Sextastic s02e27 – Sopravvivere all’ormonella

Eccoci con un nuovo appassionante episodio di Sextastic. Bentornati miei cari su una delle rubriche più hot della rete. A proposito di robe hot, non so voi ma finalmente la temperatura sale su. Conseguentemente non solo allergie e spossatezza si impadroniscono del nostro corpo. Niente affatto, perché un nuovo drammatico agente si impossessa di noi. Sì miei cari, sto parlando dell’ormonella. Una devastante, inesauribile, voglia di farne di bendonde con il primo essere umano che capiti di lì a poco.

Ma se siete delle sfigate orrende come la sottoscritta e siete a corto di uomini (eh sì, è così, checché ne dica Paolo Fox), non resta altro che cercare di sopravvivere alla stessa con sagacia, ingegno e chi più ne ha ne metta. Ovviamente mi tocca sottolineare che questi espedienti sono tutti provati da me. E soprattutto in nessuna occasione sono ricorso all’aiuto di Federica. Più comunemente conosciuta come la nostra mano amica. Certo, ho deciso a priori che volevo combattere in maniera originale la voglia di cazzo. Ma vi lascio al countdown.

ormonella

3. Programmare vacanze
Visto che abbiamo fatto la muffa per tutto l’inverno ed abbiamo risparmiato come delle impavide formichine, è arrivato il momento di usufruire di quel piccolo e minuscolo gruzzoletto. Non è necessario ovviamente andare chissà dove. Basta anche solo un week end, con le persone giuste naturalmente. Quali le mete più utili? Sicuramente una capitale europea fa al caso nostro. Parigi, Londra, Barcellona, Helsinki o Amsterdam. Ovviamente più si va a nord e più bisogna pensare che possa essere più fresca l’aria. Utile, naturalmente, a refrigerare i bollenti spiriti. In generale il posto più è affollato e meglio è. Partite col presupposto che volete girare la città. Monumenti, gallerie e piazze. Ritagliatevi anche uno spazio per vivere la gay life locale. Senza troppe pretese, ovviamente, non aspettatevi troppo. E ricordate che Italians do it better. Specialmente all’estero. Un consiglio? Conquistate il tipo di turno con un invito a cena. Ma cucinate voi. Basta una banalissima chitarra alla bolognese per farlo cadere ai vostri piedi. Credetemi tutto già testato. La mia scelta? Londra, con mio cugino gay. Levatevi.

2. Fare shopping
Lo avete fatto il cambio di stagione? No. Bene. Siete stufi della vostra immagine? Sì? Benissimo. Proprio come me. Passate al setaccio tutto il vostro guardaroba, cercate di capire se quei capi vi rappresentino ancora. (Nel mio caso no, naturalmente). Tutto ciò che non vi piace più fatelo sparire ASAP. In che modo? Mercatini dell’usato, Caritas, pattumiera. Ok, la pattumiera solo in casi estremi, adesso anche da H&M portando l’usato ti ridanno dei buoni sconti per nuovi acquisti. Per cui basta solo organizzarsi. Tutto ciò che pensate possa essere ancora utile salvatelo, naturalmente. Io ho un’altra sezione di cose da non buttare assolutamente. Capi storici. La camicia della laurea, i pantaloni taglia 42 dell’estate del 2008 o la canotta con cui feci i provini di Cercasi Vj. La memoria va salvata. E poi dedicatevi allo shopping più sfrenato. Adesso, i tempi sono quelli che sono, me ne rendo conto, ma finalmente esistono siti on-line che ci aiutano a fare acquisti decenti a prezzi modici. Il mio consiglio? Avere il minimo di tutto. Ovvero studiate un look e modificate i capi principali, come pantaloni o t-shirt. Con pochi spiccioli si può arricchire e rinnovare totalmente il proprio look. E poi perché odio tutte le cazzo di commesse di Roma (Upclose escluso, obvisouly) La mia scelta? Asos, carrelo da 170 Euro, tra t-shirt, accessori e pantaloni. Ovviamente tutto durante i saldi di metà stagione. Basta l’ingegno.

1. Sorridere, sempre.
Questa è ovviamente la cosa più difficile da seguire. Insomma però: riflettete un secondo. Avete in programma una vacanza, avete rinnovato il vostro look, perché non esserne soddisfatti e felici? È ovvio che l’ormonella è sempre lì, dietro l’angolo pronta a ritornare. Ma tutto sommato non siamo mica delle totali sfigate orrende? Oltre a sorridere bisogna uscire. Passeggiare. E incontrare gli amici. Parlare molto. Sparlare anche. Camminare con andatura veloce, perché siete delle persone attive che hanno un milione di cose da fare. Anche se è palesemente falso. Girate per negozi, provate i vestiti ma non comprate nulla. Cercate di fare i difficili, ma sempre con educazione. Sempre col sorriso stampato sulla faccia. Il sorriso conquista e intimorisce allo stesso tempo. Nessuno sbrocca alle persone sorridenti. Nessuno. E poi credetemi, quando meno ve lo aspettate, ci sarà un tipo carino, simpatico, che inevitabilmente si imbatterà nel vostro sorriso. E ne vorrà da voi. Proprio per questo, sorridere, anche quando proprio non vi va, oltre ad essere difficile, è assolutamente necessario. Certo, io ancora non incontro nessuno, ma hey, adesso esco. E chissà che…

Intanto non mi deludete. Non cedete alla stramaledetta ormonella. Noi siamo decisamente più forti. O almeno tocca crederci, almeno un po’. E io ci credo.

Sextastic (app)

[L’archivio di Sextastic]
[Il blog di Annabelle Bronstein]

Commenti via Facebook

Annabelle Bronstein

È davvero poco interessante sapere chi sono veramente. Mi sono laureato e subito dopo mi sono trasferito a Roma. Alla ricerca dell’amore. Quello con la A maiuscola, che ti fa battere il cuore e ti stende senza parole. Ma la ricerca, purtroppo, tutt’ora continua e io ho deciso, qualche tempo fa, di condividere con il web le mie avventure. E così è stato! Amante della musica pop, del cinema e del teatro, e col sogno nel cassetto di diventare una star a 360°, per ora non supero i 90! E mi diletto sulle pagine de Il Pisello Odoroso a farne di ben donde. Definito dai più come una puttan blogger, a me piace poco definirmi, e farne di più di ogni!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: