Pochino Express – Sesta puntata

Pochino Express

Quella che segue è la cronaca di Pechino Express vista dagli occhi di due concorrenti in gara, Fabry e Signor Ponza (aka I BLOGGER) che, per motivi poco chiari sono stati oscurati dalla produzione.

Le parole del blogger Fabry sono evidenziate in BLU, mentre le parole del blogger Signor Ponza sono evidenziate in BORDEAUX.

—————————–

Sono settimane che siamo in viaggio e comincio a cedere. Mi manca il mio shampoo, la mia doccia e soprattutto Grindr. Lo faccio solo per le telecamere sperando che dopo questa avventura qualcuno mi noti e mi chiami per un lavoro ben retribuito e poco faticoso, tipo al Grande Fratello. La Cambogia comunque non mi piace: tutto odora di cane bagnato e Signor Ponza non fa altro che citare Boris pretendendo che io rida, dimenticandosi che io rido solo delle disgrazie altrui. Spero che in questa puntata muoia qualcuno perché dopo la partenza di Alessio Sakara e la sconfitta di Corinne non è la stessa cosa. 

Questa è la puntata in cui perdo le staffe. Gli autori, con evidenti problemi psichici, ci costringono come prima prova ad ingoiare dei ragni. Forse non hanno capito che io sono lo stesso che quando c’è una cimice in casa, chiude a chiave la porta della camera e va in cerca di qualche vicino che possa rimuovere l’orribile insetto. Sono lo stesso che l’altro giorno è tornato a casa dopo nemmeno 500 metri di corsa perché sul percorso ho trovato ben due grilli. Capirete bene perché la nostra squadra, formata tra gli altri dalla Marchesa e le modelle, ha perso la prova. E mentre la modella vomita per aver ingoiato il ragno, io vomito per essermi semplicemente trovato a meno di 10 metri di distanza.

Marchesa - Sesta puntata di Pochino Express

Cominciamo la puntata con una gara e veniamo smistati in squadra con la Marchesa, le modelle e gli sportivi. Scopo della gara? MANGIARE UNA TARANTOLA FRITTA. Ma ve la dico la scenata che ho fatto? Ho telefonato subito a Karina Cascella chiedendole consiglio visto che a La Talpa ha ingoiato ogni genere di insetto. “Fatela mangiare al ciccione spagnolo!” urlavo mentre Signor Ponza cercando di farmi ragionare mi raccontava di come la Cascella dopo aver masticato gli occhi di bue abbia trovato l’amore, e io che sono una romantica ho ceduto. Ho chiuso gli occhi e ho stretto le chiappe e ciao, otto zampe giù per il mio esofago. Ora chiedetevi perché in questa stagione Signor Ponza mi ha triplicato le rubriche, chiedetevelo. Il nostro incontro con i ragni almeno ci risparmiano l’autostop e arriviamo in un’amena località cambogiana accompagnati dai pettorali di Marco Maddaloni. Non so se sia il caldo ma sono tutto bagnato. Giungiamo alla meta dove ci aspettano barattoli sulle cui etichette sono rappresentati degli insetti. Ponza parlane tu che sono ancora scosso dai ragni. 

La tappa non è partita sotto i migliori auspici, anche perché quel ciccione dei Laureati ormai ci ha preso gusto e continua a mangiare insetti lungo la strada, spiegando così l’origine della sua esile figura.

Questo non fa altro che provocare in me conati continui che la scena madre dei Griffin in confronto è una simpatica barzelletta. Il mio malessere ha però un grande pregio: io e Fabry trascorriamo la notte in ospedale su dei veri e propri letti.

Dopo una giornata passata a ricordare a Signor P. che nel mio apparato digerente sostavano gambe pelose di tarantole, gli ho commissionato la ricerca dell’alloggio per la notte. Ma no, lui vuole fare le scenate, vuole attirare l’attenzione, vuole fare la prima donna e sbocca l’inverosimile. Forse avrei dovuto piantarla di ricordargli che la nostra dieta era costituita al 70% da aracnidi. Niente di meno che mi tocca pure fare Candy Candy in ospedale, ma in realtà lo faccio con piacere perché a Signor Ponza voglio bene, e non perdo mai occasione per fare il cosplay di Grey’s Anatomy. Sempre e comunque tra mille bestemmie, che sono il motivo per il quale la produzione ci ha oscurati, ma seppure con un po’ di scurrilità, pazzeschi.

Marchesa - Sesta puntata di Pochino Express

Nel frattempo i nostri colleghi in gara ci informano che, dopo l’eliminazione di Corrine Sclery e della zavorra che si portava appresso, lo scettro di più antipatici della compagnia è passato inevitabilmente alla coppia dei Figli Di. Per fortuna che il governo italiano non ha ancora legiferato sul figlidicidio e la loro morte resta molto probabile.

Sesta puntata di Pochino Express - Corinne Sclery

Ripartiamo il giorno seguente alla volta di un’altra città dal nome impronunciabile. A quanto pare dobbiamo raggiungere il mercato, ma Fabry insiste nel non volermi dire perché ci stiamo andando. 

Ma perché abbiamo dovuto raccattare un contenitore per le urine con gli adesivi delle cimici? Lo scopriamo proseguendo nella gara aiutati da un pullman di trans cambogiane che ci accompagna a Kampong Chan, che è l’unica parola che ho imparato in Cambogia dopo ‘achitemmuort. Il mercato di questa ridente città ci accoglie a braccia aperte, consapevole di rappresentare per noi una grande sfida. Siamo chiamati infatti a riempire i nostri contenitori di teneri insetti, e grazie al cielo che Signor Ponza ha scelto il barattolo delle cimici. Ma dov’è Signor Ponza? Mi giro per cercarlo ma non lo trovo quando vedo una folla attorno ad un corpo esanime, capisco quindi che la sua paura per gli insetti ha avuto nuovamente la meglio. Faccio un gran respiro e penso a Simona Ventura, cosa farebbe lei al mio posto? Lei non si arrederebbe e lascerebbe Signor Ponza rinvenire in tranquillità cercando le cimici fritte con cui riempire il mio barattolo. Mentre faccio shopping equo solidale ho anche il tempo per cercare le edizioni cambogiane degli album di Britney Spears con cui arricchire la mia collezione. Ponza nel mentre è tornato nel mondo dei vivi, bianco come i miei piumoni nelle notti di passione, lo abbraccio e gli tocco il pacco per verificare che stia bene. E infatti si scansa all’istante, significa che tutto è tornato alla normalità. 

Mi riprendo dallo choc, ma riconosco di essere stato per Fabry una zavorra che nemmeno la Marchesa per il povero Gregory e, per questo motivo, perdiamo la possibilità di qualificarci per la prova immunità. I candidati sono I Laureati (che sono arrivati primi, che è un po’ come dire che il Sassuolo è in testa alla Serie A) e i Ciavarri. Noi NERI perché la prova consiste nel cucinare l’amatriciana e la carbonara e, soprattutto, nel mangiarle successivamente. Le istruzioni vengono date in video da Caterina Balivo, ma non capiamo perché non compaia anche Valerio. È già pronto un nostro esposto alla Commissione di Vigilanza Rai.

La puntata prosegue con la coppia dei laureati e dei Ciavarri intenti a preparare pasta alla carbonara e pasta alla amatriciana, ma who cares che io e Ponza stiamo mettendo i rimanenti ragni nello zaino dei figli della Cinquetti? Porelli, oltre ai ragni hanno pure Angelina, una tenera maialina rosa da portarsi appresso. Nessuna pietà per loro.

Vince il #TeamAmatrciana, anche se io sono totally #TeamCarbonara. L’handicap è invece portarsi dietro un maiale (e non è il laureato). Anzi, sono proprio i laureati, ossia i vincitori, a scegliere di affidarlo ai Figli Di.

Sesta puntata di Pochino Express - Figli di

Passano le ore e io non ho capito come siamo finiti a dipingere bandiere cambogiane, ma tant’è. Sono sicuro che la produzione monterà un RVM strappalacrime sul senso della vita condito dai pensieri profondi di Ciavarro, mentre ignorerà completamente me che urlo “IT’S RAINING MEN” sotto la pioggia tropicale. Questa è la RAI, signori. 

Per fortuna stasera si fa festa in questo villaggio. Mi hanno detto che si balla, quindi posso finalmente sfoggiare i vestiti che metto quando vado a ballare a Milano. Non so perché, ma appena esco per raggiungere la festa la polizia locale mi arresta. Mi fanno un sacco di storie, ma per fortuna la produzione nella persona della produzione li convince a rilasciarmi. Arriviamo che la Marchesa è già assoluta protagonista della dancefloor che nemmeno la Stryxia.

La Marchesa balla - Sesta puntata di Pochino Express

Mentre gli altri si passano ‘sto maiale proseguiamo la nostra avventura verso il traguardo convintissimi di essere arrivati primi e di poter disputare la prova leader, e invece. Siamo arrivati alla fine anche di questa giornata che segna il passaggio del nostro viaggio in Laos. Laos, che scopro dopo un mese essere la Thailandia grazie al Signor Ponza sempre sul pezzo in quanto bocconiano, proprio come Sara Tommasi. 
 
La tappa volge al termine con l’amarezza di non essere riusciti ad eliminare le Figlie della Cinquetti nemmeno oggi. Ci vediamo in Laos!
Marchesa orrore di tutti gli orrori - Sesta puntata di Pochino Express
Commenti via Facebook
Signor Ponza
Seguimi

Signor Ponza

Founder & Editor at Signor Ponza Blog
Sono bravo in molte cose, tra queste non c'è "scrivere bio".
Signor Ponza
Seguimi
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: