636677.8dd5717.d2017444d5964f338385d63985e4c44b
Il blog del Signor Ponza

The Voice of Ponza

The Voice of Ponza – La finale: The Voice of Albania

Tutto è pronto per l’ultima puntata di The Voice of Italy, anche conosciuta come il giorno in cui smetto di espiare questa colpa che ho iniziato a portare sulle spalle

Annunci

The Voice of Ponza – Live Show – La Semifinale: The Voice of Inediti

C’è molto hype per questa puntata di The Voice che sarà a tutti gli effetti la penultima di questa edizione. Tutta questa eccitazione che nemmeno per un cambio di look

The Voice of Ponza – Live Show 4a puntata: The Voice of Ormone delle Casalinghe

Questa sera commenterò la puntata di The Voice, dopo la magistrale supplenza di settimana scorsa di Fabry, dilaniato da un dilemma interiore: seguire Eurovision Song Contest o Raffaella Carrà? Alla

The Voice of Ponza – Live Show 3a puntata: The Voice of Anche Meno

The Voice of Ponza (app)

Come dice la nostra amica Annabelle “Il dramma è sempre dietro l’angolo”, e questa sera il Signor Ponza mi cede la parola a causa di problemi di natura logistica. Ci scusiamo per il disagio. Mentre io mi sento tanto la Belen di questo blog, la puntata comincia con una bellissima Carolina acconciata come l’ultimo dei Moicani e Troiano con due occhiaie che fanno provincia di disagio e vergogna. La buona notizia è che ad aprire la gara ci sono i bravissimi Bastille che sono tra i gruppi più interessanti del momento, ma che pare abbiano questa sera la gastrite.

Il primo team in gara è quello di Noemi. Questa sera le parrucchiere della RAI si sono visibilmente fumate qualcosa di non legale perché la nostra amica dai capelli rossi ha una sottospecie di cipollotta tenuta insieme dal suo ormai famigerato cagnotto rasta. Passando alla gara, la nostra lella preferita Silvia Capasso, fasciata in una tunica da setta satanica ci delizia con Tutti i brividi del mondo di Anna Oxa. Momento amore arcobaleno con la fidanzata di Silvia che sale sul palco, io e mia mamma ci commuoviamo un po’. Giuseppe Scianna, nuovo testimonial delle serata bear del Borgo, canta La cura e subito il mio pensiero va a questi capolavori così magristralmente stuprati da dilettanti allo sbaraglio che Corrado trafugati la tomba da solo e indignati. Nel mentre ci stiamo tutti addormentando, io e i miei amici di twitter che commentano questa puntata di Karaoke. La terza cantante amica del clito è Diana Winters, che personalmente apprezzo molto, e che questa sera ci fa vivere grandi emozioni con Eppur mi son scordato di te. Un po’ deludente però, anche secondo mia madre che suggerisce di evitare di far cantare a queste giovani promesse della musica solo pezzi rock. Chiudiamo in bellezza, e invece, con Flavio Capasso che sembra anche vagamente chiavabile, ma che una vocale pronunciata correttamente potrebbe anche regalarcela. Stupro dell’inglese, mi sembra di essere a The Voice of Romania.

La cosa più bella della puntata fino ad ora è la pubblicità dei fanghi d’alga GUAM, e ho detto tutto. Non è vero, un applauso anche al corpo di ballo che merita e di cui proponiamo un tweet direttamente da un componente del cast.

 

L’unica e sola Amy Winehouse viene scomodata per questo momento finale che vede il team di Noemi al completo per compiere questo SACRILEGIO. Povera Amy, capisco perché hai cominciato a drogarti. Dopo questo momento di tensione vengono annunciati i vincitori del televoto: si salvano Giuseppe Scianna e Silvia Capasso, solo un nome però verrà pronunciato dalle suadenti labbra di Noemi e quel nome è: Diana! TEAM LELLE.

The Voice of Ponza – Live Show 2a Puntata: The Voice of Carolina Di Domenico

The Voice of Ponza (app)

Amiche. Amici. Fan di Raffaella Carrà. Sono tornato dopo la mia settimana di assenza e la puntata di The Voice of Ponza magistralmente curata dal mio supplente aka Fabry. So benissimo che, come succede a scuola, vi siete già innamorati di lui, ma il mio ruolo è quello di insegnante stronzo (anche nella vita) e da questa settimana si torna a studiare che oggi interrogo. Chi si offre volontario per spiegarmi le regole di questi live show? Sappiate che non sono accettate risposte diverse da “è un regolamento pazzesco, avvincente, che tiene incollati allo schermo cancellando tutta la noia delle battles“.

La puntata comincia nel peggiore dei modi: con Fabio Troiano e i suoi sorrisi sforzatissimi. Come se non bastasse, il conduttore sottolinea che lo show è in diretta guardando l’orologio e dicendo che ore sono. In un solo colpo siamo tornati negli anni ’90.

Per fortuna arrivano i coach, che sono l’unica cosa che mi sta simpatica in The Voice, Cocciante compreso. Giuro che se Troiano sorride ancora gli spacco i denti. L’ingresso è trionfale, soprattutto quello di Raffaella Carrà che, con il suo medley, trasforma in pochi secondi lo studio in una serata estiva a Torre del Lago.

Cocciante esaltato

Il primo team in gara questa sera è il Team che tenerezza mi fa Cocciante. Riccardo decide di rendere omaggio alla più grande artista italiana vivente (dopo Raffaella Carrà) cantando con i suoi ragazzi la cover di Io canto. (Il primo che nei commenti mi spiega che la canzone è in realtà di Cocciante vince Fabio Troiano a casa per una settimana che gli sorride). Elhaida Dani ha il compito di rompere il ghiaccio con All By Myself, una canzone inno mondiale delle donnemerda. All’inizio c’è qualche incertezza, poi migliora anche perché a urlare siamo capaci tutti, ma direi che tutto sommato la porta a casa. Donato Perrone ci fa ballare come le matte cantando Long Train Running. Io spero che lui vinca perché è amico di un mio amico di blog, quindi non si discute. Mattia Lever si cimenta con Angels di Robbie Williams. Premesso che ci sono alcune mie conoscenti che hanno più barba di Mattia, la sua non completa maturità artistica viene fuori tutta da questa esecuzione senza anima e soprattutto senza inglese. Insomma, mi ha fatto scagare.

Ultima del quartetto è Federica Celio con Oh che sarà di Fiorella Mannoia. Una versione raffinata come piace a noi radical chic di sinistra che frequentiamo i salotti e i corridoi del Palazzo. La busta nella persona della busta decide che il primo a passare alla fase successiva è Mattia Lever. Mentre Riccardo Cocciante nella persona di Riccardo Cocciante sceglie Elhaida.

The Voice of Ponza – Live Show 1a Puntata: The Voice of Fabry

The Voice of Ponza

Per questa puntata c’è qualcosa di speciale nell’aria, il nostro buon Signor Ponza si trova all’estero impegnato in un’operazione diplomatica (AKA è in Liguria al mare come tutte le milanesi orrende) e quindi io, che sono convalescente lo sostituisco molto volentieri non avendo niente di meglio da fare.

La puntata si apre con una performance live dei quattro giudici featuring Patti Smith. Non so se sia più agghiacciante Raffaella Carrà che canta dal vivo o i pantaloni di pelle di Piero Pelù che lasciano poco all’immaginazione. A presentare il tutto non bastava Troiano, quell’essere inutile, ma la produzione nella figura della produzione ha ben pensato di aggiungere quella fica lessa di Carolina di Domenico. Detto questo, vi lascio con la mia cronaca della puntata accompagnato dai miei amici di twitter che riescono sempre a declinare gli insulti quasi meglio di me.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: