636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza

Scene che non avrei mai voluto vedere

La settimana scorsa è stata una settimana piuttosto intensa, lavorativamente parlando. E sul lavoro, una settimana piuttosto intensa significa solitamente anche una settimana abbastanza inconcludente.

Lunedì e martedì ero a Como, con tutto il gruppo del centro di ricerca per il quale lavoro. Si fanno quelle simpatiche attività di “team building”, per fare gruppo e trascorrere allegramente del tempo con i colleghi. Tra conferenze, lavori di gruppo, cene e cacce al tesoro. Il tutto culmina con la “serata danzante“, ovvero quando ci si trasferisce tutti quanti all’interno di una sala con alcol a volontà e musica di dubbio gusto e si inizia a ballare. E in pochi secondi è possibile vedere stimati professionisti trasformarsi in orango-tango che puntano dritto alle colleghe più giovani.

Martedì sera invece mi sono trasferito a Napoli, dove mi sono fermato fino a mercoledì. Non è mia intenzione aprire una parentesi che poi si rischia di non chiudere. Rimango però sconcertato da come una città potenzialmente bellissima possa buttarsi via in questo modo, soprattutto crogiolandosi nella mancanza assoluta e nel non rispetto delle regole più basilari. Possiamo dare la colpa a tutti quanti, ma un po’ di colpa ce l’hanno anche i napoletani stessi se la loro città è ridotta in questo modo.

Napoli

Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
Annunci

Comments (10):

  1. Falcon82

    12 luglio 2011 at 10:22

    Assolutamente d’accordo

    Rispondi
    • Signor Ponza

      12 luglio 2011 at 17:07

      Credo che la mia parte preferita della vita è quando qualcuno mi dà ragione 😀

      Rispondi
  2. Barbara

    12 luglio 2011 at 14:15

    non ho mai visto Napoli ma girando purtruppo tanti posti bellissimi sono ”sporcati” malamente purtroppo

    Rispondi
    • Signor Ponza

      12 luglio 2011 at 17:05

      Questo è vero. Ma una così scarsa considerazione del concetto di “regole” e basso rispetto per le cose di tutti l’ho riscontrata in davvero pochi posti.

      Rispondi
  3. laSte

    14 luglio 2011 at 00:36

    AH, le feste danzanti aziendali. Dove puoi osare burle goliardiche quali rovesciare un mojito ghiacciato nelle braghe del tuo capo, e ricattare la centralinista minacciando di pubblicare sul faccialibro le foto di lei mentre slinguazza quello del marketing (sposato).

    Rispondi
    • Signor Ponza

      14 luglio 2011 at 12:41

      Hai ragione. Il prossimo anno devo munirmi di supporti multimediali. Adoro la fine arma del ricatto.

      Rispondi
  4. Chit

    15 luglio 2011 at 14:39

    Solo “un po’ ” di colpa va ai napoletani dici?? …. :-/

    Rispondi
    • Signor Ponza

      15 luglio 2011 at 19:08

      In questo post ho voluto dare sfoggio di moderazione.

      Rispondi
      • Cima

        8 agosto 2011 at 18:41

        Cazzo, Signor Ponza, sono trent’anni che la Lega lo urla ai quattro venti e lo scopri solo oggi? Tzè, tzè, gioventù bruciata…

        Rispondi
        • Signor Ponza

          10 agosto 2011 at 09:21

          Io sono così avanti che sono trent’anni indietro. 😀

          Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: