Le serie tv degli anni novanta pro Famiglie Arcobaleno

Qualche settimana fa avevamo raccontato delle serie TV degli anni novanta a sostegno della famiglia tradizionale. Siccome ora i tempi sono maturi (roll-eye), possiamo parlare di tutti i telefilm che invece si facevano paladine della bellezza delle famiglie cosiddette atipiche. Pronti con le bandiere arcobaleno? 

Dharma e Greg

dharmae greg

Uno dei miei telefilm prefe di sempre, racconta di una coppia agli antipodi. Lei molto fricchettona, lui un tipo inquadrato. Si sposano in brevissimo tempo e iniziano a vivere insieme, sempre sostenuti dalle rispettive famiglie che sono – anch’esse – ai due poli opposti. Questo telefilm strizza l’occhio all’amore impulsivo, alla fornicazione hippy e alla ridicolizzazione dei sani principi di stampo repubblicano, sostenuti dalla famiglia di Greg. Secondo me questa serie era talmente “contro” che Formigoni, ogni volta che passava su Italia 1 e lo vedeva, si stringeva il cilicio di un paio di buchi.

Ally Mc Beal

The Cast of Ally McBeal 2

Vabbè, ciao. Il telefilm totale. Ally, giovane e ambizioso avvocato, cerca l’amore ma non disdegna storie da una notte e via (la scena dell’autolavaggio ce la ricordiamo tutti, giusto?). Giovane, emancipata, disinibita e circondata da colleghi con feticismi di varia natura (quello a cui piaceva toccare il collo a donne mature e quello che si eccitava ascoltando Barry White). Insomma, tutto il cast potrebbe essere condannato dai puritani a passare secoli nel girone dei sodomiti.

Will & GraceWill-Grace

Altro che unioni civili, qui siamo ben oltre. Attenzione, proverò a spiegare la situazione in modo chiaro, così che anche Salvini (che ci legge sempre, volpino furbino!) potrà capire: Will è gay, vive insieme a Grace (che è eterosessuale). I due quindi sono solo amici ma VIVONO INSIEME (attenzione che inizio a vedere del fumo dalla testa di Salvini, mi sta andando già in crash). Poi c’è Karen, che è una dal gomito facile che fa pancia a pancia con Jack, anch’egli gay.

I due gay però sono SOLO AMICI, nessuno dei due VUOLE FARE IL GIOCO DEL TRENINO e soprattutto SEMBRANO ESSERE PERSONE NORMALI. Un telefilm stupendo, perfetto mix di ironia e sarcasmo. Fermi tutti che vado a prendere i sali che mi è svenuto Salvini.

Friends

friends2

Con Friends tocchiamo proprio l’apice delle cosiddette famiglie non tradizionali: coppie che scoppiano e poi si riformano, uteri in affitto, liti, scontri e confronti che farebbero inorridire gli angeli del focolare, che piuttosto che alzare la voce nascondono sotto il tappeto le magagne familiari. Non ultimo, Friends ci ha anche aperto gli occhi su quanto possa essere vera la frase “Friends is the family you choose”. Miao.

Commenti via Facebook

Wannabefre

Credo nell'ironia e nel sarcasmo come armi per conquistare il mondo.

Sognavo di fare il prete, ma poi ho finito per studiare economia. Se però mi chiedete cosa sia il cuneo fiscale io vi rispondo che cuneo lo potete dire a vostra sorella, razza di maleducati.

Vivo di pasta, sushi e Nutella sui biscotti di pastafrolla, pertanto credo che le persone che non mangiano siano meschine e abiette.

Sono una figa, perché oltre ad avere gli occhi verdi e una faccia che si abbina ai centrotavola fatti all'uncinetto, so anche la tabellina del cinque a memoria. Il mio sogno di vita è essere pagata per trasformare ossigeno in anidride carbonica.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: