636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza

Sextastic s02e11 – Il tradimento

Ben ritrovati in questo freschissimo appuntamento con Sextastic. Il numero 11 per l’esattezza.  E siccome il numero 11 mi ricorda un bel paio di corna non posso che parlarne e affrontare questo nuovo spinoso argomento. Soprattutto dopo essere stato a Milano il weekend scorso. Ed aver completato la RdPizzazione delle Twitter star meneghine. Ma voglio entrare subito nel vivo della questione. Innanzitutto io sono un tradito. Tradito recidivo perché non mi bastava una volta. No. C’è stata anche la seconda. E volendo ne avrei anche una terza. Ma non posso buttarmi giù così. Insomma due sono quelle ufficiali.

Andiamo per ordine: il mio primissimo ragazzo non è stato molto lucido, né una persona molto equilibrata. Insomma, dopo 5 minuti che ci conoscevano mi ha messo un bracciale al polso d’oro bianco, “Così domani me lo vieni a riportare a casa”. Dolce.  Scambiati i numeri come da rito, ci siamo congedati con un bacio. Cinque minuti dopo mi arrivava una ricarica da 100€ sul telefono. Perché io valgo. E già lì avrei dovuto capire tutto, già lì mi sarebbe dovuto venire il dubbio che gli mancasse qualche venerdì. E che forse avrei dovuto fuggire a gambe levate. Ma ero giovane e voglioso di APRIRMI a un rapporto totalmente nuovo.

E così ho fatto, frequentavo il quinto anno delle superiori (in realtà il sesto, ho stata bocciata) e ci vedevamo quasi tutte le sere a casa sua, guardavamo film, facevamo le aste in televisione (tappeti, quadri, cose inutili e di ogni genere!), fino a che ha iniziato con un “presentami i tuoi amici”. In principio fu Giulia. E vabbe’. Fatto subito. Poi il mio migliore amico. Io mi sono sempre fidato di chiunque. Sempre e troppo facilmente. Tra l’altro il mio migliore amico se la faceva un po’ con la qualsivoglia, e poi andava d’accordo con il mio ragazzo. Uscivano insieme, andavano al cinema, si vedevano spesso. Si telefonavano spesso, si messaggiavano.

Insomma il mio ragazzo mi chiedeva del mio migliore amico ogni giorno. E anche lui lo cercava spesso. Secondo voi io mi sono posto qualche problema? Assolutissimamente no. E di fatti, BRAAAAM! Tutti sapevano che se la facevano, tranne me. Beata ingenuità. Ovviamente io è il mio ragazzo ci siamo lasciati di lì a poco. Mi trascurava, litigavamo e si era perso un po’ il senso di noi due. Un anno dopo ho saputo della liaison segreta e così dal giorno alla notte ho chiuso con “quel” mio migliore amico. Io non gli ho dato spiegazioni alcune. Sono sparito e basta. Ma lui non mi è mai venuto a chiedere come mai. Per cui.

Ripresomi quasi subito da una travata del genere sono finito nelle braccia del Professore Porcone. In tutti i sensi. Da premettere che non abbiamo mai fatto sesso completo. Io l’ho dato nel 2007 quando mi sono trasferito a Roma. Con lui c’era una complicità giocosa e divertente. Viveva a Roma e due weekend al mese tornava in Abruzzo, mi chiamava tutti i giorni a quasi tutte le ore e facevamo davvero i picci picci bau bau. Ero soddisfatto e mi piaceva. Poi il dramma. Che è sempre dietro l’angolo. Weekend a Roma con gli amici, a lui non dico niente. Un classico. Volevo sorprenderlo. Il pomeriggio mi dice che andrà in quel locale, lo stesso dove decidiamo di andare io e i miei amici.

E SBARABADARABRAAAAAAAMMMM!!!! Lo trovo che se la pomicia con un bono devastante. Rimango interdetto. Senza parole. Lo avvicino quando è finalmente solo e gli dico subito che ho visto tutto e che mi doveva delle spiegazioni. Lui semplicemente mi dice che quello era il suo ragazzo. Con cui conviveva da tre anni. E con cui, qualche mese prima, si era sposato in Spagna.  E che io ero solo un diversivo. E che aveva diversi, altri diversivi. Insomma tante cose belle e carine da dire ad una persona. E invece. Non mi sono neanche dispiaciuto più di tanto. Ho cancellato tutto in tre secondi reprimendo ogni minimo dolore. A testa alta e su due piedi.

Il punto qual è? Che cosa ho capito io da queste due brutte esperienze? Non ammetto il tradimento. Ne sarei incapace. Posso capire tradire con il pensiero, magari davanti ad un bono oggettivamente tale. Ma son cose superficiali, queste. Se passa un bono per strada e lo sguardo lo segue me lo posso far andare bene. Magari faccio la pazza celebrolesa gelosa cretina per 10 minuti, ma finisce lì. Tradire fisicamente lo trovo un vero e proprio dispetto. Preferisco sentirmi vomitare addosso piuttosto che mandare avanti una storia rattoppata alla meno peggio. Magari mi struggo come se non ci fosse un domani. Ma almeno so che non ce n’è.

Eppure, come di consueto io sono stato la cavia di un orrendo gioco al massacro . Ma evidentemente doveva andare proprio così. Se vi pare.

NDSP: Dopo le chiacchieratissime puntata sui bisessuali e sulla coppia aperta, anche la puntata odierna sul tradimento offre tanti spunti di riflessione. Chi non è mai stato tradito? O chi non ha mai tradito? Raccontateci le vostre esperienze e condividete con Annabelle le vostre opinioni, commentando il post oppure scrivendo alla sua casella di posta elettronica [email protected] E siccome il dramma è sempre dietro l’angolo (oltre che nelle mutande), non perdetevi nemmeno il suo blog e le puntate precedenti di Sextastic.

Commenti via Facebook

Annabelle Bronstein

È davvero poco interessante sapere chi sono veramente. Mi sono laureato e subito dopo mi sono trasferito a Roma. Alla ricerca dell’amore. Quello con la A maiuscola, che ti fa battere il cuore e ti stende senza parole. Ma la ricerca, purtroppo, tutt’ora continua e io ho deciso, qualche tempo fa, di condividere con il web le mie avventure. E così è stato! Amante della musica pop, del cinema e del teatro, e col sogno nel cassetto di diventare una star a 360°, per ora non supero i 90! E mi diletto sulle pagine de Il Pisello Odoroso a farne di ben donde. Definito dai più come una puttan blogger, a me piace poco definirmi, e farne di più di ogni!
Annunci

Comments (13):

  1. Ballestrero

    20 novembre 2012 at 18:00

    Adesso sto cercando di capire che relazione passa dalla lettura di questo bel post (malgrado la tragicità delle tue esperienze di cui hai tutta la mia empatia) alla visione del video su youtube del pane al miele che hai fatto con Ariel. Forse la ricerca del divertimento? Se è così l’ho trovata!

    Rispondi
    • Annabelle Bronstein

      20 novembre 2012 at 19:03

      Quello nel video è il Signor Ponza. Chi scrive è Annabelle Bronstein!!! Cioè io. A fine post ci sono tutte le info! 😉

      AB

      Rispondi
      • Ballestrero

        20 novembre 2012 at 20:18

        Hai ragione Annabelle! Mi scuso per lo svarione dovuto alla senescenza. Ti seguo affezionato anche twitter, solo che lì mi chiamo wonderpana. L’incarto però contiene sempre un Ballestrero! A proposito, com’è venuto poi il pane al miele? Scofanato tutto? 🙂

        Rispondi
        • Signor Ponza

          21 novembre 2012 at 10:51

          Il pane al miele confermo che ce lo siamo scofanato in un solo pomeriggio! 😀

          Rispondi
  2. Marzio

    20 novembre 2012 at 21:03

    Sono una persona davvero molto rispettosa, ho tantissimi difetti che riverso in un rapporto di coppia, ma il rispetto per me stesso e per gli altri è un principio imprenscindibile, per questo non concepisco il tradimento. Tradire o essere tradito indifferentemente! Se ami davvero non senti il bisogno di cercare altro. Questo è tutto.

    Rispondi
    • Signor Ponza

      21 novembre 2012 at 10:52

      Sono d’accordo. E questo ci ricollega con i discorsi del post di settimana scorsa sulla coppia aperta. 🙂

      Rispondi
  3. Roberto ®

    20 novembre 2012 at 22:09

    Boh…io sono ancora schifato dal professore Porcone sposato da qualche mese e con diversi diversivi…

    Rispondi
  4. lok

    22 novembre 2012 at 22:13

    cerebroleso,cerebroleso,cerebroleso #grammarnazi 🙂

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: