636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza

tatu

Referendum Crimea

Il referendum in Crimea: 3 motivi per cui è giusto votare Sì – (F)relfex

E” lunedì, e come ogni lunedì da un tot di tempo a questa parte riappare l”herpes da inizio setitmana la rubrica (F)Reflex con “La foto della settimana”. Per questa volta

Annunci

#XF6 Live Puntata 1: Moige dove sei quando servi?

Ok, il giovedì è ufficialmente il giorno di #AskFabry, ma per noi che ci facciamo ancora estorcere ogni mese il pizzo da Sky il giovedì significa anche X Factor. Dopo quattro puntate dedicate alla demolizione psicologica selezione dei candidati, è arrivato il momento della gara vera e propria, quella che condurrà uno degli artisti o dei gruppi vocali (credeghe) alla conquista della sagra della porchetta mercato discografico.

Si inizia con Alessandro Cattelan vestito come un tappeto da biliardo (o hostess Alitalia, fate voi) e un giusto omaggio alla vincitrice della scorsa edizione, Francesca Michielin. I cantanti in gara quest’anno fanno da coristi sullo sfondo, ottenendo così un assaggio di quella che, nella migliore delle ipotesi, sarà la loro carriera futura. L’omaggio a Francesca si trasforma presto in un omaggio al superospite della serata: Robbie Williams. Non so voi, ma l’ultima volta che ne avevo sentito parlare, l’ex Take That si travestiva da gorilla per nascondersi dagli alieni nella campagna inglese. Canta uno dei miei cavalli di battaglia a Sing Star, ossia Let Me Entertain You.

Segue l’ingresso dei giudici. Arisa elegante in nero, Morgan barocco in bianco (in faccia e sotto il naso), Simona con taglio di capelli sbarazzino che cancella il look matrona dello scorso anno e Elio in versione punk con cresta rossa. Cattelan ci ricorda che quest’anno si può praticamente votare in qualsiasi modo: via Facebook, via Twitter, via app per iPhone o Android, via SMS, via decoder Mysky, ma anche inviando un piccione viaggiatore, un segnale di fumo (attenti però al fumo che usate: potreste trovarvi Morgan sulla porta di casa), una scoreggia o un rutto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: