636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza

eliminazione

XF10 - La quinta puntata dei live

#XF10 – La quinta puntata dei Live

Nemmeno il tempo di riprenderci dallo psicodramma collettivo di settimana scorsa, con la doppia eliminazione, di cui una per volontà degli stessi Diana Lou (l’altro, ahimè, è stato eliminato dal

Annunci
X Factor 9 Terza Puntata

X Factor 9 – La terza puntata dei live

Ah, signora mia, come passa il tempo quando ci si diverte! Sembrava ieri che assistevamo a un’altra performance indimenticabile di Luca a X Factor, quando in realtà sono passati già

#XF6 Live Puntata 9 – La finalissima: perché niente è come te e me insieme

Avete fatto il ripassone che oggi interrogo? Stiamo finalmente per scoprire chi flopperà sfonderà nel mercato discografico italiano per i futuri 30 2 anni. Che la finalissima di X Factor 2012 abbia inizio.

Si parte subito forte con un simpaticissimo siparietto tra Alessandro Cattelan e Eros Ramazzotti che vince la Palma d’Oro per la peggior interpretazione ever.

I tre finalisti si esibiscono insieme a Eros sulle note di Terra Promessa. A contorno del tutto c’è della carne di manzo di prima scelta che suona dei tamburi. Un solo sguardo a Ramazzotti ci fa capire che la nevicata di questa sera a Milano non è per nulla casuale.

Per il vincitore ci sono in palio ben 300.000€ di contratto con una casa discografica, più o meno l’equivalente che un giovane laureato riuscirebbe a mettere insieme dopo 50 anni di stage a 500€ al mese. Quindi se non vince Chiara, giuro che grido.

Stasera ogni concorrente avrà l’occasione di duettare con un cantante in cerca di raccimolare qualche euro perché caduto in rovina artista di fama internazionale. Davide e Skye (ex Morcheeba) cantano Rome Wasn’t Built in a Day. Davide canta tutto alla stessa maniera, sempre muovendosi con la stessa scioltezza di un blocco di cemento armato. Simona invece è tarantolata e non sta ferma un attimo. Come già ricordato, ha nevicato di brutto su Assago.

Daniele Coletta live al Punto Enel – Video e cronaca dell’incontro

La mia mano destra, dopo aver stretto quella di Jovanotti e Carmen Consoli, aggiunge al curriculum anche Daniele Coletta di X Factor 2012 (e anche di Ti lascio una canzone, per dire).

Venerdì, in compagnia dell’Ariel (che ringrazio soprattutto per aver sopperito alla mia incapacità di dare un resoconto decente per la parte audio-visiva), sono stato al Punto Enel di via Broletto, non tanto per risolvere quel problema con il conguaglio sulla fattura del mese di febbraio 2011, ma principalmente per incontrare lui, l’eliminato di questa settimana che, puLtroppo era proprio il mio preferito Daniele.

Piccolo riassunto per chi negli ultimi due mesi fosse in coma e non sapesse di chi stiamo parlando. Daniele è stato uno dei concorrenti più interessanti tra quelli arrivati alla fase finale di X Factor 6, che si è distinto per un timbro di voce unico e per le sue capacità vocali da studio di registrazione. Perché Daniele ieri si è trovato a incontrare il Signor Ponza (cosa che non auguro a nessuno) invece che vincere l’edizione 2012 del programma? Semplice, perché Simona Ventura non ha capito una ceppa ha fatto delle scelte musicali azzardate e non del tutto coerenti con le caratteristiche del suo pupillo.

Com’è come non è (cit.), ieri ha incontrato i fan le fan davanti a cui si è esibito con quattro canzoni che hanno caratterizzato il suo percorso all’interno del programma: Strange World, Tutti i miei sbagli, I Don’t Wanna Miss a Thing e I Can’t Stand the Rain. Alcune considerazioni sparse prima di mostrarvi i video della performance:

  • le ragazzine sono letteralmente impazzite per Daniele, nella sala si respiravano ormoni di 14enni come nemmeno a un concerto di Justin Bieber;
  • io mi sono sentito incredibilmente VECCHIO;
  • Daniele è estremamente disponibile e gentile, ma soprattutto canta davvero in maniera pazzesca.
Le fan di Daniele di X Factor al Punto Enel

 

Prego regia, agevoliamo i filmati.

#XF6 Live Puntata 6 – Sdi be lei leiba?

Dopo la puntata di settimana scorsa vista e recensita in differita, questa sera torno nel magico mondo di SKY in HD e mi gusto la puntata in diretta e le rughe di Simona Ventura fino all’ultimo pixel.

Siamo tutti d’accordo che questa è la puntata in cui eliminiamo i Frères Chaos o Cixi? Ed è la stessa puntata in cui elimineremo fisicamente Max Novaresi? Molto bene allora. Incominciamo.

Per la cronaca, il tema della puntata è la dance. Ce lo ricordano anche i ragazzi che aprono con una frocissima coloratissima performance fatta di I Will Survive di Gloria Gaynor in versione tutt’altro che dance. Il ritmo pian piano sale e, manco a dirlo, Daniele è a suo agio come un limone tra le cozze.  In ogni caso il concetto di “dance” degli autori è rimasto un tantino arretrato, tipo agli anni ’70.

La mia teoria secondo cui ospiti di prestigio e ospiti poracci si alternano sul palco di X Factor viene confermata dalla presenza questa settimana di Conor Maynard.

Si parte subito con un triplo salto mortale: Ics che canta Malarazza di Modugno in versione dance. L’arrangiamento è decisamente circense, così come performance e costumi. Un animale da palcoscenico che forse ha trovato il giusto ammaestratore. Elio dimostra subito che è incarognito per l’eliminazione di Nice come nemmeno la peggiore Arisa dopo l’eliminazione delle DonaLella.

Simona presenta Davide infilando una serie di parole a caso, evidentemente pescate da un bambino bendato all’interno di un’urna prima della trasmissione. Tra queste: “David Guetta”, “let’s have a party”, “dance mondiale” e “sdi be lei leiba”.

Davide canta Apologize di Timbaland e Simona se la scoatta come fa solitamente le sere in cui all’Hollywood nevica.

Tommassini decide di fargli strusciare addosso una sventola del corpo di ballo e Davide, che da ormai settimane non ha modo di “scaricare la tensione con la fidanzata”, non capisce più nulla e fa una performance demmerda al di sotto delle aspettative. Caldaia però riscuote come al solito le molestie sessuali verbali di Arisa.

#XF6 Live Puntata 3 – Vorrei sentirvi in un pezzo in italiano

Stasera il pubblico di X Factor si divide in due categorie: quelli interessati alla gara e quelli interessati agli One Direction. Nella prima categoria rientra il sottoscritto e tutte le persone che hanno superato i sedici anni, nella seconda rientrano tutte le ragazzine ormonellose, che tendenzialmente devono ancora scoprire le gioie del sesso,  si fanno chiamare Directioner e si scattano foto come queste (credits a @matteowolk, che è un Directioner a sua volta):

A questo punto l’obiettivo dichiarato di questa cronaca della puntata di X Factor diventa provocare le Directioner (ad esempio lanciando la scommessa su chi sarà la Geri Halliwell dei One Direction, che abbandonerà per primo il gruppo per darsi alla carriera da solista e girare video su uno yacht con Luca Tomassini), per scatenare una guerra carampunica nei commenti e fare il picco delle visite, come modestamente era già successo grazie alle carampane di Matteo Becucci. Mica cazzi.

Ma basta con la chiacchiera e con i brufoli, è già arrivata l’ora di immergerci nella gara. Sono carico come una molla e questo vuol dire che se tutto va bene mi addormenterò già dopo la prima manche.

Si comincia con gli Scissor Sisters che nel frattempo sono in contemporanea in concerto ai Magazzini Generali, le magie della televisione. Jake Shears sempre più Immanuel Casto, mentre Simona Ventura stasera è conciata come se stesse per partecipare a una di quelle festicciole in cui ci si maschera e ci si porta dietro pure il frustino, ma non perché ci sono dei cavalli nei dintorni.

Dopo la performance registrata di Only The Horses incomincia il vero live. L’età media del pubblico è 14 anni. E nella media ho già calcolato anche l’età di Simona Ventura, per dire. La puntata di stasera è dedicata ai gruppi, come a voler illudere la categoria di Arisa di avere chance di vincere. Mi dispiace dirvelo, però non siete mica le DESTINI CIALIS.

Primissima a esibirsi dopo un pippone immenso di Morgan in cui vomita parole a caso come glam, elettropunkgrunge e prot, è Chiara con I Want to Hold Your Hand dei Beatles. Le si chiede di essere sensuale, la vestono di pizzo e l’effetto è esattamente quello che immaginavo: porno segretaria anni’80. Con la stessa scioltezza di una giovane anziana di 80 anni. La sua voce però spicca su tutto: sui pizzi, sui merletti e anche su Morgan.

Daniele questa sera è sponsored by Puma, oltre che da Simona Ventura che dal tavolo dei giudici balla come un’ossessa, ricordando i bei tempi andati al Billionaire in mezzo ai russi coi pippi, mentre lui canta Tutti i miei sbagli dei Subsonica. Per me Daniele è un sì tutta la vita.  Un no per i suoi capelli. Simona comunque, oltre ad avere evidenti problemi con l’italiano, ha evidenti problemi con la scelta dei brani. E poi prova a buttarla sulla tv del dolore evocando il padre che non gli dice “bravo”. Quand’è che cambiamo i giudici?

Arisa sceglie per i Fratelli Incesto Little Talks dei Of Monsters and Men. Noto solo ora che il vestito di Arisa sembra lattice e che già me la vedo partecipare alla stessa festa a cui parteciperà più tardi Simona con il suo frustino. E quindi tutto torna. I Fratelli Jattura cantano correndo all’impazzata da una parte all’altra del palco come faccio io quando gioco a Singstar coi microfoni wireless. E anche la qualità della performance ricorda molto le mie esibizioni. Simona ha finalmente la possibilità di sfoggiare il suo “questa è una scelta gigiona”.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: