Il mio motto è "Who needs a life when you have television?"
Annunci
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: