Sextastic s02e22 – I Limoni

Ciao a tutti, e bentornati in questo ritardaterrimo appuntamento con Sextastic che la scorsa settimana si è preso una pausa. Un po’ per ricaricare le batterie e un po’ anche per trovare qualche nuovo argomento di cui trattare. A questo proposito invito i più assidui lettori di questa rubrica a mandarmi una bella e-mail ad [email protected] con magari qualche utile consiglio, così da riportare la luce nel buio che attanaglia le mie membra. Uaou come sono pazescah quando creo questi ingarbugliamenti di parole (#credeghe). Ma adesso lascio spazio al nuovo argomento.

Ovvero i Limoni del sabato sera. Limone con la “L” maiuscola. Lo so che state facendo una faccia strana. Sono certo che nella testa vi stia passando il pensiero che NO!, non c’è bisogno di una guida esclusiva al Limone. E invece. Non che ci sia poi molto da dire, in realtà, questa volta non c’è neanche bisogno di troppi appunti. Quando si va in discoteca, il luogo ideale per il Limone, dove già negli anni ’80 quando scattava il momento del lento, la qualsivoglia si dilettava nel Limonare e, sebbene oggi siano cambiate le circostanze, la voglia di lasciarsi andare resta alta. Viva e vegeta come allora.

Ovviamente è semplice riconoscere chi ne vuol fare di bendonde e vuole abbandonarsi al Limone duro, come se non ci fosse un domani. Prima di tutto sono coloro che passano il tempo a guardarsi intorno, a registrare gesti e sguardi. Sì perché prima di un ottimo limone c’è lo sguardo aggressivo e attento se mi passi vicino. Quando entra in funzione chi lo riceve capisce subito che la situazione, di lì a poco, diventerà hot. Se lo sguardo va a buon fine, si entra in una nuova fase. Ovvero quella del sorrisetto beffardo. Sì miei cari signori della Giuria, il sorrisetto vince. Chi ha voglia di Limonare con una persona accigliata o addirittura imbronciata? Nessuno.

No Way. Ovviamente, tutto ciò deve essere eseguito seguendo il ritmo della musica. Ultimo step prima di partire e darci giù di lingua, è sicuramente quello di attendere la canzone adatta. Con la canzone adatta e delle faccette ammiccanti al punto giusto, il gioco è pressoché fatto. Ad un certo punto i due attori del Limone sentono una sorta di spinta che li avvicina, in maniera veloce e verace. E zac! È fatta. Il Limone inizia, senza freni né inibizioni, ed è assolutamente controllato nella sua incontrollabilità. Cosa vuol dire? Vuol dire che stai Limonando. E sei in pista. E se le mani non continuano a “ballare” mettitele in tasca.

Limoni

Ecco. Una volta che il Limone si palesa, possiamo star tranquilli che abbiamo sicuramente guadagnato dei punti. Ma attenzione, perché il dramma è sempre dietro l’angolo.

Vanno specificati alcuni aspetti importanti, dei quali puntualmente anche il sottoscritto (nella fase più elevata del Limone) si dimentica. 1) È solo un Limone. Inutile accarezzargli i capelli. Quello non sarà mai il tuo ragazzo. Per cui tanto vale non sperarci. 2) Non fare domande. Nella fase del Limone le domande distruggono ogni fantasia. Se voleva farsi due chiacchiere tutt’al più si metteva su Grindr. 3) Evitare di andare oltre il Limone. Se il tipo ti ha Limonato è perché non voleva fare di certo niente di più e niente di meno, con nessun’altro. 4) La lingua ma i troppa, mai troppo poca. Segnatevelo.

Perché sottolineo questi quattro punti? Perché ovviamente esiste gente come me, che quando è lì a limonarsela come se non ci fosse un domani, mentre la lingua compie atti impuri, il cervello vola ed arriva addirittura già a pensare alla convivenza. Sì sì. Addirittura al colore delle tende. Mai fare quest’errore. Di solito il Limone non prevede nessun futuro. Anzi. Mi piace sottolineare anche che il giorno dopo il Limone non va mai ritrattato. Mai. Nonostante l’alcool, nonostante le milioni di variabili che intervengono (come l’essere fidanzati, per esempio): se Limone è stato, questo non va affatto sbeffeggiato e rispedito al mittente. Esiste. C’è stato. E va rispettato.

Ecco, sono stato sufficientemente chiaro. Occhio però, perché i Limoni sono belli proprio perché hanno una data di scadenza. Mai Limonare più di una volta con lo stesso soggetto. A meno che quello non diventi il vostro fidanzato. Ovvio no? Non fa una piega.

Sextastic Rubrica

[Le puntate precedenti di Sextastic]
[Il blog di Annabelle Bronstein]

Commenti via Facebook

Annabelle Bronstein

È davvero poco interessante sapere chi sono veramente. Mi sono laureato e subito dopo mi sono trasferito a Roma. Alla ricerca dell’amore. Quello con la A maiuscola, che ti fa battere il cuore e ti stende senza parole. Ma la ricerca, purtroppo, tutt’ora continua e io ho deciso, qualche tempo fa, di condividere con il web le mie avventure. E così è stato! Amante della musica pop, del cinema e del teatro, e col sogno nel cassetto di diventare una star a 360°, per ora non supero i 90! E mi diletto sulle pagine de Il Pisello Odoroso a farne di ben donde. Definito dai più come una puttan blogger, a me piace poco definirmi, e farne di più di ogni!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: